Antiriciclaggio

Negli ultimi anni la normativa antiriciclaggio è entrata prepotentemente negli studi professionali. Si tratta di una legislazione decisamente avversa ai commercialisti, ai consulenti, ai notai. Gli studi commerciali hanno avuto un incredibile aumento di adempimenti e buracrazia in generale; è sempr più difficile riuscire a rispettare tutte le innumerevoli scadenze con cui gli Studi devono interfacciarsi. E a tutti questi adempimenti si è aggiunta la normativa antiriciclaggio…

Un ulteriore problema, altre cose da fare. Gli Studi stanno scoppiando! Nel tentativo di agevolare il lavoro, Commercialista Telematico sta cercando di predisporre da un lato gli approfondimenti necessari per interpretare bene ciò che richiede la legge e dall’altra parte gli strumenti più utili quali software, fac-simili, formulari, eccetera…

Tra gli ultimi articoli proposti troviamo ad esempio: Antiriciclaggio senza registro: come comportarsi? Le sanzioni che si applicano, il nuovo ruolo e responsabilità dei consiglieri degli Ordini locali, la segnalazione di operazioni sospette, cosa devono fare i compro oro, l’identificazione della cliente.

Tra i prodotti utili in vendita si trovano ad esempio: Il Software per valutare il rischio e individuare il titolare effettivo, l’ebook: Le Novità e il Nuovo Regime Sanzionatorio, Software in Excel per l’Individuazione del Titolare Effettivo; il facsimile la dichiarazione di titolare effettivo; REGISTRAZIONE della Videoconferenza: La normativa antiriciclaggio: soluzioni pratiche per i professionisti…

 
fra le tante novità novità di inizio novembre vi è anche l'approvazione della Legge di delegazione europea che contiene importanti provvedimenti per i professionisti: l'individuazione di pratiche di elusione fiscale da contrastare a livello comunitario, gli obblighi di scambio dei dati fra le amministrazioni, l'accesso da parte delle autorità fiscali alle informazioni in materia di antiriciclaggio...

 
dopo il problema della detrazione IVA, oggi analizziamo un secondo attuale problema che riguarda le partite IVA cessate segnalate tramite il nuovo spesometro: tali fatture potrebbero essere potenzialmente false (fatture per operazione inesistenti?) il che dovrebbe far nascere il sospetto previsto dalle norme antiriciclaggio... e quindi la segnalazione...?

 
siamo in piena fase di studio ed analisi della nuova disciplina antiriciclaggio: in questo articolo vediamo quale sarà il nuovo ruolo degli ordini territoriali per la definizione e l’adozione delle procedure di valutazione del rischio, che i propri iscritti saranno tenuti a seguire, e degli adempimenti conseguenti; cosa cambia per i singoli Ordini territoriali?