Aliquote IRPEF 2018-2021

Il contribuente è uno che lavora per lo Stato senza mai aver vinto un concorso pubblico by R. Reagan

L’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) è un’imposta diretta e progressiva.

In base al totale dei redditi del contribuente, quest’ultimo dovrà versare l’imposta in funzione del proprio scaglione di reddito.

Le aliquote IRPEF  sono 5 e variano fra il 23% e il 43%.

 

Aliquote IRPEF attualmente in vigore:

  • redditi fino a 15 000 euro, aliquota al 23%;
  • tra 15 000 e 28 000 euro, aliquota al 27% (più rapidamente: 3.450 + 27% della parte eccedente 15.000);
  • tra 28 000 e 55 000 euro, aliquota al 38% (più rapidamente: 6.960 + 38% della parte eccedente 28.000);
  • tra 55 000 e 75 000 euro, aliquota al 41% (più rapidamente: 17.220 + 41% della parte eccedente 55.000);
  • oltre i 75 000 euro, aliquota al 43% (più rapidamente: 25.420 + 43% della parte eccedente 75.000).

 

Addizionali regionali applicabili sui Redditi 2021

Presentiamo una tabella con le aliquote delle addizionali regionali attualmente in vigore.

 

Regione % min. % max                        Note
Abruzzo 1,73% 1.73%

 per qualunque reddito

 

Basilicata 1,23%  2,33%
  • fino a 15000.00 euro, 1,23%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,73%
  • oltre 75000.00 euro, 2,33%.

Si applica l’aliquota ridotta dell’1,23%in caso di due o più figli fiscalmente a carico o nel caso di figli a carico di più soggetti, se la somma dei redditi imponibili è compresa tra 55,000-75,000 euro.

Bolzano 1,23% 1,73%
  • fino a 15000.00 euro, 1,23%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,23
  •  oltre 75000.00 euro, 1,73%.

A tutti i contribuenti spetta una deduzione di 35.000 euro.
Ai contribuenti con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale Irpef non superiore a 70.000 euro e con figli a carico, spetta una detrazione d’imposta di 252 euro per ogni figlio in proporzione alla percentuale e ai mesi di carico. Nella verifica della soglia per ottenere la detrazione figli (70.000) si deve tener conto del reddito assoggettato a cedolare secca sugli affitti nonché dei redditi assoggettati al regime forfettario di cui alla Legge 190/2014, mentre non si tiene conto della citata deduzione di 35.000 euro.
Se l’imposta dovuta e’ minore della detrazione non sorge alcun credito d’imposta.

Calabria 2.03% 2.03%

 per qualunque reddito

 

Campania 2,03% 2.03%

 per qualunque reddito

 

Emilia-Romagna 1,33% 2,33%
  • fino a 15000.00 euro, 1,33%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,93%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,03%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 2,23%
  • oltre 75000.00 euro, 2,33%
Friuli Venezia-Giulia 0,70% 1,23%
  • fino a 15000.00 euro, 0,70%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,23%
  • oltre 75000.00 euro, 1,23%

Reddito imponibile fino a euro 15.000 aliquota 0,70%, reddito imponibile superiore a euro 15.000 aliquota 1,23% sull’intero importo

Lazio 1,73%  3,33%
  • fino a 15000.00 euro, 1,73%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 2,73%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,93%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 3,23%
  • oltre 75000.00 euro, 3,33%

Per l’anno d’imposta 2021 sono interessati al prelievo ai fini dell’addizionale regionale all’IRPEF nella misura dell’1,73% i soggetti:

a) con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale all’IRPEF non superiore a 35.000,00 euro.

b) con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale all’IRPEF non superiore a 50.000,00 euro, ai sensi dell’articolo 12, comma 2, del TUIR, aventi fiscalmente a carico tre figli.
Qualora i figli siano a carico di più soggetti, la maggiorazione non si applica solo nel caso in cui la somma dei redditi imponibili ai fini dell’addizionale regionale all’IRPEF di tali soggetti sia inferiore a 50.000,00 euro. La soglia di reddito imponibile di cui al presente comma innalzata di 5.000,00 euro per ogni figlio a carico oltre il terzo.

c) con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale all’IRPEF non superiore a 50.000,00 euro, ai sensi dell’articolo 12, comma 2, del d.p.r. 917/1986 e successive modifiche, aventi fiscalmente a carico uno o più figli portatori di handicap ai sensi dell’articolo 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate).
Qualora i figli siano a carico di più soggetti, la maggiorazione non si applica solo nel caso in cui la somma dei redditi imponibili ai fini dell’addizionale regionale all’IRPEF di tali soggetti sia inferiore a 50.000,00 euro.

d) ultrasettantenni portatori di handicap ai sensi dell’articolo 3 della l. 104/1992 appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale all’IRPEF non superiore a 50.000,00 euro.

