Nuovo regolamento privacy: come scegliere il responsabile della protezione dei dati - Diario quotidiano del 20 settembre 2017

1) Le scelte imprenditoriali non sono sindacabili dal Fisco: deducibilità dei costi aziendali non contestabile

2) Rassegna di giurisprudenza (transfer pricing, plusvalenze, Collegio sindacale)

3) Regolamento privacy: ecco come scegliere il responsabile della protezione dei dati

4) Srls: modello standard da usare comunque

5) In presenza di contabilità in nero non contano le osservazioni difensive dell’imprenditore

6) Cassazione: ulteriore rassegna di decisioni in campo tributario e disciplina antiriciclaggio

7) Sul recesso del socio l’ultima parola spetta al tribunale e non al collegio arbitrale

8) Registrazione Locazioni Immobili: disponibile la nuova versione del software Sogei

9) SIA Aree Sisma: rilascio della procedura di trasmissione delle domande; altre di prassi previdenziale e normativa

10) Spesometro 2017: possibile l’invio multiplo di files

****
1) Le scelte imprenditoriali non sono sindacabili dal Fisco: deducibilità dei costi aziendali non contestabile

Le strategie commerciali non sono sindacabili dall’Amministrazione finanziaria, è, quindi, deducibile il rilevante costo anche se viene ritenuto antieconomico per l’azienda.
Lo ha stabilito, in maniera quasi innovativa, la Corte di Cassazione con la sentenza 21405 del 15 settembre 2017, secondo cui l’opportunità di un costo, e, quindi, la sua eventuale antieconomicità, non può essere sindacata dal Fisco in termini di indeducibilità, perché si tratta di valutazioni della strategia commerciale riservate all’esclusivo giudizio dell’imprenditore.
In particolare, il contribuente aveva risolto un contratto di servizi con una società del gruppo per fornitura di attività di marketing, sottoscrivendo uno specifico accordo.
In base a tale atto l’impresa sottoposta al controllo fiscale si faceva carico di tutte le spese sostenute dalla società di marketing.
Per questo, l’Agenzia riteneva che la nuova somma concordata fosse superiore al corrispettivo previsto nel contratto iniziale. Per l’Amministrazione i maggiori costi assunti non erano inerenti.
Che sia un anticipazione di quanto comunicato dal nuovo direttore dell’Agenzia delle entrate ? La situazione potrebbe cambiare a favore dei contribuenti sia pure attraverso la sezione tributaria della massima Corte che, nel caso di specie, ha respinto il ricorso dell’Agenzia dell’entrate e ha accolto quello incidentale della società, poiché, è pur vero che tra i poteri dell’Amministrazione finanziaria rientra la valutazione di congruità dei costi e dei ricavi esposti nel bilancio (e nelle dichiarazioni e per conseguenza la rettifica di queste ultime), ma il fisco non si può spingere a valutare la condotta dell’imprenditore per avere stipulato o disdetto quel dato contratto che porta poi a nuovi costi aziendali che poi a consuntivo si possono rilevare come scelte sbagliate o antieconomiche per l’oggetto aziendale. Secondo la Cassazione, si tratta di “valutazioni di strategia commerciale riservate all’imprenditore” e come tali non sindacabili dai verificatori delle Entrate.
******
2) Rassegna di giurisprudenza (transfer pricing, plusvalenze, Collegio sindacale)
Ecco di seguito, in rapida rassegna, alcune decisioni della Corte di Cassazione del 15 settembre 2017:
– Transfer pricing
L’applicazione del valore normale nelle transazioni infragruppo non integra una disciplina antielusiva in senso proprio ma è finalizzata alla repressione del fenomeno economico dei prezzi di trasferimento con la conseguenza che la prova gravante sull’amministrazione finanziaria non riguarda la maggiore fiscalità nazionale o il concreto vantaggio fiscale in capo al contribuente ma solo l’esistenza di transazioni tra imprese collegate a un prezzo inferiore a quello normale. Incombe poi sul contribuente l’onere di dimostrare che tali transazioni siano intervenute per valori di mercato da considerare normali. A fornire questa interpretazione è la Corte di …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it