Diritto fallimentare

Dal 2017 sta partendo la riforma del diritto fallimentare e delle altre procedure concorsuali.

Rimani aggiornato su tutte le novità.


Ricerca in corso...

Diritto Commerciale Diritto fallimentare Società
A forte pericolo prestare denaro agli amministratori. L'assemblea dei soci può deliberare l'erogazione di un prestito all'organo di gestione, unicamente nel rispetto dei vincoli statutari ed attestando le condizioni che esulano dalla distrazione di fondi per società in eventuale stato di dissesto. L'organo gestionale risponde dei danni derivati alla società per eventuali scelte gestionali assunte in assenza di autorizzazione da parte dei soci e senza la predisposizione di misure e cautele necessarie ad evitare un pregiudizio alla società medesima. Se sussistono le condizioni, anche i soci (ed il collegio sindacale) sono solidalmente responsabili con gli amministratori nei confronti di eventuali danni ai terzi.

Diritto fallimentare
L'istituto del fallimento, così come previsto dall'ordinamento, è applicabile allorché in una società si riscontri l'attività d'impresa, ogni qual volta vi sia l'economicità obiettiva della gestione, intesa come proporzionalità fra costi e ricavi. Non è invece sottoponibile a fallimento la società che dimostri la finalità mutualistica pura della propria attività, priva di fatto del carattere della commercialità. Esaminiamo la posizione della Corte di Cassazione

Diritto fallimentare
Per la Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso, la distruzione di tutte le fatture emesse e ricevute in sette anni da parte dell'imputato, precludendo la ricostruzione dell'attività del fallito, implica che l'imputato sia riconosciuto colpevole di delitto di bancarotta fraudolenta documentale

Diritto fallimentare Società
Integra il delitto di bancarotta fraudolenta per distrazione la condotta dell'amministratore che prelevi somme dalle casse sociali, a titolo di pagamento di competenze, solo genericamente indicate nello statuto, in quanto la previsione di cui all'art. 2389 c.c. stabilisce che la misura del compenso degli amministratori di società di capitali sia determinata con delibera assembleare

Diritto fallimentare
Con recente sentenza la Corte di Cassazione ha confermato la condanna per il reato di bancarotta fraudolenta documentale, nei confronti dell’amministratore di una ditta individuale, dichiarata fallita, che aveva distrutto le scritture contabili, gettandole come rifiuti

Diritto fallimentare Il caso del giorno Riscossione dei tributi
La legge di conversione del decreto dignità estende anche al 2018 la possibilità di compensare debiti tributari con crediti commerciali e professionali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti della Pubblica Amministrazione; è così nuovamente prorogata la disposizione introdotta nel 2014 per far fronte all’ormai cronico ritardo del pagamento dei debiti commerciali da parte della P.A.

Diritto fallimentare IVA
L’articolo 56 della Legge Fallimentare è stato al centro di diversi interventi della Giurisprudenza: stabilisce che “I creditori hanno diritto di compensare coi loro debiti verso il fallito i crediti che essi vantano verso lo stesso, ancorché non scaduti prima della dichiarazione di fallimento”, ovviamente tra i creditori rientra anche l’Ammistrazione Finanziaria

Diritto fallimentare
E’ valida l’accusa di bancarotta fraudolenta distrattiva e documentale per il titolare, apparentemente solo formale, di una società operante nel campo dell’abbigliamento. A nulla è valsa la tesi difensiva dell’uomo che si è dichiarato mera “testa di legno” in ambito societario

Diritto fallimentare IVA
Il pagamento dell’IVA finanche parziale da parte di un imprenditore insolvente proposto nell’ambito di un procedimento di concordato preventivo può corrispondere ad uno strumento di efficace tutela della riscossione effettiva delle risorse proprie dell’Unione europea, necessario alla sopravvivenza della stessa e, pertanto, di rilevanza pubblica. Tale conclusione ebbe un’efficacia dirompente nel nostro ordinamento tributario, tant’è che il legislatore decise di adottare scelte conformi adottando delle modifiche nell’ambito dell’art 182-ter che superassero l’interpretazione secondo cui il tributo IVA doveva considerarsi irrinunciabile perché costituente una risorsa propria dell’Unione europea

Contenzioso e processo tributario Diritto fallimentare
Occorre prendere atto del contrasto giurisprudenziale esistente sulla legittimità della cartella di pagamento notificata ad una società già ammessa alla procedura di concordato preventivo. Tale diatriba ha un notevole risvolto pratico in un contesto economico, come quello attuale, che registra sempre più richieste di accesso alle procedure di risoluzione della crisi di impresa

Contenzioso e processo tributario Diritto fallimentare
Anche laddove la società sia tornata in bonis, è ammissibile l'appello notificato al curatore del fallimento nel caso in cui la perdita di capacità processuale del curatore, a seguito della revoca del fallimento, sia intervenuta dopo la pronuncia di primo grado e non sia stata dichiarata dal procuratore ovvero comunicata. Ogni nullità della notificazione dell'atto di appello si considera comunque sanata, con effetto ex tunc, con la costituzione in giudizio del fallito tornato in bonis

Contenzioso e processo tributario Diritto fallimentare
L’imprenditore fallito non è legittimato a impugnare l’avviso di accertamento al posto del curatore, quando questo abbia assunta una esplicita presa di posizione negativa circa l'utilità per la massa dei creditori di promuovere la lite fiscale

Diritto fallimentare Internazionalizzazione Diritto Commerciale
In caso di cessione del contratto che prevede la giurisdizione estera, si trasferisce sempre tale clausola estremamente onerosa per la controparte italiana? Analizziamo il caso che ha coinvolto una società italiana fallita la quale era stata citata di fronte ai giudici inglesi

