Diario quotidiano del 23 luglio 2014: finalmente buone notizie per i pagamenti della P.A.?

Indice:

1) MEF: siglato un protocollo d’intesa con gli intermediari (tra cui il CNDCEC) per accelerare i pagamenti dei debiti della P.A.

2) Debiti P.A.: stanziati 47,5 miliardi di euro per smaltire i debiti arretrati delle pubbliche amministrazioni

3) Diminuiscono gli interessi sui ritardati pagamenti

4) Fondi di solidarietà bilaterali

5) Statuto dei lavoratori e imprese di trasporto pubblico locale

6) TFR e computabilità dell’indennità di trasferta

7) Come registrare un contratto di locazione online senza andare in ufficio

8) CIG in deroga: settore appalti di pulizie nelle scuole

1) MEF: siglato un protocollo d’intesa con gli intermediari (tra cui il CNDCEC) per accelerare i pagamenti dei debiti della P.A.
Debiti P.A.: siglato al MEF un protocollo di impegni per accelerare i pagamenti.
In data 21 luglio 2014 il Ministro Padoan e i rappresentanti di regioni, province, comuni, imprese, ordini professionali, banche e Cassa depositi e prestiti s.p.a. hanno sottoscritto un Protocollo che specifica gli impegni che ciascuna parte assume per garantire il tempestivo pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni. Un’operazione per la cui riuscita è necessario il concorso responsabile di tutti i soggetti coinvolti.
Il Governo, sin dall’inizio del suo mandato, ha posto al centro dell’agenda politica l’obiettivo di assicurare il pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni, a partire dal completo smaltimento di quelli pregressi, che era già stato avviato dal precedente esecutivo. Il decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, ha, tra l’altro:
– stanziato ulteriori risorse pari a 9,3 miliardi di euro per alimentare lo strumento di pagamento mediante anticipazione di liquidità agli enti, portando lo stanziamento complessivo nel biennio 2013-2014 a 56,8 miliardi di euro;
– rivisto e potenziato lo strumento della cessione del credito certificato assistito da garanzia dello Stato per il pagamento immediato di tutti i debiti di parte corrente.
Il Ministro dell’economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, in linea con gli indirizzi generali del Presidente del Consiglio dei Ministri, ha poi attivato presso il Gabinetto una task force dedicata al tema presieduta dal Capo di Gabinetto, Roberto Garofoli, e, a meno di un mese dall’entrata in vigore della legge di conversione del suddetto decreto-legge, gli atti di attuazione previsti sono in larga parte già definiti e perfezionati.
Le risorse disponibili e gli strumenti attivati vanno ora utilizzati appieno e, per questo, è necessario il concorso responsabile di tutti i soggetti interessati affinché, per quanto riguarda lo strumento dell’anticipazione, le amministrazione possano accedervi e pagare i loro debiti e, per quanto riguarda lo strumento della cessione del credito assistito da garanzia dello Stato, le imprese possano presentare l’istanza di certificazione mediante Piattaforma elettronica, le amministrazioni provvedervi e le banche consentirne la realizzazione.
È in questa prospettiva che si colloca il Protocollo di impegni “Pagamento debiti PA”, che oggi il Ministro dell’economia e delle finanze ha sottoscritto insieme ai rappresentanti della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, UPI, ANCI, Confindustria, Confapi, Confimi Impresa, ANCE, ANIEM, Confagricoltura, associazioni riunite nell’Alleanza delle Cooperative Italiane (AGCI, Confcooperative, Legacoop), associazioni riunite in R.E TE. Imprese Italia (Casartigiani, CNA, Confartigianato Imprese, Confcommercio – Imprese per l’Italia e Confesercenti), Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, Unioncamere, ABI e Cassa depositi e prestiti s.p.a.
Il Protocollo – a dimostrazione della diffusa consapevolezza circa la necessità di uno sforzo comune per conseguire un obiettivo unanimemente condiviso – indica puntualmente gli …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it