Diario quotidiano del 6 agosto 2014: le cessioni di beni a San Marino in assenza delle prescrizioni formali

Pubblicato il 6 agosto 2014

approvate le specifiche tecniche per la trasmissione telematica del Modello per la Dichiarazione IMU/TASI degli Enti non commerciali; proroga del modello 770: rinvio pubblicato nella G.U.; tutela dei diritti di proprietà intellettuale; CIG in deroga: anzianità di almeno 12 mesi e previo utilizzo delle ferie residue; titolari dello status di cittadini di Paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo: assegno per il nucleo familiare; cessioni verso San Marino senza il rispetto delle prescrizioni formali; holding a rischio d’elusione; società: gli studi di settore possono anche dimostrare che la contabilità non è inattendibile

 Indice:

 1) Approvate le specifiche tecniche per la trasmissione telematica del Modello per la Dichiarazione IMU/TASI degli Enti non commerciali

 2) Proroga del modello 770: rinvio pubblicato nella G.U.

 3) Piano d’azione della Commissione europea sulla tutela dei diritti di proprietà intellettuale

 4) CIG in deroga: anzianità di almeno 12 mesi e previo utilizzo delle ferie residue

 5) Titolari dello status di cittadini di Paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo: assegno per il nucleo familiare

 6) Rimane la non imponibilità per le cessioni verso San Marino anche senza il rispetto delle prescrizioni formali

 7) Holding a rischio d’elusione

 8) Società: gli studi di settore possono anche dimostrare che la contabilità non è inattendibile

 

 

1) Approvate le specifiche tecniche per la trasmissione telematica del Modello per la Dichiarazione IMU/TASI degli Enti non commerciali

Il Ministero dell’Economia e delle finanze ha pubblicato sul proprio sito il Decreto del 04 agosto 2014, firmato dal Direttore generale delle Finanze e riguardante le modalità di trasmissione telematica della dichiarazione IMU e TASI degli enti non commerciali.

Ciò poiché le dichiarazioni relative agli anni 2012 e 2013 (limitatamente all’IMU) dovranno essere presentate, solo in via telematica, entro il 30 settembre 2014.

Il citato Decreto, che si compone di tre articoli, prevede che:

Per la corretta predisposizione della fornitura dei dati relativi alla dichiarazione IMU e TASI degli enti non commerciali, nel frontespizio, oltre alla denominazione del Comune al quale è diretta la comunicazione, deve essere indicato il corrispondente codice catastale del Comune, reperibile nella “Tabella dei Codici Catastali dei Comuni” pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Nella compilazione dei Quadri A e B del modello, poi, nel solo caso in cui l’immobile risulti accatastato in un Comune diverso da quello destinatario della dichiarazione risultante dal fron