Decreto Cultura: credito d’imposta per la ristrutturazione di sale cinematografiche


Il Dl n. 83/2014, convertito in Legge n. 106/2014, ha istituito per gli anni 2015 e 2016 un credito d’imposta in favore delle sale cinematografiche già esistenti al 1° gennaio 1980 ed in possesso di specifici requisiti. L’agevolazione è pari al 30% dei costi sostenuti per il ripristino, il restauro e l’adeguamento strutturale e tecnologico delle sale. Il beneficio è riservato alle imprese di esercizio cinematografico iscritte negli elenchi di cui all’articolo 3 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 28, che abbiano i requisiti della piccola o media impresa ai sensi della normativa dell’Unione europea. Il credito d’imposta, ripartito in tre quote annuali di pari importo, è riconosciuto fino ad un massimo di 100.000 euro e comunque nel rispetto del limite di spesa fissato dal comma 2-sexies in 3 milioni annui per il periodo 2015-2018.


Partecipa alla discussione sul forum.