Redditometro: sono arrivati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Con la circolare n. 24 vengono impartite, dall’Agenzia delle Entrate, le istruzioni operative del nuovo redditometro. Sono confermate le indiscrezioni di questi mesi: le medie Istat non verranno utilizzate nella fase di selezione del contribuente da controllare e l’accertamento si basa su un doppio confronto tra contribuente e Agenzia delle Entrate. Saranno selezionate le posizioni di quei contribuenti che evidenziano un significativo scostamento tra reddito dichiarato e spese sostenute. Le spese si distinguono in “spese certe” (presenti nell’Anagrafe tributaria o indicate dal contribuente stesso in dichiarazione dei redditi) e “spese per elementi certi” (le spese per mantenere i beni presenti in Anagrafe, quali l’abitazione o i mezzi di trasporto). Non saranno prese in considerazione le spese per beni di uso corrente comprese nella spesa media risultante dall’indagine annuale Istat sui consumi delle famiglie. 


Partecipa alla discussione sul forum.