Lavoro: le agevolazioni per i dipendenti in mobilità spettano anche per il lavoro in affitto

Il Ministero del Lavoro ha chiarito nell’interpello n. 40/2012 che l’agevolazione contributiva per i lavoratori assunti dalle liste di mobilità spetta anche se l’azienda avvia il rapporto mediante un’agenzia per il lavoro, e il periodo di missione si cumula con ulteriori periodi di lavoro agevolati avviati allo stesso fine direttamente dal datore di lavoro. L’agevolazione permette di beneficiare dell’aliquota contributiva agevolata pari al 10% (articolo 8, comma 2, legge 223/1991) se si assume il lavoratore iscritto nelle liste di mobilità mediate un contratto di somministrazione, e poi lo si assume con un contratto a termine previsto dalla legge 223/1991. Il beneficio spetta per un periodo massimo di 12 mesi, in caso di assunzione a termine e nel prolungamento del medesimo beneficio per altri 12 mesi in caso di trasformazione del rapporto a tempo indeterminato.


Partecipa alla discussione sul forum.