Diario quotidiano dell'8 settembre 2016: dal 2017 parte la trasmissione telematica delle operazioni IVA per fini di controllo

Indice:

1) Dal 2017 parte la trasmissione telematica delle operazioni IVA per fini di controllo

2) I beni strumentali non devono essere indispensabili per il medico, altrimenti scatta l’Irap

3) Farmacie in SpA: al via l’iter per la loro costituzione

4) La prenotazione on line negli hotel vuole l’Iva

5) Arrivano gli incentivi sul lavoro da inserire nel primo correttivo al Jobs Act

6) Sisma: ritenute sostituti d’imposta non sospese

7) Informazioni finanziarie periodiche aggiuntive: documento di consultazione della Consob

8) Consulenti del lavoro: vanno semplificate anche le denunce periodiche

9) Vizio della cartella di pagamento non rilevabile nella fase esecutiva

10) Gli studi di settore voltano pagina diventando ”indicatori di compliance”

***

 

1) Dal 2017 parte la trasmissione telematica delle operazioni IVA per fini di controllo
Partirà dal prossimo anno l’operazione di controllo dei contribuenti attraverso la trasmissione telematica delle operazioni IVA.
L’Agenzia delle entrate terrà sotto torchio, anche se a distanza, tutti coloro che, a seguito dell’incrocio dei dati, presenteranno anomalie, questo per convincerli ad aderire in maniera spontanea (cd. compliance).
Dunque, il Ministero dell’Economia e delle finanze, con il D.M. 4 agosto 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 208 del 6 settembre 2016, introduce, con effetto dal 1° gennaio 2017, le nuove modalità di controlli a distanza della trasmissione telematica delle operazioni IVA da parte dell’Agenzia delle Entrate.
Il decreto prevede la possibilità di utilizzo da parte dell’Agenzia dei controlli incrociati, utilizzando anche i dati che provengono dal Sistema di interscambio per la trasmissione delle fatture elettroniche. Comunque, tali nuovi poteri non fanno decadere, nei riguardi degli organi dell’Amministrazione finanziaria, i classici poteri di accesso, ispezione e verifica.
Viene, quindi, preventivato un rafforzamento dei poteri dell’Agenzia delle Entrate in tema di controllo delle operazioni IVA inviate telematicamente e acquisite dall’Agenzia anche mediante il Sistema di Interscambio, con l’incrocio dei dati contenuti in altre banche dati conservate dalla stessa Agenzia o da altre amministrazioni pubbliche, al fine di favorire l’emersione spontanea delle basi imponibili. L’Amministrazione deve provvedere ad informare il contribuente, in via telematica, degli esiti dei controlli nei suoi confronti. In ogni caso, l’effettuazione dei controlli a distanza non fa venir meno i poteri tradizionali di accesso, ispezione e verifica. Tutti questi risultati dell’attività sono messe a disposizione della Guardia di finanza.
Effetti premiali: In relazione alla riduzione dei termini di decadenza per i contribuenti, previste per chi trasmette telematicamente le operazioni IVA, sarà necessario che si effettuino e ricevano tutti i pagamenti mediante bonifico bancario o postale, carta di debito, carta di credito, o assegno bancario, circolare o postale recante la clausola di non trasferibilità.
I contribuenti devono comunicare, con riguardo a ciascun periodo d’imposta, l’esistenza dei presupposti per la riduzione dei termini di decadenza.
Quanto infine al programma di assistenza, realizzato dall’Agenzia delle Entrate, il decreto dispone che sia valido nei confronti di:
– esercenti arti e professioni;
– imprese ammesse al regime di contabilità semplificata;
– (limitatamente all’anno di inizio dell’attività e ai due anni successivi) imprese che superano taluni limiti di ricavi.

******

2) I beni strumentali non devono essere indispensabili per il medico, altrimenti scatta l’Irap
Non ha importanza che il professionista acquisti dei macchinari costosi, ma quello che rileva, ai fini dell’esenzione da Irap, è che tali beni strumentali non siano strettamente necessari per l’esercizio della propria attività (medica, nel caso di specie).
Lo ha stabilito la …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it