Approfondimenti del giorno


Chi ha fruito del III, IV e V Conto energia e della Tremonti-ambiente sugli impianti deve restituire l'agevolazione entro il 22 novembre 2018, prorogato al 31 dicembre 2019. Il D.L. n. 124/2019 consente alle imprese di rinunciare ai giudizi versando l'intera imposta corrispondente al vantaggio fruito entro il 30 giugno 2020, senza sanzioni o interessi. Chi non definisce potrà proseguire il contenzioso. Si prospetta, quindi, una precisa scelta alle imprese che hanno fruito della Tremonti ambiente cumulandola con gli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici relativamente al III, IV e V Conto energia.
Articolo riservato agli abbonati

Dispone lo Statuto del contribuente che è diritto dello stesso, quando sottoposto a verifica fiscale, presentare all’ufficio, entro il termine di sessanta giorni, osservazioni e richieste, che dovranno essere valutate dallo stesso ufficio impositore.
L’accertamento non può essere emesso, quindi, prima della scadenza di detto termine, eccezion fatta per situazioni di particolare e motivata urgenza.
Per il calcolo dei 60 giorni conta la data di sottoscrizione.
Articolo riservato agli abbonati

Commercialista Telematico - Software,ebook,videoconferenze

Il caso del giorno

Il CNDCEC ha prorogato a gennaio 2020 l'entrata in vigore delle Regole Tecniche Antiriciclaggio (che dovevano entrare in vigore a fine luglio). Tuttavia la legge stabilisce che le direttive sono ratificate solo in seguito a consultazione preventiva del Comitato di Sicurezza Finanziaria.
Quindi la proroga del CNDCEC è davvero efficace?
Proviamo a sciogliere i dubbi dei nostri lettori e a vedere quali adempimenti non rientrano nella proroga

Il parere dell'esperto

Ultimi articoli


Chi ha fruito del III, IV e V Conto energia e della Tremonti-ambiente sugli impianti deve restituire l'agevolazione entro il 22 novembre 2018, prorogato al 31 dicembre 2019. Il D.L. n. 124/2019 consente alle imprese di rinunciare ai giudizi versando l'intera imposta corrispondente al vantaggio fruito entro il 30 giugno 2020, senza sanzioni o interessi. Chi non definisce potrà proseguire il contenzioso. Si prospetta, quindi, una precisa scelta alle imprese che hanno fruito della Tremonti ambiente cumulandola con gli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici relativamente al III, IV e V Conto energia.
Articolo riservato agli abbonati

Dispone lo Statuto del contribuente che è diritto dello stesso, quando sottoposto a verifica fiscale, presentare all’ufficio, entro il termine di sessanta giorni, osservazioni e richieste, che dovranno essere valutate dallo stesso ufficio impositore.
L’accertamento non può essere emesso, quindi, prima della scadenza di detto termine, eccezion fatta per situazioni di particolare e motivata urgenza.
Per il calcolo dei 60 giorni conta la data di sottoscrizione.
Articolo riservato agli abbonati


L'INAIL con una recente circolare ha fornito i nuovi valori per il calcolo delle prestazioni economiche per infortuni sul lavoro e malattie professionali nei settori: industria, marittimo, agricoltura, medici radiologi colpiti dall’azione dei raggi X e delle sostanze radioattive, con un aumento di importo per le prestazioni di nuova corresponsione ma anche di quelle già in essere...
Articolo riservato agli abbonati

Il Fisco può procedere alla compensazione giudiziale dei crediti vantati dal contribuente a fronte di propri contro-crediti nei confronti dello stesso soggetto. Segnaliamo l'interessante caso di un istituto di credito a cui è stata opposta la compensazione successivamente alla richiesta di rimborso di un credito fiscale rilevato onerosamente da un contribuente terzo.
Articolo riservato agli abbonati

