Revisori: i sistemi informatici di allerta crisi di impresa – Diario Quotidiano del 2 Ottobre 2019

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 2 ottobre 2019



1) Revisori: i sistemi informatici di allerta crisi d’impresa
2) NaDef 2019: dalla digitalizzazione dei pagamenti alla lotta all’evasione fiscale
3) Mise: partito l’iter per la crescita delle startup innovative del Sud
4) Tax credit librerie, presentazione istanze al 2 ottobre 2019
5) Cndcec: consulente legale in materia di privacy
6) Lavoratori domestici: pagamento contributi 3° trimestre 2019

Sistemi di allerta

L’utilizzo dell’informatica (attraverso piattaforme software) potrà essere d’aiuto sia per il monitoraggio dei processi aziendali inerenti all’adozione degli strumenti di allerta, sia per l’elaborazione degli indicatori della crisi che saranno a breve emanati dal Cndcec.

Dopo le nuove previsioni introdotte dalla legge 155/2017, legate alla gestione delle procedure di allerta e al calcolo degli indicatori di crisi, vista la necessità di tenere monitorata la situazione dell’impresa in tempo reale, resa obbligatoria dai nuovi obblighi di legge, un ruolo fondamentale viene attribuito dall’utilizzo dei software gestionali, che secondo il parere del comitato tecnico di AssoSoftware, sono in grado di poter monitorare costantemente la situazione contabile della società, registrazione per registrazione.

Proprio tale comitato tecnico ha redatto la seguente sintesi schematica, considerato che potrebbero essere realizzate nuove specifiche funzionalità e connessi moduli software, in grado di aiutare gli operatori nel controllo e nel monitoraggio costante degli indicatori.

Crisi di impresa - Quadro normativo

La legge 155/2017, rubricata «Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza», prevede all’articolo 4 che il Governo disciplini l’introduzione di procedure di allerta e di composizione assistit