Statuti del Terzo settore: ulteriori chiarimenti – Diario quotidiano del 4 giugno 2019

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 4 giugno 2019



1) Pensionati esteri che trasferiscono la residenza in alcuni piccoli comuni del Sud: provvedimento per la scelta di pagare la sostitutiva
2) Guida alla dichiarazione dei redditi 2019
3) Adeguamenti statutari degli Enti del Terzo settore: ulteriori chiarimenti
4) Deduzione dei costi svincolata dall’antieconomicità
5) Con l’accordo sopravvenuto stop all’emissione della nota di variazione Iva
6) Sanzioni per reati di frode in competizioni sportive e di esercizio abusivo delle scommesse estese al D.lgs. 231/2001
7) Albergo: niente detrazione Iva per l’acquisto di appartamenti abitativi
8) Avviso di accertamento nullo se firmato digitalmente

Commercialista Telematico - Software,ebook,videoconferenze1) Pensionati esteri che trasferiscono la residenza in alcuni piccoli comuni del Sud: provvedimento per la scelta di pagare la sostitutiva

2) Guida alla dichiarazione dei redditi 2019

3) Adeguamenti statutari degli Enti del Terzo settore: Ulteriori chiarimenti

4) Deduzione dei costi svincolata dall’antieconomicità

5) Con l’accordo sopravvenuto stop all’emissione della nota di variazione Iva

6) Sanzioni per reati di frode in competizioni sportive e di esercizio abusivo delle scommesse estese al D.lgs. 231/2001

7) Albergo: Niente detrazione Iva per l’acquisto di appartamenti abitativi

8) Avviso di accertamento nullo se firmato digitalmente

***

3) Adeguamenti statutari degli Enti del Terzo settore: Ulteriori chiarimenti

Obbligo adeguamento statuti, ai fini del Codice del Terzo Settore (CTS), derogabile oltre il 3 agosto 2019.

Sono arrivati, dal Ministero del lavoro con la circolare n. 13 del 31 maggio 2019, gli ulteriori chiarimenti sui termini e le modalità di adeguamento statutario per gli enti del Terzo settore (ETS), che di fatto “allungano” la scadenza del 3 agosto 2019.

Intanto, nel neo documento ministeriale, vi é la conferma che fino all’operatività del RUNTS, si continuerà applicare la disciplina previgente che più interessa ODV, APS ed ONLUS, alle prese con l'adeguamento alle norme inderogabili introdotte dal CTS.
In tale contesto la citata circolare evidenzia la circostanza che l'adeguamento debba avvenire entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore d