Il credito d’imposta del 15% per gli investimenti in beni strumentali nuovi

esempi pratici della gestione contabile del credito d’imposta del 15% che è disponibile dal 25 giugno 2014 per l’acquisto di beni ammortizzabili

Il D.L. 24.6.2014, n. 91 (cd. Decreto “Sviluppo”) recante «Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea» è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 144 del 24.6.2014, n. 144, ed è entrato in vigore il 25.6.2014. Si tratta, tra l’altro, di una misura finalizzata ad incentivare l’investimento nel potenziamento dell’apparato strutturale di un’impresa, fornendo un credito d’imposta nella misura del 15 % delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali nuovi (macchinari ed impianti) compresi nella divisione 28 della Tabella Ateco 2007, che dovrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione, ripartendolo in 3 quote annuali di pari importo.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it