CONTROLLI FISCALI IN CASO DI SCRITTURE ELETTRONICHE


E’ di prossima emanazione un documento con le metodologie di verifica degli accertamenti presso le imprese. Alla luce delle novità “elettroniche”: fatturazioni e conservazione sostitutiva dei documenti, si adottano modi diversi di controllo. L’Agenzia spiega che gli Uffici debbono richiedere la stampa dei documenti solo quando sussiste un’effettiva necessità di controllo. Se i documenti sono presso terzi, il contribuente deve essere in possesso dell’attestazione di tenuta rilasciata dal terzo, e quest’ultimo deve permettere l’accesso agli Uffici e l’esibizione dei documenti. In ultimo, è necessario comunicare all’Agenzia l’impronta dell’archivio elettronico; in assenza di comunicazione, per verificare la validità dei documenti informatici, sarà sufficiente per gli Uffici controllare la marca temporale tramite il procedimento informatico.


Partecipa alla discussione sul forum.