Diario quotidiano del 9 luglio 2014: bonus fiscale alle imprese per chi investe in macchinari

 

Indice:
 1) Nuovo “redditometro”: per il 2014 coinvolti circa 20 mila contribuenti
 2) Bonus fiscale alle imprese per chi investe in macchinari
 3) Conservazione digitale delle scritture contabili
 4) Uso personale del PC aziendale: dipendente non licenziabile
 5) L’omesso versamento dei contributi previdenziali espone al fallimento
 6) Cessione dei crediti: Garanzia statale per oltre 13 mld di operazioni
 7) Processi lenti: Il ministero paga anche per l’equa riparazione tardiva
 8) Entrate Tributarie gennaio-maggio 2014

 
1) Nuovo “redditometro”: per il 2014 coinvolti circa 20 mila contribuenti
E’ entrata nel vivo la stagione di accertamenti basati sul nuovo “redditometro” che per il 2014 vedrà coinvolti circa 20 mila contribuenti.
Ciò dopo quasi quattro anni dalle modifiche apportate all’art. 38 del D.P.R. 600/1973, in seguito alla emanazione del Decreto Ministeriale del 24 dicembre 2012 e agli ultimi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.
Con le modifiche arrecate all’art. 38 del D.P.R. 600/1973 sono cambiate le modalità di verifica da parte del fisco in relazione ai redditi dichiarati dai contribuenti persone fisiche.
Tale norma regolamenta le modalità di utilizzo del cd. “redditometro” strumento attraverso il quale l’Amministrazione Finanziaria può presumere il livello di reddito del contribuente attraverso due modalità tra loro connesse:
– La presunzione c.d.“spesa = reddito” ovvero che tutto quanto è stato speso nel corso dell’anno sia stato finanziato con i redditi del periodo medesimo;
– la presunzione basata sul possesso di beni indicativi di capacità contributiva, ovvero di beni per il cui mantenimento viene ipotizzata una certa disponibilità reddituale anche in funzione del nucleo familiare e dell’area territoriale di appartenenza.
Sulla base di dette presunzioni l’Amministrazione Finanziaria seleziona i contribuenti da sottoporre a controllo ogni qualvolta il reddito dichiarato risulti inferiore del 20% alle spese sostenute nel corso dell’anno oggetto di osservazione (si ricorda che per i contribuenti che lo volessero l’Agenzia delle entrate ha presentato in data 20 novembre 2012 il “Redditest” , strumento attraverso cui il contribuente può verificare le proprie criticità in relazione al “redditometro”).
In seguito alle ultime indicazioni fornite della stessa Agenzia delle entrate (circolare n. 24/E del 31 luglio 2013 e la circolare n. 6/E del 11 marzo 2014) per ricostruire il reddito del contribuente gli uffici dovranno considerare:
– le spese certe (spese per mutui, locazioni, spese indicate in dichiarazione dei redditi ecc…);
– le spese per elementi certi (spese per abitazione, autoveicoli, natanti e di “fitto figurativo”);
– la quota di incremento patrimoniale imputabile al periodo di imposta;
– la quota di risparmio che si è formata nell’anno.
Selezione del contribuente
Il primo step per eventuali accertamenti riguarda la fase di selezione del contribuente effettuata sulla base dei criteri di spesa e degli scostamenti sopra richiamati. Si sottolinea come L’Amministrazione Finanziaria abbia espressamente comunicato che le nuove disposizioni si applicano con riferimento agli accertamenti relativi ai redditi dichiarati per il 2009 e seguenti, superando così il previgente impianto normativo che rimane tuttavia in vigore per i controlli relativi ai periodi di imposta precedenti.
Contradditorio
Una volta selezionato il contribuente, l’Ufficio dell’Agenzia delle entrate competente ha l’obbligo di invitarlo a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell’accertamento e …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it