ACCERTAMENTI TRIBUTARI: il sospetto tributario ha valore fino a prova contraria

La Cassazione ribadisce il concetto di presunzione semplice del Fisco come valore di accertamento tributario (sent. n. 10345 del 7 maggio 2007). Il contribuente deve smontare il sospetto tributario, diversamente è costretto a sottostare alla maggiore pretesa del Fisco. Secondo i giudici: “se è vero che in tema di accertamento spetta al Fisco dimostrare i fatti costitutivi della maggiore pretesa tributaria, è anche vero che il contribuente, per contestare la capacità dimostrativa di quei fatti, nonchè sostenere l’esistenza di circostanze modificative o estintive degli stessi, deve dimostrare gli elementi sui quali si fondano le sue eccezioni”.


Partecipa alla discussione sul forum.