Reverse charge: entrano tablet, pc e console

Dal prossimo 2 maggio il reverse charge interesserà anche le cessioni di tablet, portatili e console per videogiochi. La novità è stata introdotta dal Dl n. 24 dell’11 febbraio 2016, emanato per allineare la normativa interna in materia a quella unionale. Si tratta di una misura temporanea, che troverà applicazione fino al 31 dicembre 2018, come previsto dall’art. 199-bis della direttiva 2006/112/Ce. In armonia con la direttiva, inoltre, dalla predetta data l’Iva tornerà ad applicarsi con le regole ordinarie anche alle cessioni di telefonini e microprocessori.


Partecipa alla discussione sul forum.