Mutui CDP niente bollo e registro


Sui mutui concessi dalle banche alle giovani coppie, alle famiglie numerose o con disabili, per ristrutturare o comprare l’abitazione principale, non sono dovute l’imposta di registro, di bollo e ogni altra imposta indiretta. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 61/E di ieri. Si legge: “in considerazione della stretta correlazione che sussiste tra il contratto di finanziamento stipulato tra CDP e la banca ed il contratto di mutuo stipulato tra la banca ed il beneficiario finale, deve ritenersi che la previsione di esenzione di cui all’articolo 5, comma 24, del decreto-legge n. 269 del 2003 debba trovare applicazione in relazione al complessivo rapporto di finanziamento e, dunque, sia con riferimento al finanziamento intercorrente tra CDP e banche, che con riferimento al contratto stipulato tra la banca ed il beneficiario finale, sulla base della citata Convenzione”.


Partecipa alla discussione sul forum.