Criteri e modalità per la sospensione delle deleghe di pagamento in compensazione - Diario Quotidiano del 29 agosto 2018

Le notizie di oggi:
1) Compensazioni a rischio: ecco i criteri e le modalità per la sospensione dell’esecuzione dei modelli F24
2) NASpI e DIS-COLL dei soggetti irreperibili e senza fissa dimora
3) Lo stipendio di lavoro in Francia si dichiara anche in Italia
4) Niente modifiche statutarie per le coop sociali
5) Vendita fallimentare: Pubblicati gli ultimi studi del Notariato
6) Conferimento del mandato di intermediario INPS ad un nuovo professionista
7) Fondo di solidarietà riconversione e riqualificazione: limiti di utilizzo
8) F24: Criteri e modalità per la sospensione dell’esecuzione delle deleghe di pagamento in compensazione al via dal 29 ottobre 2018

Le notizie di oggi:
1) Compensazioni a rischio: ecco i criteri e le modalità per la sospensione dell’esecuzione dei modelli F24
2) NASpI e DIS-COLL dei soggetti irreperibili e senza fissa dimora
3) Lo stipendio di lavoro in Francia si dichiara anche in Italia
4) Niente modifiche statutarie per le coop sociali
5) Vendita fallimentare: Pubblicati gli ultimi studi del Notariato
6) Conferimento del mandato di intermediario INPS ad un nuovo professionista
7) Fondo di solidarietà riconversione e riqualificazione: limiti di utilizzo
8) F24: Criteri e modalità per la sospensione dell’esecuzione delle deleghe di pagamento in compensazione al via dal 29 ottobre 2018

***

F24: Criteri e modalità per la sospensione dell’esecuzione delle deleghe di pagamento in compensazione al via dal 29 ottobre 2018

Le nuove disposizioni del neo provvedimento direttoriale prot. 195385 del 28 agosto 2018 decorrono dal 29 ottobre 2018.

Il comma 49-ter dell’articolo 37 del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, introdotto dall’articolo 1, comma 990, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, allo scopo di contrastare il fenomeno delle indebite compensazioni di crediti d’imposta, prevede che l’Agenzia delle entrate può sospendere, fino a trenta giorni, l’esecuzione delle deleghe di pagamento di cui agli articoli 17 e seguenti del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 (modello F24), contenenti compensazioni che presentano profili di rischio.

Se all’esito del controllo automatizzato il credito risulta correttamente utilizzato, ovvero decorsi trenta giorni dalla data di presentazione della delega di pagamento, la delega è eseguita e le compensazioni e i versamenti in essa contenuti sono considerati effettuati alla data indicata nel file inviato; diversamente la delega di pagamento non è eseguita e i versamenti e le compensazioni si considerano non effettuati.

In proposito, è previsto che, con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, siano stabiliti i criteri e le modalità di attuazione del citato comma 49-ter dell’articolo 37 del d.l. n. 223 del 2006.

Pertanto, con il suddetto nuovo provvedimento sono stati individuati i criteri di rischio per selezionare, in via automatizzata, i modelli F24 da sottoporre alla verifica delle strutture territorialmente competenti dell’Agenzia delle entrate e viene definita la procedura per sospenderne l’esecuzione, ai fini del controllo dell’utilizzo del credito.

Criteri selettivi

Le deleghe di pagamento (modelli F24) che presentano profili di rischio sono selezionate per l’applicazione della procedura di sospensione di cui all’articolo 37, comma 49-ter, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, utilizzando criteri riferiti:

  1. alla tipologia dei debiti pagati;
  2. alla tipologia dei crediti compensati;
  3. alla coerenza dei dati indicati nel modello F24;
  4. ai dati presenti nell’Anagrafe Tributaria o resi disponibili da altri enti pubblici, afferenti ai soggetti indicati nel modello F24;
  5. ad analoghe compensazioni effettuate in precedenza dai soggetti indicati nel modello F24;
  6. al pagamento di debiti iscritti a ruolo, di cui all’articolo 31, comma 1, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78.

Allo scopo di controllare tempestivamente l’utilizzo dei crediti in compensazione per i pagamenti, a decorrere dalla data di avvio delle disposizioni del presente provvedimento, i modelli F24 contenenti il pagamento di debiti iscritti a ruolo di cui all’articolo 31, comma 1, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, sono presentati esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, pena il rifiuto della delega di pagamento.

Procedura di sospensione

Per i modelli F24 presentati attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, con apposita ricevuta, viene comunicato al soggetto che ha inviato il modello F24 se la delega di pagamento è stata sospesa ai sensi di quanto previsto dall’articolo 37, comma…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it