È stata recentemente elaborata dalla commissione notarile del triveneto una posizione significativa riguardo il comportamento inadempiente del socio di società di capitali che non partecipa sistematicamente alle assemblee societarie. Tale mancanza del socio, assai diffusa nella prassi, non aveva fin ora trovato soluzione. La legge infatti non ha espressamente previsto la possibilità di adottare alcun provvedimento in merito.
Articolo ad accesso libero

Nel DQ del 15 Novembre 2019:
1) Stop a super e iper-ammortamento per far posto ad un nuovo bonus fiscale meno conveniente per le imprese?
IN EVIDENZA: 2) Applicabile la sanzione meno grave per gli errori commessi sul bonus R&S
3) Ok al bonus R&S per il lavoratore “distaccato” purché partecipi sotto la direzione dell’utilizzatore
4) Sui dividendi versati ai fondi pensione stesso trattamento fiscale sia se residenti o meno
5) Tutte le comunicazioni di assunzione/cessazione vanno ora inviate al Ministero del Lavoro, ma il canale telematico è rimasto lo stesso
6) Per la banca fuori dalla vigilanza della Banca D’Italia non è dovuto il contributo straordinario
7) Tutti i chiarimenti su come certificare i corrispettivi sulle prestazioni di servizio rese da ristoranti e alberghi, anche tramite agenzie di viaggi
8) Misure fiscali agevolative per le imprese tra proroghe (super/ iperammortamento) e nuovi bonus (progetti ambientali)
Articolo riservato agli abbonati

Il quadro RS del Modello Redditi 2019, titolato “Regime forfetario per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni – Obblighi informativi”, è il prospetto all'interno del quale i contribuenti forfettari che nel 2018 abbiano applicato il predetto regime, devono fornire alcune specifiche informazioni. Come noto, i forfettari non assumono la qualifica di sostituto d’imposta e quindi non operano all’atto del pagamento la ritenuta alla fonte, tuttavia, in sede di Dichiarazione, comunicano i dati relativi ai redditi erogati per i quali, all’atto del pagamento, non è stata operata la ritenuta. Vediamo nel dettaglio come procedere.
Articolo riservato agli abbonati

L’Agenzia delle entrate è recentemente intervenuta sul tema della cessione di un pacchetto clienti da parte di un’azienda, ritenendolo imponibile ai fini IVA, al pari della cessione di un bene e non quindi al pari di una cessione di azeinda. A questa conclusione è pervenuta con varie argomentazioni che approfondiamo in questo contributo.
Articolo riservato agli abbonati



Nel DQ del 14 Novembre 2019:
1) Chiropratico esente da Iva
2) Cessazione del rapporto di locazione di immobili commerciali: l’indennità è esclusa da Iva
NOTIZIA IN EVIDENZA - 3) Ecobonus cedibile ad altro condomino
4) Proventi al manager rientranti tra i redditi di natura finanziaria
5) Trattamento fiscale dei compensi spettanti ai giudici tributari
6) Regime forfettario nei “contratti misti” di lavoro
7) Nuovo avviso #Conciliamo per le imprese che investono nel welfare aziendale
8) Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito del personale delle aziende di trasporto pubblico
9) Fondo di previdenza del clero: aggiornamento del contributo
10) Bonus bebè: termine ultimo per il rinnovo dell’ISEE 2019
Articolo riservato agli abbonati

Nel DQ del 13 Novembre 2019:
1) Pace fiscale: rata entro il 2 dicembre
2) Plusvalenza derivante dalla cessione d’azienda: non tassabile nel regime forfettario
IN EVIDENZA: 3) Causa di esclusione ISA per l’impresa inattiva
4) Trattamento fiscale dei costi sostenuti per l'acquisto dei terreni e per la costituzione a tempo determinato del diritto di superficie o di usufrutto su terreni altrui
5) Versamenti in acconto imposte dirette: ecco i chiarimenti delle Entrate
6) Nuovi gruppi di minori dimensioni: obbligo di redazione del bilancio consolidato
7) Asili nido gratis dal 1° gennaio 2020
8) Commercialisti in prima linea nella battaglia per la legalità
9) Fondazione Studi Consulenti del Lavoro: le risposte su licenziamenti e ritenute fiscali negli appalti
10) Licenziamento legittimo se l’azienda è in sofferenza
11) Ritenute fiscali in caso di appalto, alla luce delle modifiche introdotte dal D.l. 124/2019
12) Ritenute fiscali in caso di appalto: il Durc fiscale eviterà complicanze
Articolo riservato agli abbonati