Professione Consulente Diritto fallimentare Revisione dei conti
Quando la Riforma fallimentare verrà approvata in via definitiva le aziende dovranno implementare nuovi sistemi di allerta interna per anticipare e rilevare i sintomi dell'insolvenza; tale attività sarà molto rilevante soprattutto per quei professionisti che svolgono incarichi di revisore o sindaco

Consulenza del lavoro Diritto fallimentare Previdenza Privacy Circolare del lavoro
In questo numero della circolare del lavoro trattiamo del problema dei rapporti di lavoro nella crisi da sovraindebitamento, delle comunicazioni obbligatorie per le procedure di consulenza del lavoro, della decontribuzione per le nuove assunzioni di giovani, del congedo parentale obbligatorio del padre e di tante altre novità... (rassegna di 21 pagine)

Diritto fallimentare IVA
Una recente sentenza della Corte di Giustizia UE in tema di concordato preventivo e detrazione IVA: la sentenza è interessante per alcuni principi generali in tema di gestione dell'IVA in caso di pagamento parziale dei fornitori

Consulenza del lavoro Diritto fallimentare Previdenza Privacy Circolare del lavoro
In questo numero della circolare del lavoro trattiamo tante novità: i contributi INPS dovuti imprenditori e liberi professionisti per l'anno 2018, le indicazioni dell'ispettorato del lavoro per l'utilizzo di impianti audiovisivi, le tante novità in tema di Cassa Integrazione, il DURC per l'attività di commercio sulle aree pubbliche.... 26 pagine di circolare

Diritto fallimentare
Nelle procedure fallimentari il riparto dell'attivo con relativa formazione delle masse è una delle operazione più spinose per il curatore: in questo articolo proviamo a spiegare con esempi pratici come formare un piano di riparto tenendo conto dei titoli di privilegio dei creditori

Consulenza del lavoro Diritto fallimentare
La Legge di Bilancio 2018 ha introdotto un’agevolazione per le imprese interessate alla Cassa integrazione straordinaria, in particolare ha previsto una proroga di tali trattamenti per le aziende interessate da processi organizzativi complessi o da piani di risanamento

Diritto fallimentare
La riforma del Fallimento propone a carico di amministratori e sindaci (in particolar modo dei sindaci) l'obbligo dell'allerta della crisi d'impresa: vi è il rischio che tale allerta debba essere assai preventiva.... con tutte le conseguenze negative del caso in caso di mancato adempimento

Contenzioso e processo tributario Diritto fallimentare
Approfondiamo il complesso rapporto fra transazione fiscale, accertamento e consolidamento dei debiti tributari e processo tributario; la corretta gestione della transazione fiscale è (forse) attualmente l'unico strumento per stralciare i debiti tributari all'interno di una procedura concorsuale minore quale ad esempio il concordato preventivo

Diritto fallimentare
Partendo da una sentenza di Cassazione verifichiamo quali sono le attuali modalità con cui il Fisco può insinuarsi nel passivo di una procedura concorsuale: il valore della cartella di pagamento e dell'accertamento esecutivo

Diritto fallimentare
Proponiamo le principali pillole delle procedure concorsuali del futuro; la riforma del fallimento è in corso d'opera e a breve sono attesi i decreti delegati che renderanno operative le novità già delineate

Diritto fallimentare Novità legislative OPERAZIONI STRAORDINARIE (cessione azienda, trasformazione, fusione, liquidazione, scissione) Riscossione dei tributi
Non sono arrivate solo le prime novità e anticipazioni dalla Legge di Bilancio e dal Decreto Legge Collegato, si materializzata anche la Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza che porterà notevoli novità per tutte le procedure concorsuali; in questo numero di Fiscus puntiamo il mouse su questi importanti provvedimenti e sulle opzioni per le agevolazioni contributive

Diritto fallimentare Revisione degli enti locali
La riforma della Legge Fallimentare impone l'elaborazione di sistemi di allerta interni alle aziende che permettano di prevenire l'esplodere di crisi aziendali: tali sistemi si baseranno sull'elaborazione dei dati derivanti dalla gestione già in corso d'anno

Consulenza del lavoro Diritto fallimentare
Quando il datore di lavoro è insolvente, il lavoratore può avvalersi del Fondo di Garanzia presso l’INPS per la liquidazione del TFR e/o dei crediti da lavoro facenti riferimento alle retribuzioni maturate negli ultimi tre mesi; una tematica molto sentita anche durante le procedure concorsuali

Diritto fallimentare
La principale novità della Riforma della Legge Fallimentare è l'introduzione di procedure di allerta e di composizione assistita della crisi, di natura non giudiziale e confidenziale, finalizzate a incentivare l'emersione anticipata della crisi e ad agevolare lo svolgimento di trattative tra debitore e creditori

Diritto fallimentare
è arrivata la tanto attesa riforma del fallimento di cui proponiamo un riassunto ragionato: le procedure di allerta, i premi per il debitore prudente, l'esdebitazione, gli accordi di ristrutturazione dei debiti, le novità per la figura del curatore...

Diritto fallimentare Modello Redditi - Unico
A fine mese tocca ad alcuni fortunati pionieri la presentazione della prima dichiarazione dei redditi di qualche contabilità semplificata per cassa: si tratta dei curatori fallimentari per i fallimenti dichiarati a gennaio 2017 e tutti i liquidatori per gli scioglimenti di società avvenuti nello stesso mese

Contenzioso e processo tributario Diritto fallimentare
Prendendo spunto da un recente sentenza di Cassazione, analizziamo quando scatta l'obbligo della transazione fiscale per un concordato preventivo che intende falcidiare anche i debiti tributari; ricordiamo che la normativa sul tema ha subito numerose variazioni pur essendo recente

1 2 3 10
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it