La dichiarazione IVA 2019: il passaggio al regime forfettario – Diario quotidiano del 17 gennaio 2019

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 17 gennaio 2019

1) Modello Iva 2019: modifiche anche per il passaggio al regime forfettario
2) L’adesione al regime della direttiva “Madre-Figlia” non inibisce doppie imposizioni sulle imposte
3) Consorzi di sviluppo industriale: doppia condizione per l’esenzione da IMU
4) Fatture precedute da scontrino: obbligo di emissione solo in forma elettronica, se non ricorre l’esonero
5) Caso Assonime: ne bis in idem
6) Fattura elettronica dei commercialisti: pubblicate le slides di Unimatica
7) Antiriciclaggio: nel 90% dei casi le segnalazioni all’Uif fatte dai Notai
8) Rappresentante fiscale di intermediario estero

La dichiarazione IVA 2019: il passaggio al regime forfettario - Diario quotidiano del 17 gennaio 20191) Dichiarazione Iva 2019: modifiche anche per il passaggio al regime forfettario

2) L’adesione al regime della direttiva “Madre-Figlia” non inibisce doppie imposizioni sulle imposte

3) Consorzi di sviluppo industriale: doppia condizione per l’esenzione da IMU

4) Fatture precedute da scontrino: obbligo di emissione solo in forma elettronica, se non ricorre l’esonero

5) Caso Assonime: ne bis in idem

6) Fattura elettronica dei commercialisti: pubblicate le slides di Unimatica

7) Antiriciclaggio: nel 90% dei casi le segnalazioni all’Uif fatte dai Notai

8) Rappresentante fiscale di intermediario estero

****

1) Dichiarazione Iva 2019: modifiche anche per il passaggio al regime forfettario

Pubblicati i vari modelli 2019 in versione definitiva (modello 730, Certificazione unica, 770, Cupe, Iva, Iva 74 bis) con sei distinti provvedimenti.

Lo ha evidenziato l’Amministrazione finanziaria nel