Correttivi in vista per gli ISA? - Diario Quotidiano del 28 Ottobre 2019

Nel DQ del 28 Ottobre 2019:
NOTIZIA IN EVIDENZA – 1) Correttivi in vista per gli ISA (indici sintetici di affidabilità fiscale)
2) Contributo dovuto al Cndcec rimasto invariato
3) Crisi d’impresa: applicazione degli indici del Cndcec facoltativa
4) Sulla vendita delle azioni (Stock option) assegnate ai dirigenti si applica la normale tassazione Irpef
5) ONLUS-ODV-APS: norme fiscali previgenti ancora, e sempre, valide fino alla futura entrata in funzione del RUNTS
6) Si traduce in cessione d’azienda il compendio aziendale acquisito dalla fallita società
7) Investimenti di fondi esteri in Italia e altre di Fisco
8) Contribuzione aggiuntiva a favore dei lavoratori collocati in aspettativa: criteri di valorizzazione

1) Correttivi in vista per gli ISA (indici sintetici di affidabilità fiscale)

Diario quotidiano di CommercialistaTelematicoISA, piccoli passi avanti verso alcuni correttivi. Venerdì scorso si appresa la notizia della soppressione, decisa il 24 ottobre 2019 dalla Commissione di esperti ISA, degli indicatori di anomalia basati su banche dati non fiscali, anche se per il periodo d’imposta 2019. Intanto è già qualcosa.

Peraltro, gli auspicati primi miglioramenti, alla disciplina che ha soppianto gli studi di settore, non finiscono qui.

E’ stata approvata, all’unanimità, la proposta di semplificazione delle variabili precalcolate per il periodo d’imposta 2019 basata sulla soppressione degli indicatori elementari di anomalia correlati a una serie di variabili.

Come da prime richieste fatte già nei mesi scorsi dal Cndcec, è stata pure approvata la modifica della formula degli indicatori elementari di anomalia “incidenza dei costi residuali di gestione”, per le imprese, e “incidenza delle altre componenti negative nette sulle spese” per i professionisti.

Le risultanze così dovrebbero portare ai medesimi valori che precedentemente assegnava il motore di calcolo GERICO o quasi.

Ed ancora, al pari dei precedenti studi di settore (che prevedevano, bene o male, le particolarità dei contribuenti), sono stati approvati dalla Commissione di esperti ISA, altri punti, tra cui la metodologia per il trattamento dei passaggi competenza-cassa e viceversa per il periodo d’imposta 2019.

Modifiche dell’applicazione degli ISA anche per coloro con ricavi derivanti da attività secondarie superiori al 30% del totale dei ricavi conseguiti.

In tutto questo, si resta del parere (salvo smentite) che delle modifiche migliorative per i contribuenti si dovrà comunque tenere conto anche per il periodo d’imposta precedente (2018).

*****

Se ti interessa approfondire meglio le problematiche legate agli I.S.A. puoi cliccare QUI e si si aprirà la sezione appositamente dedicata

*****

Diario Quotidiano del 28 Ottobre 2019

a cura di Vincenzo D’Andò

 

 

Per leggere le altre notizie del Diario Quotidiano, scarica il PDF sul tuo PC!

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it