SCONTRINI FISCALI: la Cassazione conferma l'interpretazione dell'Agenzia delle Entrate sulla chiusura dei locali

Una recente sentenza di Cassazione (n. 22549) ribadisce il principio di chiusura dei locali per i soggetti tenuti all’emissione degli scontrini, o delle ricevute fiscali, che ripetutamente omettono di emetterli. Il caso prendeva in esame un contribuente che, entro il termine di proposizione del ricorso, definiva in via agevolata la controversia. Ebbene, anche se per l’art. 16, c. 3 DLGS 472/97, “la definizione agevolata impedisce l’irrogazione di sanzioni accessorie”, per i giudici di legittimità il collegamento del precedente art. all’art. 12, c. 2, decreto 471/97, avendo, quest’ultimo, carattere speciale, permette l’irrogazione della sanzione accessoria (chiusura dei locali) anche in presenza di definizione agevolata.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it