Liguria 1,23% 2,33%
  • fino a 15000.00 euro, 1,23%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,81%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,31%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 2,32%
  • oltre 75000.00 euro, 2,33%

Per l’anno d’imposta 2021 ai soggetti aventi reddito imponibile non superiore a 28.000,00 euro e con almeno due figli fiscalmente a carico spetta una detrazione pari a 35,00 euro per ciascun figlio.
La detrazione è aumentata a 45,00 euro per ogni figlio portatore di handicap.
Quando l’imposta dovuta sia minore della detrazione non sorge alcun credito d’imposta. Ai fini della spettanza e della ripartizione delle detrazioni si applicano le disposizioni di cui all’articolo 12 TUIR.

Lombardia 1,23% 1,74%
  • fino a 15000.00 euro, 1,23%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,58%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,72%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,73%
  • oltre 75000.00 euro, 1,74%
Marche 1,23% 1,73%
  • fino a 15000.00 euro, 1,23%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,53%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,70%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,72%
  • oltre 75000.00 euro, 1,73%
Molise 2,03%  2,33%
  • fino a 15000.00 euro, 2,03%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 2,23%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,43%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 2,53%
  • oltre 75000.00 euro, 2,63%
Piemonte 1,62% 3,33%
  • fino a 15000.00 euro, 1,62%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 2,13%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 2,75%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 3,32%
  • oltre 75000.00 euro, 3,33%.

Le detrazioni per carichi di famiglia di cui all’ art. 12 del TUIR sono maggiorate delle seguenti detrazioni regionali: euro 250,00 per ogni figlio portatore di handicap; euro 100,00 per i contribuenti con più di tre figli a carico, per ciascun figlio.

Puglia 1,33% 1,73%
  • fino a 15000.00 euro, 1,33%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,43%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,71%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,72%
  • oltre 75000.00 euro, 1,73%.

A decorrere dal periodo d’imposta 2016, ai contribuenti con più di tre figli a carico spetta una detrazione sull’addizionale regionale all’IRPEF di 20 euro per ciascun figlio, in proporzione alla percentuale e ai mesi di carico, a partire dal primo compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi o affidati.
La detrazione sopra descritta è aumentata di 375 euro per ogni figlio con diversa abilità.

Sardegna 1,23% 1.23%

Per qualunque reddito.

A decorrere dal 2019, ai soggetti aventi un reddito imponibile non superiore a 55.000 euro e con figli minorenni fiscalmente a carico spetta una detrazione di imposta pari a 200 euro per ogni figlio, in proporzione alla percentuale ed ai mesi a carico. La detrazione sopra descritta è aumentata di 100 euro per ogni figlio con diversa abilità.

Sicilia 1,23% 1.23%

 Per qualunque reddito

 

Toscana 1,42%  1,73%
  • fino a 15000.00 euro, 1,42%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,43%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,68%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,72%
  • oltre 75000.00 euro, 1,73%
Umbria 1,23%  1,83%
  • fino a 15000.00 euro, 1,23%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,63%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,68%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,73%
  • oltre 75000.00 euro, 1,83%
Valle d’Aosta 1.23% 1,23%

Per qualunque reddito.

Per il periodo di imposta 2021, i soggetti con reddito complessivo, determinato ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), fino a 15.000 euro, sono esentati dal pagamento dell’addizionale regionale all’IRPEF. Ai soggetti con reddito complessivo oltre 15.000 euro si applica l’aliquota ordinaria sull’intero imponibile.

Veneto 1,23% 1.23%

 Per qualunque reddito

Aliquota agevolata pari allo 0.9% per i soggetti disabili con un reddito imponibile non superiore ad euro 45.000 e per i contribuenti con un familiare disabile fiscalmente a carico e con un reddito imponibile non superiore ad euro 45.000.

Trento 1,23% 1,73%
  • fino a 15000.00 euro, 1,23%
  • oltre 15000.00 e fino a 28000.00 euro, 1,23%
  • oltre 28000.00 e fino a 55000.00 euro, 1,23%
  • oltre 55000.00 e fino a 75000.00 euro, 1,73%
  • oltre 75000.00 euro, 1,73%

Ai contribuenti con un reddito imponibile non superiore a euro 15.000,00 spetta una deduzione di euro 15.000,00. Tale deduzione non spetta ai soggetti con reddito imponibile superiore a euro 15.000,00.

 

N.B. CommercialistaTelematico ha un’intera sezione della rivista dedicata all‘IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) >>

irpef - imposta sul reddito delle persone fisiche - aliquote

 

 

 

 

 

 





Button label Button label Button label Button label

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. test Accusantium adipisci amet commodi consequuntur ducimus iusto laboriosam laborum ratione sit temporibus? Ab culpa eligendi facere libero modi quasi saepe vitae, voluptatum.

  • asd
  • asd
  • asd