CONTENZIOSO: le Entrate chiariscono come chiudere i contenziosi di oltre dieci anni


La circolare 37/E dell’Agenzia delle entrate di ieri chiarisce come chiudere le vecchie liti ancora pendenti con il Fisco. Possono essere definiti i ricorsi pendenti in Commissione tributaria centrale e in Corte di cassazione se iscritti a ruolo in primo grado entro il 25 maggio 2000, a condizione che l’amministrazione finanziaria sia stata parte del giudizio e sia stata dichiarata soccombente nei primi due gradi. La definizione interessa tutti quei ricorsi per i quali al 26 maggio 2010 non è stato depositato il dispositivo della decisione presso la segreteria della Commissione, o la sentenza nella cancelleria del giudice per i ricorsi in Cassazione. Entro il prossimo 24 agosto è possibile definire i ricorsi in Cassazione; al fine è necessario pagare il 5% del valore della lite con modello – F24-versamenti con elementi identificativi – utilizzando il codice tributo 8109. Sempre in pari data è da depositare presso la cancelleria della Corte, la richiesta di definizione agevolata con cui il contribuente rinuncia ad ogni pretesa di equa riparazione, allegandovi anche la ricevuta del pagamento.


Partecipa alla discussione sul forum.