Contratto di sponsorizzazione: è deducibile se si prova il ritorno commerciale


Ai fini della deducibilità delle spese relative a un contratto di sponsorizzazione, il contribuente ha deve dimostrare la congruità dei costi in rapporto alla propria attività e al volume d’affari legato all’attività di sponsor, e l’inerenza delle spese in termini di concreto vantaggio che la società avrebbe ritratto in termini di allargamento della clientela e di incremento dei ricavi. Diversamente, se non si dimostra che i costi sostenuti hanno il fine diretto di incrementare le vendite e la clientela e non di accrescerne genericamente il prestigio, confluiranno nelle spese di rappresentanza. E’ quanto asserito nella sentenza n. 10914 della Corte di cassazione il 27 maggio 2015.


Partecipa alla discussione sul forum.