Modifiche all’impresa sociale: ecco le linee guida

Questo articolo fa parte del diario del 27 giugno
Sono ora ufficiali le linee di indirizzo a cui il legislatore dovrà attenersi per stabilire il percorso di riforma del settore non profit (per il primo intervento in materia si veda ne il diario fiscale precedente).
Questo a seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 141 del 18 giugno 2016 della Legge recante “delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile Universale”,
In particolare, vediamo di seguito cosa cambia per l’impresa sociale
Ma vediamo che cosa cambia adesso per l’impresa sociale.
In atto l’impresa sociale è disciplinata dalla legge 155 del 2006, il cui articolo 3 pretende l’assenza dello scopo di lucro.
Nella legge delega l’impostazione è diversa e l’impresa sociale rientra “nel complesso del terzo settore”, ma viene accomunata a qualsiasi altra impresa.
Da un lato sussiste la previsione della legge del 2006, che individua i settori di attività dell’impresa sociale, caratterizzata dall’assenza dello scopo di lucro e il cui profitto viene gestito ed utilizzato come mezzo per rendere autosufficiente l’impresa stessa.
Dall’altro lato appare la legge delega che detta specifiche disposizioni in relazione al divieto di distribuzione di utili, avanzi di gestione, fondi e riserve anche in forma indiretta in favore di amministratori, soci, lavoratori e collaboratori.
Definizione di impresa sociale
Nel dettaglio il criterio della legge delega qualifica l’impresa sociale quale organizzazione privata che svolge attività d’impresa per finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale e che destina i propri utili “prioritariamente” al conseguimento dell’oggetto sociale e quindi rientra nel complesso degli enti del Terzo settore.
Il legislatore delegato dovrà riempire di contenuto il rinvio descritto con l’avverbio “prioritariamente”.
Destinazione degli utili
Le forme di remunerazione del capitale sociale devono assicurare la prevalente destinazione degli utili al conseguimento dell’oggetto sociale, e sono da assoggettare a condizioni e comunque nei limiti massimi previsti per le cooperative a mutualità prevalente (ovvero interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo, art. 2514 codice civile), con la contestuale previsione del divieto di ripartire eventuali avanzi di gestione degli utili al conseguimento degli obiettivi sociali.
Responsabilità patrimoniale
Fatto salvo il regime sulla responsabilità limitata previsto dal codice civile in relazione alla forma societaria assunta tra quelle di cui al libro V del codice civile, nelle imprese sociali il cui patrimonio superi 20.000 euro, delle obbligazioni assunte risponde solo l’organizzazione con il suo patrimonio.
Personalità giuridica
L’articolo 3 prefigura la modifica della disciplina relativa alla personalità giuridica, mediante revisione del procedimento per il riconoscimento della personalità giuridica degli enti del terzo settore (i dettagli si sapranno con il decreto delegato).
Statuti e atti costitutivi: informazioni obbligatorie
Dovranno essere previsti obblighi di trasparenza e di informazione, anche verso i terzi, attraverso forme di pubblicità (anche attraverso la pubblicazione sul sito Internet dell’ente) dei bilanci e degli altri atti fondamentali dell’ente.
Conservazione del patrimonio
Deve, inoltre, essere dettata una disciplina per la conservazione del patrimonio degli enti.
Responsabilità degli amministratori
In relazione alla disciplina della responsabilità limitata degli enti persone giuridiche e quella degli amministratori: Il rapporto tra patrimonio netto e complessivo indebitamento costituisce uno dei parametri cui collegare il regime di responsabilità.
Norme in materia di società
Alle associazioni e fondazioni che esercitano stabilmente attività di impresa, si applicheranno le norme del codice …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it