Novità fiscali del 20 febbraio 2012: Assonime chiede l’eliminazione delle sanzioni sull’invio dello Spesometro

Pubblicato il 20 febbraio 2012

spesometro senza sanzioni, norme e prassi confusa; decreto semplificazioni: primi chiarimenti operativi dal Welfare; niente TARSU massima per i professionisti; revisione Pmi e collegi sindacali; pronto il software per le denunce dell’imposta sulle assicurazioni; Corte UE: detrazione Iva delle spese ad uso promiscuo; norme in materia di certificazioni; modello F24: codici tributo per il recupero del credito d’imposta indebitamente utilizzato da imprese in Campania; approvate le specifiche tecniche dei modelli dichiarativi; incentivi all’occupazione previsti in via sperimentale: aziende ammesse ai benefici per l’anno 2010; contributo ordinario di finanziamento dei fondi di solidarietà istituiti; Consulenti del Lavoro: termine periodo transitorio esami di stato; regolamento per la corresponsione dei compensi professionali degli avvocati dell’Inps

 

 

Indice:

 

1) Spesometro senza sanzioni, norme e prassi confusa

 

2) Decreto semplificazioni: Primi chiarimenti operativi dal Welfare

 

3) Niente TARSU massima per i professionisti

 

4) Revisione Pmi e Collegi sindacali: pubblicati due documenti definitivi del CNDCEC

 

5) Pronto il software per le denunce dell’imposta sulle assicurazioni

 

6) Corte Ue: Detrazione Iva delle spese ad uso promiscuo

 

7) Nuove norme in materia di certificazioni: Chiarimenti del CNDCEC

 

8) Modello F24: Codici tributo per il recupero del credito d’imposta indebitamente utilizzato da imprese in Campania

 

9) Fisco: Approvate le specifiche tecniche dei modelli dichiarativi

 

10) Incentivi all’occupazione previsti in via sperimentale: Aziende ammesse ai benefici per l’anno 2010

 

11) Contributo ordinario di finanziamento dei fondi di solidarietà istituiti: Obblighi contributivi per l’anno 2012

 

12) Consulenti del Lavoro: Termine periodo transitorio esami di stato

 

13) Regolamento per la corresponsione dei compensi professionali degli avvocati dell’Inps

 

 

1) Spesometro senza sanzioni, norme e prassi confusa

Niente sanzioni per gli adempimenti legati al cd. “spesometro” (errori di compilazione del modello): lo chiede Assonime a causa dell’incertezza interpretativa delle disposizioni che hanno introdotto tale adempimento, nonché del contrasto derivante dai contenuti dei vari documenti di prassi, diffusi dalle Entrate, che si sono susseguiti fino ad oggi.

Assonime ha, infatti, pubblicato il 16.02.2012 la circolare n. 4, incentrata sulla comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo non inferiore a tremila euro: ulteriori chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

Con tale circolare, Assonime ha esaminato gli ulteriori chiarimenti forniti in materia dall’Agenzia delle Entrate con due documenti di prassi, datati 22.12.2011 e 13.01.2012, e con il Provvedimento direttoriale n. 185905 del 29.12.2011.

Nell’attesa che il Legislatore possa abrogare tale adempimento complesso (per essere sostituito da altro più semplice), viene ricordato che lo Statuto del contribuente (Legge n. 212/2000) prevede che non possono essere applicate sanzioni se la violazione sia avvenuta per obiettive condizioni di incertezza della norma tributaria.

Il contribuente andrebbe poi liberato  dal dilemma se indicare o meno una fattura di importo inferiore a 3.000 euro.

(Assonime, circolare n. 4 del 2012)

 

 

2) Decreto semplificazioni: Primi chiarimenti operativi dal Welfare

Decreto semplificazioni: Primi chiarimenti operativi con la circolare n. 2 del 16.02.2012 del Ministero del Lavoro.

Con detta circolare la Direzione generale per l’attività ispettiva ha fornito i primi chiarimenti operativi in relazione all’applicazione delle nuove disposizioni introdotte dal Decreto Legge n. 5 del 09.02.2012 (c.d. decreto semplificazioni), contenente misure di semplificazione per i cittadini e le imprese e ulteriori misure per favorire la crescita.

Nella suddetta circolare, in particolare, vengono segnalate le importanti novità introdotte dalla nuova norma in materia di interdizione anticipata per le lavoratrici madri, comunicazioni obbligatorie nel settore turismo e pubblici esercizi, assunzione disabili, Libro Unico del Lavoro e responsabilità solidale negli appalti.

