LEGGE FINANZIARIA 2006, MAXI EMENDAMENTO DEL GOVERNO PRIME ANTICIPAZIONI – pianificazione fiscale e concordato (aggiornato al 14 dicembre 2005 )


Mentre la legge finanziaria 2006 era in Aula alla Camera (Ddl Camera 6177), il governo il 13/12/2005 ha presentato un maxiemendamento a tale provvedimento.


Queste di seguito, comunque alcune novità (rese note dagli organi di stampa) introdotte, invece, in Commissione bilancio della camera il 12/12/2005 (prima del maxiemendamento del governo):


 


Bonus secondi nati nel 2006


Il bonus di mille euro viene esteso al 2006 e andrà per ogni figlio nato o adottato, dal secondo in poi. Inizialmente non era previsto un tetto di reddito, ma Il maxemendamento del governo introduce un tetto di reddito di 50 mila Euro.


 


sgravi baby sitter e asilo nido


Le spese per la baby sitter che si occupa dei bambini fino al compimento dei sei anni diverranno deducibili dai redditi fino ad un massimo di 2.150 euro. Per lo stesso importo saranno detraibili le spese per gli asili nido privati per ciascun figlio. Tuttavia, adesso il maxiemendamento del governo prevede che la detrazione per le spese sostenute per l’iscrizione ad asili nido sia solo fino ad un massimo di 632 Euro annui per ciascun figlio che frequenti queste strutture.


 


Pornotax


Il maxiemendamento del governo prevede la tassazione del 25% sui redditi derivanti dai ricavi di produzione, distribuzione e vendita di materiale a luci rosse: Non solo film, «ma ogni altro bene di carattere pornografico». Il nuovo balzello si somma alle tasse già esistenti sul reddito (Ire e Ires). Per il 2005 è previsto un acconto pari al 120%. È invece al 10% l’Iva sugli abbonamenti tv relativi a trasmissioni porno.


 


Concordato per enti locali


Avrà durata almeno biennale a partire dal 2006.


 


Addizionali e patto di stabilità


Prorogato a tutto il 2006 il blocco delle addizionali regionali Ire e Irap. Previsto inoltre un taglio della spesa corrente delle Regioni e comuni.


 


Ricette on line


Medici di base e pediatri dovranno trasferire su un circuito informatico on-line almeno il 90% delle prescrizioni farmaceutiche e specialistiche, altrimenti perderanno l’indennità informatica prevista dal contratto e verranno multati di 2 euro per ogni ricetta non comunicata.


Evasione contributi inps e inail


Stretta nella lotta all’evasione contributiva: Inail e Inps potranno innalzare le sanzioni.


 


NOVITA’ DAL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO ALLA LEGGE FINANZIARIA 2006


Queste di seguito sono, invece, le novità contenute nel maxiemendamento alla finanziaria 2006 presentato dal governo il 13/12/2005:


 


Finanziaria 2006: programmazione fiscale e concordato


Il maxi-emendamento alla Finanziaria per il 2006 introduce la nuova versione della programmazione fiscale, quella che in passato era stata chiamata PFC (pianificazione fiscale concordata), e la associa ad una sorta di concordato di massa per due periodi di imposta chiusi (condono). La proposta formulata dall’ufficio sarà valida per concordare i redditi futuri e si accompagna all’eventuale possibilità di chiudere la partita con il fisco anche per i periodi di imposta 2003 e 2004.


La proposta formulata dall’Agenzia delle Entrate vincola i contribuenti per tre anni e determina preventivamente, la base imponibile caratteristica dei titolari di redditi d’impresa ed esercenti arti e professioni.


Il comma 499 dell’unico articolo di cui si compone la Finanziaria 2006 propone l’istituto della programmazione fiscale, destinata a imprese e lavoratori autonomi sottoposti agli studi di settore. Si tratta una proposta che l’Agenzia delle Entrate invierà al contribuente, contenente:


– l’individuazione di una base imponibile caratteristica dell’attività svolta, valida per il triennio 2006-2008, che eviterà futuri accertamenti (art. 39 DPR 600/73), ma rimangono i poteri di verifica e di controllo. L’eventuale maggior reddito potrà essere contestato solo se si scopre un’evasione superiore a 75 mila euro e al 50% del pattuito;


– un adeguamento retroattivo per il 2003 e 2004, con il versamento di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’IRAP (condono), 28% per le società e 23% per le persone fisiche, calcolata sulla differenza tra quanto riportato nella proposta e quanto dichiarato. Il versamento dovrà avvenire entro il 16/10/2006, l’importo minimo da versare è di euro 1500 per le persone fisiche e di euro 3000 per le società di capitali. Se le somme da versare superano euro 10.000 per le società e 5.000 euro per le persone fisiche si potrà versare la metà entro il 16/12/2006. Le eventuali perdite indicate in dichiarazione si perdono.


Ai fini IVA sarà obbligatorio ancora tenere le scritture contabili e assolvere gli obblighi contabili (fatturazione, ecc.)..


Sono esclusi da tale nuovo istituto coloro che non sono soggetti ai parametri e agli studi di settore per il 2003 e il 2004, nonché chi ha omesso di presentare le dichiarazioni.


 


Plusvalenze sulle vendite di immobili


Le plusvalenze realizzate vendendo immobili entro cinque anni dall’acquisto verranno tassate con un’aliquota del 12,50%


 


Compensi dei Notai e valore degli immobili sulla compravendita


Diminuiscono del 20% le parcelle dei notai e il valore dell’immobile sul quale si applicheranno le imposte sulla compravendita sarà quello catastale e non quello definito tra le parti. Le due disposizioni sono applicabili solo per gli acquisti di immobili destinati ad abitazione, realizzati fra persone fisiche, senza interessi commerciali.


 


Cinque per mille del gettito Irpef


Per il 2006, in via sperimentale, una quota del 5 per mille del gettito Irpef potrà essere destinata dai contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi al sostegno del volontariato, al finanziamento della ricerca, scientifica e sanitaria e dell’università o ad attività sociali svolte dal Comune di residenza. Confermato il via libera fra le attività finanziabili dal cinque per mille, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, le associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionale e provinciale, le associazioni e le fondazioni riconosciute che operano nell’assistenza sociale e socio-sanitaria. Un decreto di natura non regolamentare stabilirà le modalità di richiesta, le liste dei soggetti ammessi al riparto e le modalità dell’assegnazione, emanato dopo il parere delle Commissioni parlamentari competenti.


Poison pill


 La norma antiscalata, sarà applicabile per tutte le società nelle quali lo Stato «detenga una partecipazione rilevante», prevedendo la possibilità di emettere strumenti finanziari partecipativi.


 


Indennizzi ai risparmiatori traditi


Istituito un apposito fondo per i risparmiatori vittime di frodi finanziarie. Ai benefici sono ammessi anche i danneggiati dai bond argentini. Il fondo è alimentato dai fondi dormienti del sistema bancario, del comparto assicurativo e finanziario.


 


L’esenzione da Ici per gli enti non commerciali non sarà retroattiva


L’esenzione dal pagamento dell’Ici per le Chiese e per gli altri enti non commerciali non sarà retroattiva. Ciò poiché il testo prevede che «in riferimento agli eventuali pagamenti effettuati prima della data in vigore della norma non si fa comunque luogo a rimborsi e restituzioni d’imposta».


 


DICEMBRE 2005  


 


 

a cura Vincenzo D’Andò


Partecipa alla discussione sul forum.