ISA 2020: per i professionisti dall’applicazione del principio di cassa al modello a prestazione – Diario Quotidiano del 18 Giugno 2020

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 18 giugno 2020



Nel DQ del 18 Giugno 2020:
1) Domicilio scelto dal contribuente non ignorabile: é nulla la notifica dell’atto impositivo fatta in altro luogo
2) Frode fiscale: ai fini IRAP non vale il raddoppio dei termini per l’accertamento
3) Dichiarazione dei redditi emendabile in sede contenziosa
4) I giroconti bancari in contabilità non producono ricavi tassabili e neppure Iva
5) Potere di autotutela sindacabile
6) E’ giusta la plusvalenza anche nel caso di cessione di fabbricato demolito
NOTIZIA IN EVIDENZA - 7) ISA 2020: per i professionisti dall’applicazione del principio di cassa al modello a prestazione
8) Dati precalcolati ISA2020: le novità caratterizzate dallo snellimento dei dati informativi
9) Indici Sintetici di affidabilità fiscale: interventi che tengono conto del COVID-19
10) Benefici premiali ISA 2020: compensazione imposte dirette, Irap, Iva e rimborso Iva
11) Modalità di applicazione delle disposizioni in materia di tax credit vacanze: provvedimento Direttore delle Entrate
12) Reddito di Emergenza: termine per le domande prorogato al 31 luglio
13) Covid-19: sospensioni dei pignoramenti dell’Agente della riscossione tra il 19 maggio e il 31 agosto
14) Fondazione nazionale Commercialisti: pubblicato nuovo aggiornamento da Covid-19

isa 2020 professionisti7) ISA 2020: per i professionisti dall’applicazione del principio di cassa al modello a prestazione

ISA 2020 relativi ai professionisti con modello “a prestazione”. E’ questo uno dei tanti aspetti che viene illustrato dall’Agenzia delle entrate nella circolare n. 16/E del 16 giugno 2020, incentrata sugli Indici sintetici di affidabilità fiscale – periodo d’imposta 2019.

Gli ISA BK01U, BK05U, BK06U, BK17U, BK18U, BK23U – Lavoro autonomo e BK24U sono stati oggetto, nel 2019, di evoluzione anticipata rispetto a quella ordinaria biennale.

 

ISA per il lavoro autonomo

La peculiare complessità delle attività professionali, caratterizzate dall’applicazione del principio di cassa per la determinazione del reddito, da particolari strutture dei costi e da una talvolta significativa variabilità dei compensi da un periodo d’imposta all’altro, ha indotto ad effettuare ulteriori approfondimenti metodologici che hanno condotto ad adottare, in parte, il cd. “modello a prestazione”.

Peraltro, già per il periodo d’imposta 2018 era stato sperimentato un modello a prestazione per i tre ISA AK01U, AK05U e AK06U, che prevedeva, tra l’altro, uno stock di indicatori elementari di anomalia