Emergenza CoronaVirus: si ferma anche la riscossione – Diario Quotidiano del 18 marzo 2020

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 18 marzo 2020



Nel DQ del 18 marzo 2020:
1) Guardia di Finanza: le direttive operative sul Coronavirus
2) Emergenza CoronaVirus: misure straordinarie ufficiali per il sostegno all’economia italiana
3) NOTIZIA IN EVIDENZA - Emergenza CoronaVirus: Agenzia Entrate Riscossione chiude gli sportelli fino al prossimo 25 marzo
4) Commercialisti: decreto “Cura Italia” da rivedere, a cominciare dagli aiuti alle partite Iva
5) Rendiconto 2019 dell’organo di revisione: pronta la relazione per Enti locali
6) COVID-19: andare dai Notai solo se strettamente necessario, tramite apposita segnalazione
7) Apertura rivendite generi di monopolio durante l’emergenza COVID 19
8) Sale scommesse: l’Agenzia Dogane e Monopoli assicura che le vincite verranno pagate anche se alla fine del necessario periodo di chiusura
9) Aliquote contributive applicate alle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l’anno 2020
10) Protocollo Governo-parti sociali: annotazioni esplicative

3) Emergenza CoronaVirus: Agenzia Entrate Riscossione chiude gli sportelli fino al prossimo 25 marzo

emergenza coronavirus riscossioneEmergenza Coronavirus, sospesi i pagamenti di cartelle e avvisi: Agenzia Entrate Riscossione chiude gli sportelli. Servizi web e call center H24.

L’Agenzia delle entrate-Riscossione comunica che il decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2020, ha disposto la sospensione dei termini di versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di accertamento e di addebito, in scadenza nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020.

I pagamenti sospesi dovranno essere effettuati entro il mese successivo il periodo di sospensione ovvero il 30 giungo 2020.

Fino al 31 maggio 2020 sono sospese le attività di notifica di nuove cartelle e degli altri atti di riscossione, sospensione già in atto da alcuni giorni per disposizione del Presidente Ernesto Maria Ruffini.

Il decreto dispone anche il differimento al 31 maggio 2020 della rata del 28 febbraio relativa alla cosiddetta rottamazione-ter e della rata in scadenza il 31 marzo del cosiddetto