Aliquote IRPEF 2018

reagan-contribuente

L’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) è un’imposta diretta e progressiva. In base al totale dei redditi del contribuente, quest’ultimo dovrà versare l’imposta in funzione del proprio scaglione di reddito. Le aliquote IRPEF  sono cinque e variano fra il 23% e il 43%.

Aliquote IRPEF in vigore:

  • redditi fino a 15 000 euro, aliquota al 23%;
  • tra 15 000 e 28 000 euro, aliquota al 27% (più rapidamente: 3.450 + 27% della parte eccedente 15.000);
  • tra 28 000 e 55 000 euro, aliquota al 38% (più rapidamente: 6.960 + 38% della parte eccedente 28.000);
  • tra 55 000 e 75 000 euro, aliquota al 41% (più rapidamente: 17.220 + 41% della parte eccedente 55.000);
  • oltre i 75 000 euro, aliquota al 43% (più rapidamente: 25.420 + 43% della parte eccedente 75.000).

Addizionali regionali applicabili sui redditi 2018

Presentiamo una tabella con le aliquote delle addizionali regionali attualmente in vigore. In grassetto le aliquote variate rispetto all’anno precedente (per consultare le aliquote 2017 cliccare sul link in fondo alla pagina).

Regione % min. % max                        Note
Abruzzo 1,73%  

 per qualunque reddito

 

Basilicata 1,23%  2,33%

– fino a 15000.00 euro, 1,23%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,73%
– oltre 75000.00 euro, 2,33%.

Si applica l’aliquota ridotta dell’1,23%in caso di due o più figli fiscalmente a carico o nel caso di figli a carico di più soggetti, se la somma dei redditi imponibili è compresa tra 55,000-75,000 euro.

Bolzano 1,23% 1,73%

– fino a 15000.00 euro, 1,23%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,23%
– oltre 75000.00 euro, 1,73%.

A tutti i contribuenti spetta una deduzione di 35.000 euro. Ai contribuenti con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale Irpef non superiore a 70.000 euro e con figli a carico, spetta una detrazione d’imposta di 252 euro per ogni figlio in proporzione alla percentuale e ai mesi di carico. Nella verifica della soglia per ottenere la detrazione figli (70.000) si deve tener conto anche del reddito assoggettato a cedolare secca sugli affitti mentre non si tiene conto della citata deduzione di 35.000 euro.

Calabria 2.03%  

 per qualunque reddito

 

Campania 2,03%  

 per qualunque reddito

 

Emilia-Romagna 1,33% 2,33% – fino a 15000.00 euro, 1,33%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,93%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,03%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 2,23%
– oltre 75000.00 euro, 2,33%
Friuli Venezia-Giulia 0,70% 1,23% – fino a 15000.00 euro, 0,70%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,23%
– oltre 75000.00 euro, 1,23%
Lazio 1,73%  3,33% – fino a 15000.00 euro, 1,73%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 2,73%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,93%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 3,23%
– oltre 75000.00 euro, 3,33%
Liguria 1,23% 2,33%

– fino a 15000.00 euro, 1,23%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,81%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,31%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 2,32%
– oltre 75000.00 euro, 2,33%

Per l’anno d’imposta 2020 ai soggetti aventi reddito imponibile non superiore a 15.000,00 euro e con almeno due figli fiscalmente a carico spetta una detrazione pari a 28,00 euro complessivi in proporzione alla percentuale e ai mesi di carico.

Per gli anni 2019 e 2020 non si applica la maggiorazione regionale ai soggetti provenienti da altre zone italiane ed estere di eta’ inferiore ai 45 anni che abbiano trasferito nel 2018 la propria residenza in un comune ligure.

Lombardia 1,23% 1,74% – fino a 15000.00 euro, 1,23%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,58%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,72%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,73%
– oltre 75000.00 euro, 1,74%
Marche 1,23% 1,73% – fino a 15000.00 euro, 1,23%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,53%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,70%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,72%
– oltre 75000.00 euro, 1,73%
Molise 2,03%  2,33% – fino a 15000.00 euro, 2,03%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 2,23%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,43%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 2,53%
– oltre 75000.00 euro, 2,63%
Piemonte 1,62% 3,33%

– fino a 15000.00 euro, 1,62%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 2,13%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,75%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 3,32%
– oltre 75000.00 euro, 3,33%.

Le detrazioni per carichi di famiglia di cui all’ art. 12 del TUIR sono maggiorate delle seguenti detrazioni regionali: euro 250,00 per ogni figlio portatore di handicap; euro 100,00 per i contribuenti con più di tre figli a carico, per ciascun figlio.

Puglia 1,33% 1,73%

– fino a 15000.00 euro, 1,33%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,43%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,71%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,72%
– oltre 75000.00 euro, 1,73%.

A decorrere dal periodo d’imposta 2016, ai contribuenti con piu’ di tre figli a carico spetta una detrazione sull’addizionale regionale all’IRPEF di 20 euro per ciascun figlio, in proporzione alla percentuale e ai mesi di carico, a partire dal primo compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi o affidati. La detrazione sopra descritta è aumentata di 375 euro per ogni figlio con diversa abilità.

Sardegna 1,23%  

 per qualunque reddito.

A decorrere dal 2019, ai soggetti aventi un reddito imponibile non superiore a 55.000 euro e con figli minorenni fiscalmente a carico spetta una detrazione di imposta pari a 200 euro per ogni figlio, in proporzione alla percentuale ed ai mesi a carico. La detrazione sopra descritta e’ aumentata di 100 euro per ogni figlio con diversa abilità.

Sicilia 1,23%  

 per qualunque reddito

 

Toscana 1,42%  1,73% – fino a 15000.00 euro, 1,42%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,43%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,68%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,72%
– oltre 75000.00 euro, 1,73%
Umbria 1,23%  1,83% – fino a 15000.00 euro, 1,23%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,63%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,68%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,73%
– oltre 75000.00 euro, 1,83%
Valle d’Aosta 0% 1,23%

– fino a 15000.00 euro, 0%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,23%
– oltre 75000.00 euro, 1,23%

Veneto 1,23%  

 per qualunque reddito

Aliquota agevolata pari allo 0.9% per i soggetti disabili con un reddito imponibile non superiore ad euro 45.000 e per i contribuenti con un familiare disabile fiscalmente a carico e con un reddito imponibile non superiore ad euro 45.000.

Trento 1,23% 1,73%

– fino a 15000.00 euro, 1,23%
– oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
– oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
– oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,73%
– oltre 75000.00 euro, 1,73%

Ai contribuenti con un reddito imponibile non superiore a euro 15.000,00 spetta una deduzione di euro 15.000,00. Tale deduzione non spetta ai soggetti con reddito imponibile superiore a euro 15.000,00.

 

Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it