Riguardo la punibilità per le omesse registrazioni nel LUL verrà applicata una sola sanzione (da € 150,00 a € 1.500,00 fino a 10 lavoratori, da € 500,00 a € 3.000,00 oltre 10 lavoratori) a prescindere dal numero delle omissioni contenute nel Libro Unico del Lavoro.

(Ministero del Lavoro, circolare n. 2 del 16.02.2012)

 

 

3) Niente TARSU massima per i professionisti

E’ illeggittima la tassa di rifiuti massima per gli studi professionali. La sentenza del Consiglio di Stato n. 539 del 2012 ha esaudito le richieste fatte dai diversi Ordini professionali.

Come premesso, il Consiglio di Stato, con la citata sentenza n. 539, ha accolto l’appello avanzato da più ordini professionali, tra cui Dottori Commercialisti, Ragionieri e Periti Commerciali e Consulenti del Lavoro, che chiedevano al Tar Toscana di annullare le delibere del Comune di Prato, dell’anno 2005, relative all’approvazione di un regolamento per l’applicazione della Tariffa per la gestione dei rifiuti urbani, che fissava la tariffa per gli studi professionali nella misura più alta possibile.

(Consiglio di Stato, sentenza n. 539 del 2012)



4) Revisione Pmi e Collegi sindacali: pubblicati due documenti definitivi del CNDCEC

Revisione: Pmi e Collegi sindacali, pubblicati il 17.02.2012, due documenti del Consiglio Nazionale dei Commercialisti sul proprio sito internet.

Presentati al convegno nazionale di Cagliari dello scorso settembre, erano stati posti in consultazione pubblica. Quella appena approvata dal CNDCEC è la loro versione definitiva.

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, nella seduta del 09.02.2012, ha approvato in via definitiva i documenti “L’applicazione dei principi di revisione internazionali alle imprese di dimensioni minori” e “Linee guida per l’organizzazione del collegio sindacale incaricato della revisione legale dei conti” già posti in pubblica consultazione.

Il documentoL’applicazione dei principi di revisione internazionali alle imprese di dimensioni minori” si pone come primo contributo pratico allo svolgimento della revisione legale di un’impresa di dimensioni minori.

Esso è corredato da:

- Una nota interpretativa intitolata “La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell’applicazione dei principi di revisione internazionali”, già presente in un capitolo introduttivo della versione posta in pubblica consultazione e che ora assume autonomia propria. La nota interpretativa fornisce uno strumento per l’identificazione orientativa delle imprese di dimensioni minori indicando anche concreti parametri quantitativi. I principi di revisione internazionali (e nazionali), infatti, pur riconoscendo che le procedure di revisione variano considerevolmente in base alla dimensione ed alla complessità dell’impresa soggetta a revisione, forniscono solo una definizione in termini qualitativi di impresa di dimensioni minori;

- 15 allegati contenenti esempi di questionari e moduli, disponibili in formato editabile, che gli utilizzatori possono agevolmente utilizzare adattandoli nello svolgimento dell’incarico.

Il documento “Linee guida per l’organizzazione del collegio sindacale incaricato della revisione legale dei conti” declina lo svolgimento di attività previste dai principi di revisione nell’ambito del funzionamento del collegio sindacale.

(Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, nota del 17.02.2012)

 

 

5) Pronto il software per le denunce dell’imposta sulle assicurazioni

Reso disponibile il 17.02.2012, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, il software necessario per le denunce dell’imposta sulle assicurazioni dovuta sui premi ed accessori incassati.

Si tratta della versione software di compilazione (1.0.0 del 17.02.2012)  che consente di predisporre un file per la trasmissione telematica del nuovo modello di denuncia dell’imposta sulle assicurazioni, approvato con provvedimento 29.12.2011.

In particolare, dovranno avvalersene le compagnie estere operanti in libera prestazione di servizi, tenute alla presentazione della denuncia con cadenza mensile, per inviare entro la fine di febbraio, i dati riferiti a gennaio 2012.

Sono comunque considerate valide le denunce relative al 2012 pervenute prima della messa a disposizione del nuovo pacchetto, utilizzando il precedente software di compilazione (ad es., compagnia estera tenuta alla presentazione mensile che nei primi giorni di febbraio ha trasmesso la denuncia riferita a gennaio 2012).

Il precedente modello e il relativo prodotto di compilazione resteranno disponibili sul si