Per le Srl non è necessario l’adeguamento immediato degli statuti - Diario quotidiano del 29 aprile 2019

1) Istanza per il credito Iva del 1° trimestre 2019 entro il 30 aprile 2019
2) Sas, le somme prelevate dai soci accomandatari non equivalgono ad evasione fiscale: nullo l’accertamento induttivo
3) Compravendite immobiliari di cosa futura: stop a presunzioni di evasione fiscale
4) Tassazione dei contributi Politica Agricola Comune (PAC) legittima
5) Giovani Commercialisti iscritti: ecco le iniziative del Consiglio nazionale
6) Fatturazione elettronica – piattaforma Hub B2B
7) Bonus prima casa: non vale la residenza di fatto

1) Istanza per il credito Iva del 1° trimestre 2019 entro il 30 aprile 2019

2) Sas, le somme prelevate dai soci accomandatari non equivalgono ad evasione fiscale: nullo l’accertamento induttivo

3) Compravendite immobiliari di cosa futura: stop a presunzioni di evasione fiscale

4) Tassazione dei contributi Politica Agricola Comune (PAC) legittima

5) Giovani Commercialisti iscritti: ecco le iniziative del Consiglio nazionale

6) Fatturazione elettronica – piattaforma Hub B2B

7) Bonus prima casa: non vale la residenza di fatto

8) Per le Srl non è necessario l’adeguamento immediato degli statuti esistenti

9) Reddito di Cittadinanza: presentate quasi 950mila domande

*****

8) Per le Srl non è necessario l’adeguamento immediato degli statuti esistenti

ebook la disciplina delle srl dopo la riforma del codice della crisi d'impresa

POTREBBE INTERESSARTI IL NOSTRO NUOVO EBOOK DEDICATO ALLE SRL POST-RIFORMA

Per le Srl, la nuova formulazione dell’art. 2475, comma 1, c.c. non comporta alcun obbligo di adeguamento immediato degli statuti esistenti.
Lo rimarca una nota di Tuttocamere (Portale delle Camere di commercio) che sintetizza il contenuto dello studio del Consiglio nazionale del notariato n. 58/I/2019 incentrato in tema di “Amministrazione Srl – Le modifiche all’art. 2475 del Codice civile introdotte dal Codice della crisi di impresa”.

Il Consiglio Nazionale del Notariato, nello studio n. 58-2019/I (approvato in via telematica dalla Commissione Studi d’Impresa il 13 marzo 2019 e dal CNN il 14 marzo 2019) fornisce una prima lettura del novellato articolo 2475 C.C., sull’amministrazione delle Srl, come da ultimo modificato dall’art. 377, comma 5, del D.Lgs. 12 gennaio 2019, n. 14 (Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza in attuazione della legge 19 ottobre 2017, n. 155).

Lo studio esamina le conseguenze, sul piano delle clausole statutarie, della modifica dell’art. 2475 c.c., con riferimento in particolare alla nuova previsione per cui la gestione dell’impresa spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l’attuazione dell’oggetto sociale.

Gli autori dello studio ricordano, in primo luogo, come la modifica operata dal Decreto legislativo n. 14/2019 riguardi il primo comma dell’art. 2475 c.c. sull’amministrazione delle società a responsabilità limitata, sostituito da un nuovo primo periodo ai sensi del quale: “La gestione dell’impresa si svolge nel rispetto della disposizione di cui all’articolo 2086, secondo comma, e spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l’attuazione dell’oggetto sociale“.
A seguire, è stato anche aggiunto un nuovo sesto comma, che testualmente prevede “Si applica, in quanto compatibile, l’articolo 2381”.

Secondo il Notariato, l’introduzione della previsione secondo cui la gestione dell’impresa spetta esclusivamente agli amministratori solleverebbe il problema del suo coordinamento e della sua compatibilità, con quelle norme, introdotte dalla riforma del diritto societario, comunemente lette come delega all’autonomia statutaria nella definizione delle competenze di soci e amministratori, quali:
– il primo comma dell’art. 2479 c.c., il quale viene interpretato nel senso che è consentito affidare ai soci competenze gestorie;
– l’art. 2468, comma 3, c.c., che prevede la possibilità di riservare a singoli soci particolari diritti riguardanti l’amministrazione della società;
– il comma 7 dell’art. 2476, c.c., per il quale sono solidalmente responsabili con gli amministratori i soci che hanno intenzionalmente deciso o autorizzato il compimento di atti dannosi per la società, i soci o i terzi.

Crisi impresa MilanoSul punto, tuttavia, lo studio ritiene che gli aspetti legati alla gestione societaria siano rimasti immutati mentre quelli legati alla organizzazione siano precisati in base alle due norme novellate (art. 2086 e art. 2475 del c.c.).
Nello studio si ipotizza che la nuova disposizione dell’art….

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it