Il 2 dicembre (30 novembre cade di sabato) scade il termine per il pagamento del secondo (o unico in certi casi) acconto delle imposte dirette 2019.
Il D.L. 124/2019 ha introdotto alcune novità circa il calcolo di quanto dovuto dai contribuenti soggetti agli ISA e dai forfetari. In particolare per il 2019 l’acconto sarà pari al 90% di cui il 40% eventualmente già versato e 50% che rimane da versare. A partire dal 2020 l’acconto tornerà ad essere pari al 100% ma le due rate saranno uguali (50% ciascuna).
Articolo riservato agli abbonati



L’Agenzia delle Entrate ha fornito numerosi chiarimenti riguardanti l’applicazione dei nuovi ISA, ma almeno durante il primo anno di applicazione dei nuovi indicatori, sembra aver attribuito scarsa rilevanza al consolidato fiscale.
Presumibilmente il numero delle società che ha effettuato la scelta di “consolidare” il proprio reddito non è particolarmente rilevante. Tuttavia, sussistono numerose incertezze riguardanti soprattutto l’applicazione del regime premiale degli ISA. Approfondiamole.
Articolo riservato agli abbonati

Il Disegno di Legge di Bilancio 2020 prevede il mantenimento a 65.000 euro del limite dei ricavi conseguiti o compensi percepiti nell'anno precedente per accedere al regime forfettario agevolato.
Articolo ad accesso libero

Nel DQ del 12 Novembre 2019:
1) Privacy: anche se manca il consenso, l’istituto bancario non può “congelare” il conto del cliente
2) Regime dei minimi: in arrivo soglie UE armonizzate per le esenzioni Iva
3) In Italia il regime semplificato per le imposte sui redditi dal 2020
4) Revoca del mandato al precedente Commercialista: a chi spetta presentare le ultime dichiarazioni
5) Antiriciclaggio: le novità si applicano dal 10 novembre 2019
6) Rimborso minori entrate relative all’ICP, CIMP, TOSAP e COSAP per i comuni interessati dagli eventi sismici verificatisi dal 24 agosto 2016 nelle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria
7) Nuova disciplina delle procedure di affidamento di contratti pubblici in caso di crisi d’impresa e di insolvenza
NOTIZIA IN EVIDENZA 8) Pesanti sanzioni per le fatture elettroniche scartate dal sistema (SdI): si considerano non emesse
9) Ok al credito d’imposta per l’attività di ricerca e sviluppo alla società
10) Prestazioni economiche per infortunio sul lavoro e malattia professionale: rivalutazione dal 1° luglio
11) Bonus Sud: 24 milioni ancora disponibili
12) Cessione ad esportazione abituale: per il plafond vale l’anno dell’operazione
13) In aumento il numero delle partite IVA: + 5,7%, soddisfazione governativa
14) Ma i Commercialisti non ci stanno: Manovra 2020 con “troppi nuovi balzelli” e lavoro autonomo trascurato
Articolo riservato agli abbonati




Il Disegno Di Legge di Bilancio 2020, all'articolo 30, prevede a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2018, in sostanza dal 2019, il ripristino dell'applicazione del meccanismo fiscale di Aiuto alla Crescita Economica - ACE
Articolo ad accesso libero

Una risposta fornita recentemente dalla rivista ufficiale dell’Agenzia delle entrate ha ritenuto agevolabili anche gli investimenti in hardware e software, richiamando un precedente decreto del Mise applicabile quando il credito d’imposta in questione è richiesto con le modalità del PON.
Al riguardo, stante l’obbligo dell’iscrizione dei beni agevolabili nelle categorie di bilancio degli impianti, macchinari e attrezzature, si ritiene comunque che, nel rispetto dei presupposti agevolativi, il bonus non spetti genericamente per ogni tipologia di hardware e software ma solo se hardware e software siano iscrivibili nelle categorie di beni agevolabili.
Articolo riservato agli abbonati

L’art. 4–ter del D.L. n. 34/2019, aggiunto dopo l’iter di conversione in legge del c.d. decreto crescita, contiene un’importante novità destinata ad incidere sull’operatività degli studi professionali e degli intermediari incaricati.
Ciò al fine di effettuare la trasmissione dei dati contenuti nelle dichiarazioni fiscali e nelle altre comunicazioni destinate all’Agenzia delle entrate.
Articolo ad accesso libero

Nel DQ dell'11 Novembre 2019:
1) E’ on line l’elenco degli Innovation Manager
2) SPID: online le linee guida per le identità digitali per uso professionale
3) Deduzione IMU sugli immobili strumentali per il 2019 fissata al 50%
4) Prorogata detrazione per spese di riqualificazione energetica e ristrutturazione edilizia
5) Sport bonus esteso al 2020, inserite anche le ASD e gli enti di promozione sportiva tra i destinatari del fondo
6) Credito di imposta per la formazione 4.0 prorogato al 2020
7) Bonus facciate al 90% delle spese documentate fatte nell’anno 2020
8) Regime forfettario modificato dal 2020
9) Nuova Sabatini, investimenti SUD ed investimenti eco-sostenibili delle PMI anche per il 2020
10) Imposta sui servizi digitali
11) Riforma della riscossione Enti locali: l’accertamento esecutivo degli enti locali parte dal 2020
12) Ritorna l’ACE, va via la mini Ires
NOTIZIA IN EVIDENZA: 13) Regime speciale per i lavoratori impatriati: risposta dell’AdE
15) Al via la piattaforma ANF
16) Commercialisti: Corso E-learning Revisione legale dei conti 2019
Articolo riservato agli abbonati

La gestione del lavoro frontaliero solitamente viene preso in considerazione con riguardo ai lavoratori residenti in Italia che svolgono la propria attività lavorativa in un paese di frontiera (maggiormente nei territori di Francia e Svizzera); non dissimile è il caso del lavoratore non residente che effettua la propria prestazione in Italia. In tal caso però, è necessario valutare se tale soggetto dovrà versare le imposte in Italia o nell’altro Paese di confine.
Articolo riservato agli abbonati


L’On. Alessandro Pagano ha confermato la volontà politica di approvare la Riforma della Giustizia Tributaria, autonoma, con giudici professionali, vincitori di concorso pubblico, ben retribuiti e, soprattutto, dipendenti dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e non più, come oggi, dal Ministero dell'Economia e Finanze.
Articolo ad accesso libero

Con questo secondo articolo intendiamo approfondire alcuni degli aspetti più frequenti delle cosiddette successioni transfrontaliere o "cross-border" tra Italia e Stati Uniti.
In particolare ci soffermeremo su una questione particolarmente spinosa e cioè quella della determinazione della legge applicabile e delle eventuali situazioni in cui potrebbero palesarsi comportamenti volontariamente lesivi della quota di legittima prevista dall'ordinamento Italiano.
Articolo riservato agli abbonati


Col Bonus Facciate previsto della Legge di Bilancio 2020, dal 1 gennaio 2020 si potrà detrarre il 90% della spesa sostenuta per il recupero delle facciate degli edifici. Un'ottima opportunità per i condomini ma anche le ville e le case singole le cui facciate hanno bisogno di manutenzione.
Scopriamo i dettagli.
Articolo ad accesso libero

Articoli in evidenza

Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it