Imposta di Bollo sui contratti pubblici d’appalto

imposta di bollo sui contratti pubblici d’appaltoI Capitolati d’appalto devono essere assoggettati ad imposta di bollo sin dall’origine, nella misura di 16 euro per ogni foglio, in quanto, anche se non devono più essere obbligatoriamente richiamati nell’ambito del contratto, ne disciplinano comunque particolari aspetti.

La stessa cosa vale per i computi metrici che continuano ad essere assoggettati ad imposta di bollo in caso d’uso (ossia in caso di presentazione per la registrazione).

In questo senso si è espressa l’Agenzia delle Entrate nella recente Risposta n. 35 del 12 ottobre 2018 che, sotto questi profili, non fa che confermare quanto già era stato indicato nell’ambito della precedente Risoluzione del 27 marzo 2002 n. 97, emanata da parte della Direzione Centrale Normativa e Contenzioso e titolata “Interpello 954-184/2001 Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 – Ministero della Difesa Direzione generale del Demanio e della Difesa” (con cui venivano forniti chiarimenti in ordine al corretto trattamento tributario ai fini dell’imposta di bollo, applicabile ad atti e documenti posti in essere sia nella formazione che nell’esecuzione di contratti d’appalto per opere pubbliche destinate alla difesa militare).

In particolare, la questione trattata dal recente documento di prassi nasce dalle modifiche che sono state apportate al Decreto Legislativo n. 50/2016 (si tratta del cosiddetto ”Codice dei Contratti pubblici”), in base alle quali i “capitolati e il computo estimativo metrico, richiamati nel bando o nell’invito, fanno parte integrante del contratto” (si veda in proposito l’articolo 32, comma 14-bis, del D.Lgs. 50/2016, introdotto dall’articolo 22 del D.Lgs. n. 56/2017.

Come tali, pertanto, si poteva ravvisare l’ipotesi di dover applicare l’imposta di bollo esclusivamente sul contratto e non anche, in via autonoma, su tali documenti.

In realtà, secondo il parere che è stato espresso da parte dell’Agenzia, la modifica normativa non ha inciso sul regime di applicazione dell’imposta, per cui resta fermo che:

  • i capitolati sono assoggettati ad imposta di bollo sin dall’origine, nella misura di 16 euro per foglio (che si compone di 4 facciate), in quanto, disciplinando particolari aspetti del contratto (quali, ad esempio, i termini entro i quali devono essere ultimati i lavori, le responsabilità e gli obblighi dell’appaltatore, i modi di riscossione dei corrispettivi dell’appalto), sono riconducibili alle ”Scritture private contenenti convenzioni o dichiarazioni anche unilaterali con le quali si creano, si modificano, si estinguono, si accertano o si documentano rapporti giuridici di ogni specie, descrizioni, constatazioni e inventari destinati a far prova tra le parti che li hanno sottoscritti” (articolo 2 della tariffa, parte I, allegata al D.P.R. n. 642/1972);
  • il computo metrico estimativo, in quanto elaborato tecnico la cui redazione viene affidata ad un professionista in possesso di determinati requisiti, rientra, così come gli elaborati grafici progettuali, i piani di sicurezza ed i disegni, tra gli atti individuati assoggettati ad imposta di bollo in caso d’uso, nella misura di 0,52 euro per foglio o esemplare (così come viene previsto dall’articolo 28 della tariffa, parte II, del D.P.R. n. 642/1972), con un minimo di 1 euro (ai sensi dell’articolo 3, comma 3, del medesimo DPR).

In realtà, nella risposta in commento, l’Agenzia indica 1 euro, come misura dell’imposta da applicare per ogni foglio o esemplare, quando invece il citato articolo 28 della tariffa, parte II (richiamato espressamente) si esprime come sopra indicato

Pertanto, le offerte devono essere assoggettate ad imposta di bollo sin dall’origine, nella misura di 16 euro per foglio, in quanto atti contenenti dichiarazioni unilaterali, diretti a costituire rapporti giuridici rilevanti fra le parti (articolo 2 della tariffa, parte I, allegata al D.P.R. n. 642/1972).

Il documento di prassi dell’Agenzia sottolinea poi che le istanze/dichiarazioni di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it