Diario fiscale del 17 febbraio 2014: tutte le novità del CUD 2014

 

 Indice:

 1) Affitto in contanti sotto mille euro

 2) CUD 2014: tutte le novità

 3) Danno biologico: aumentate del 7,57% le indennità INAIL

 4) Comunicazione nominativo rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

 5) Controversie societarie: competenza territoriale

 6) Cassazione: accertamento sulla base degli studi di settore

 7) Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione

 8) IRDCEC: osservatorio economico di dicembre 2013

 

1) Affitto in contanti sotto mille euro

Niente sanzioni antiriciclaggio per chi paga l’affitto in contanti. Il MEF, a seguito di quanto disposto dalla Legge di stabilità 2014, ha precisato che fino a 999,99 euro la modalità di pagamento è libera.

Ai fini dell’erogazione delle sanzioni comminate dal decreto antiriciclaggio rileva unicamente il limite di mille euro stabilito dall’art. 49 del D.Lgs. 23/2007. In sostanza, nessuna sanzione potrebbe essere irrogata al conduttore che paga un canone di locazione in contanti per una somma comunque inferiore a mille euro. Ciò poiché il decreto antiriciclaggio prevede una sanzione amministrativa dall’1 al 40% della somma trasferita soltanto in capo a chi trasferisce denaro contante o titoli al portatore in euro o valuta estera sopra la soglia di 999,99 euro. Per la tracciabilità il Ministero ritiene sufficiente la semplice prova documentale costituita dalla ricevuta del proprietario.

Dunque, le sanzioni previste dal D.Lgs. n. 231/2007 scatteranno solo al superamento della soglia dei 1.000 euro, come avviene per qualsiasi altra operazione.

Tutto é cominciato con la Legge di Stabilità 2014: l’art. 1, comma 50 della Legge n. 147/2013 ha disposto che dallo scorso 1° gennaio i pagamenti riguardanti canoni di locazione di unità abitative, esclusi quelli di alloggi di edilizia residenziale pubblica, debbano essere corrisposti obbligatoriamente “in forme e modalità che escludano l’uso del contante e ne assicurino la tracciabilità”. Tra gli operatori, tuttavia, non era chiaro a quali sanzioni vada incontro chi, nonostante il divieto normativo, effettui comunque il versamento in contanti. Su indicazione dell’Agenzia delle entrate è stato così interpellato il MEF. La legge di Stabilità ha modificato l’art. 12 del D.L. n. 201/2011, che a sua volta interveniva sul D.Lgs. n. 231/2007 (antiriciclaggio). Nel parere, il Ministero precisa però che ai fini dell’irrogazione delle sanzioni antiriciclaggio “rileva unicamente il limite stabilito dall’articolo 49 del citato decreto”. Vale a dire la soglia di 1.000 euro. Al pagamento degli affitti in contanti non potranno quindi essere comminate le sanzioni stabilite dall’art. 58 del D.Lgs. n. 231/2007, che vengono calcolate su base percentuale, con un minimo di 3 mila euro. Il MEF ha puntualizzato anche le modalità con le quali garantire la tracciabilità delle eventuali locazioni saldate in contanti. Il parere ministeriale precisa che la tracciabilità “può ritenersi soddisfatta fornendo una prova documentale, comunque formata, purché chiara, inequivoca e idonea ad attestare la devoluzione di una determinata somma di denaro contante al pagamento del canone di locazione, anche ai fini della asseverazione dei patti contrattuali necessaria all’ottenimento delle agevolazioni e detrazioni fiscali previste dalla legge a vantaggio delle parti contraenti”.

 

2) CUD 2014: tutte le novità

Il 15 gennaio scorso è stato approvato il nuovo schema di certificazione unica dei rapporti di lavoro dipendente, equiparati e assimilati: il “CUD 2014” con le relative istruzioni per la compilazione.

La Circolare n. 3/2014 della Fondazione Studi del Consiglio Nazionale dei Consulenti del lavoro esamina tutte le novità che interessano le aziende per la consegna del modulo entro il prossimo 28 febbraio; in particolare i contributi per l’assistenza sanitaria e la previdenza complementare.

Con il provvedimento direttoriale del 15 gennaio 2014, è stato approvato lo…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it