Regime speciale per i lavoratori impatriati - Diario Quotidiano dell'11 Novembre 2019

Nel DQ dell’11 Novembre 2019:
1) E’ on line l’elenco degli Innovation Manager
2) SPID: online le linee guida per le identità digitali per uso professionale
3) Deduzione IMU sugli immobili strumentali per il 2019 fissata al 50%
4) Prorogata detrazione per spese di riqualificazione energetica e ristrutturazione edilizia
5) Sport bonus esteso al 2020, inserite anche le ASD e gli enti di promozione sportiva tra i destinatari del fondo
6) Credito di imposta per la formazione 4.0 prorogato al 2020
7) Bonus facciate al 90% delle spese documentate fatte nell’anno 2020
8) Regime forfettario modificato dal 2020
9) Nuova Sabatini, investimenti SUD ed investimenti eco-sostenibili delle PMI anche per il 2020
10) Imposta sui servizi digitali
11) Riforma della riscossione Enti locali: l’accertamento esecutivo degli enti locali parte dal 2020
12) Ritorna l’ACE, va via la mini Ires
NOTIZIA IN EVIDENZA: 13) Regime speciale per i lavoratori impatriati: risposta dell’AdE
15) Al via la piattaforma ANF
16) Commercialisti: Corso E-learning Revisione legale dei conti 2019

13) Regime speciale per i lavoratori impatriati: risposta dell’Agenzia delle Entrate

Regime speciale per i lavoratori impatriati (art. 16 del dlgs 14 settembre 2015, n. 147): Agenti UE soggetti all’articolo 13 del Protocollo sui privilegi e sulle immunità dell’Unione Europea.

 

Il caso: funzionario Ue iscritto all’Aire dal 2018

Nonostante sia iscritto all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero, l’agente che lavora nella banca europea degli investimenti non può beneficiare della tassazione agevolata.

Un contribuente che lavora in Lussemburgo da ottobre 2017, si è iscritto all’Aire a gennaio 2018 e che intende tornare in Italia, non può fruire del regime speciale per i lavoratori impatriati a partire da ottobre 2019 in quanto, nei periodi di imposta 2018 e 2019, deve essere considerato fiscalmente residente in Italia.

 

L’AdE: il funzionario non può usufruire del regime per lavoratori impatriati

È questa la risposta dell’Agenzia delle entrate n. 475 del 8 novembre 2019 all’interpello con cui un contribuente che lavora come agente presso la Banca Europea degli Investimenti, chiede se può accedere al regime di tassazione agevolata previsto per i lavoratori impatriati.

 

L’Agenzia ricorda l’articolo 16 del Dlgs n. 147/2015 che ha istituito il regime speciale per i lavoratori impatriati.

Tale disciplina è stata modificata dal Dl n. 34/2019

“a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto”.

Le nuove regole, quindi, valgono per i soggetti che acquistano la residenza fiscale italiana a partire dal periodo d’imposta 2020.

Si tratta di benefici fiscali fruibili per 5 anni a partire dal periodo d’imposta riferibile al trasferimento di residenza in Italia e per i 4 periodi d’imposta successivi.

 

Condizioni per l’accesso al regime per lavoratori impatriati

Per accedere al regime premiale, il soggetto non deve essere stato residente in Italia nei due periodi di imposta precedenti il rimpatrio e deve impegnarsi a rimanere in Italia almeno per 2 anni, altrimenti decade dall’agevolazione.

L’Agenzia ricorda, inoltre, che per residenti si intendono le persone iscritte nell’anagrafe della popolazione residente almeno 183 giorni (184 per l’anno bisestile), oppure hanno il domicilio o la residenza nello Stato.

Fatto questo breve quadro, l’Agenzia sottolinea che nel caso in esame, per stabilire la residenza dell’istante, vale la disciplina prevista per gli agenti Ue dall’articolo 13 del Protocollo sui privilegi e sulle immunità dell’Unione europea

(“Ai fini dell’applicazione delle imposte sul reddito e sul patrimonio, dei diritti di successione, nonché delle convenzioni concluse fra gli Stati membri dell’Unione al fine di evitare le doppie imposizioni, i funzionari e gli altri agenti dell’Unione, i quali, in ragione esclusivamente dell’esercizio delle loro funzioni al servizio dell’Unione, stabiliscono la loro residenza sul territorio di uno Stato membro diverso dal paese ove avevano il domicilio fiscale al momento dell’entrata in servizio presso l’Unione, sono considerati, sia nello Stato di residenza che nello Stato del domicilio fiscale, come tuttora domiciliati in quest’ultimo Stato qualora esso sia membro dell’Unione.

Tale disposizione si applica ugualmente al coniuge, sempreché non eserciti una propria attività professionale, nonché ai figli ed ai minori a carico delle persone indicate nel presente articolo e in loro custodia”).

 

L’istante, quindi, alla luce delle considerazioni evidenziate dall’Agenzia, deve essere considerato fiscalmente residente in Italia nei periodi d’imposta 2018 e 2019 e, tenuto conto che il suo trasferimento in Lussemburgo è stato effettuato “in ragione esclusivamente dell’esercizio delle… funzioni al servizio dell’Unione”, non presenta i requisiti per poter fruire del regime di favore.

 

Diario Quotidiano dell’11 Novembre 2019

a…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it