Spesometro: altri chiarimenti dell’Agenzia delle entrate

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono state pubblicate nuove risposte relative ai quesiti sulla comunicazione dei dati relativi allo spesometro. Una di queste tocca il tema dei “rapporti continuativi fra imprese”. Il 22 novembre 2011, in merito, l’Agenzia aveva concluso che gli acquisti ripetuti, effettuati nel corso dell’anno presso lo stesso fornitore, sono da considerare oggetto di contratti fra loro collegati con la conseguenza che la verifica dell’eventuale superamento della soglia di rilevanza, deve essere fatta con riferimento all’importo complessivo e non alla singola fornitura. Un ulteriore chiarimento è arrivato in riferimento alle imprese che effettuano operazioni in conto terzi: affinché si possa parlare di collegamento contrattuale, occorre l’esistenza di contratti formalizzati, oppure di ordini di valore prestabilito. Diversamente non sussiste collegamento contrattuale e conseguentemente si deve procedere con la comunicazione delle singole operazioni purché ciascuna di valore superiore alla soglia di rilevanza.


Partecipa alla discussione sul forum.