Fisco: nel 2016 è ancora possibile compensare i crediti PA

Anche per il 2016 è possibile compensare le cartelle esattoriali con i crediti commerciali e professionali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti della PA e certificati secondo le modalità previste dalla normativa vigente.  In particolare si parla dei crediti nei confronti dello Stato, degli enti pubblici nazionali, delle regioni e delle province autonome di Trento e Bolzano, degli enti locali e degli enti del Servizio sanitario nazionale, per somministrazioni, forniture e appalti e prestazioni professionali. La compensazione avviene esclusivamente attraverso il mod. F24 telematico.


Partecipa alla discussione sul forum.