Pace fiscale: in arrivo 700mila comunicazioni - Diario Quotidiano del 21 Ottobre 2019

Nel DQ del 21 Ottobre 2019:
1) Onorari Commercialista: l’accertamento fiscale non può basarsi solo sulle tariffe sindacali consigliate
2) Comunicazione opzione cessione/sconto in fattura sul web delle Entrate
3) Come conservare digitalmente le note spese analogiche
4) Riordino disciplina di sostegno/sviluppo delle start-up in G.U.
5) Vendite di beni tramite marketplace: la comunicazione entro il 31 ottobre, ecco chi è tenuto alla presentazione
6) Fatturazione elettronica, conservazione sostitutiva e registro giornaliero di protocollo: nota Cndcec
NOTIZIA IN EVIDENZA – 7) Pace fiscale: partite 700mila lettere dall’Agenzia Entrate Riscossione
8) Attività agricola e non: l’ISA si applica soltanto sul reddito d’impresa
9) Niente esenzione dalle ritenute sugli interessi dovuti in relazione al prestito intercompany

Pace fiscale: partite 700mila lettere dall’Agenzia Entrate Riscossione

Stanno per arrivare le 700 mila, circa, comunicazioni da parte dell’Agenzia Entrate Riscossione in risposta ai contribuenti che hanno chiesto di aderire ai provvedimenti di definizione agevolata previsti dalla Pace Fiscale 2019.

L’Agenzia della Riscossione (AdER) è pronta per la comunicazione dell’esito (eventuale rigetto della richiesta, ovvero, l’indicazione degli importi dovuti e le scadenze entro cui effettuare i pagamenti).

Il “Saldo e stralcio” delle cartelle è entrato nella fase due.

L’AdER sta procedendo con l’invio ai contribuenti che hanno aderito al “Saldo e stralcio” la risposta con l’ammontare complessivo delle somme dovute ai sensi della Legge n. 145/2018.

L’Agenzia delle entrate-Riscossione, come previsto dalla legge, invierà entro il 31 ottobre 2019 la “Comunicazione delle somme dovute” relativa alle dichiarazioni di adesione alla Definizione.

 

Comunicazione delle somme dovute dall’Agenzia di Riscossione

Diario quotidiano di CommercialistaTelematicoL’Agenzia della Riscossione, come previsto dalla legge, invierà entro il 31 ottobre 2019 la “Comunicazione delle somme dovute” relativa alle dichiarazioni di adesione alla Definizione per estinzione dei carichi:

  1. accoglimento alla Definizione per estinzione dei carichi ai sensi della Legge n. 145/2018 (“saldo e stralcio”);
  2. diniego ai fini del “saldo e stralcio” ma accoglimento ai fini della “rottamazione-ter”, ossia la Definizione agevolata dei carichi ai sensi dell’art. 3 del Decreto Legge n. 119/2018;
  3. rigetto della dichiarazione di adesione, in quanto i carichi non rientrano nel “Saldo e stralcio” e neppure nell’ambito applicativo dell’art. 3 del Decreto Legge n. 119/2018 (“rottamazione-ter”), oppure sono già stati oggetto di una Comunicazione inviata entro il 30 giugno 2019 per la “rottamazione-ter”.

 

In caso di accoglimento della richiesta, allegati alla Comunicazione il contribuente riceverà i bollettini per il pagamento dell’importo dovuto con le relative scadenze, sulla base di quanto previsto dalla legge per ciascuna misura agevolativa, nonché della soluzione rateale prescelta in fase di dichiarazione di adesione.

Una copia della “Comunicazione” sarà disponibile (a partire dal mese di novembre) nell’area riservata del portale, mentre in area pubblica, senza necessità di pin e password, sarà possibile chiederne una copia compilando un form dedicato.

 

Le diverse tipologie di risposta dell’Agenzia

Per tutti coloro che hanno ricevuto la “Comunicazione delle somme dovute” relativa a dichiarazioni di adesione presentate per il “saldo e stralcio” sono previste cinque differenti tipologie di lettere:

AT: Accoglimento totale della richiesta: i carichi indicati nella dichiarazione sono interamente definibili (o per il “saldo e stralcio” o per la “rottamazione-ter”). Nella lettera è indicato l’importo da pagare per entrambe le misure agevolative e l’importo da pagare per i carichi esclusi.

AP: Accoglimento parziale della richiesta: solo una parte dei carichi indicati nella dichiarazione è definibile (o per il “saldo e stralcio” o per la “rottamazione-ter”). Nella lettera è indicato l’importo da pagare per entrambe le misure agevolative e l’importo da pagare per i carichi esclusi.

AD: i carichi indicati nella dichiarazione sono definibili (o per il “saldo e stralcio” o per la “rottamazione-ter”) e per entrambe le misure agevolative nessun importo risulta dovuto. Pertanto nella lettera non è indicato alcun importo da pagare.

AX: solo una parte dei carichi è definibile (o per il “saldo e stralcio” o per la “rottamazione-ter”). L’importo da pagare per entrambe le misure agevolative è pari a zero, mentre c’è un importo da pagare per i carichi esclusi dalle medesime misure.

RI: Rigetto tutti i carichi indicati nella dichiarazione sono esclusi dall’ambito applicativo di entrambe…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it