SCUDO FISCALE: l’adesione non blocca l’accertamento


Il sottosegretario all’Economia Folgora, in risposta ad un “question time”, chiarisce che lo scudo fiscale non è un condono, e come tale non esiste una preclusione automatica e generalizzata agli accertamenti. Questi vengono effettuati per verificare la riconducibilità dei maggiori imponibili accertati alle attività regolarizzate. Se tali maggiori imponibili sono superiori rispetto alle attività regolarizzate, si procede alla normale attività di recupero sull’eccedenza, anche ai fini Iva. In questo modo lo scudo non si configura come una rinuncia generalizzata all’accertamento di maggiori imponibili, e pertanto non è in contrasto con i principi che hanno indotto la Corte di giustizia a censurare il precedente condono.


Partecipa alla discussione sul forum.