I labili confini fra demansionamento e mobbing nel pubblico impiego

Assegnare ad un dipendente pubblico in modo prevalente compiti di una categoria inferiore rispetto a quella in cui è inquadrato è illegittimo e determina il diritto del dipendente pubblico ad un risarcimento. La misura econimac di tale indennizzo deve essere determinata sulla base di una “liquidazione equitativa“. Tuttavia, non in tutti i casi il demansionamento integra anche i presupposti del mobbing. (Corte di Cassazione sent. n. 8581/2015)

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it