Rivalutazione di terreni e partecipazioni: la perizia va giurata entro il 30 giugno 2014

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 24 giugno 2014

in caso di rivalutazione del valore dei terreni e delle partecipazioni possedute all'1 gennnaio 2014: entro il prossimo 30 giugno va effettuato sia il giuramento della perizia di stima che il pagamento dell'imposta sostitutiva

La legge di stabilità 2014, in vigore dall’1.1.2014, ha riproposto per il terzo anno consecutivo la riapertura dei termini per la rideterminazione del costo fiscale dei terreni (edificabili o agricoli) e delle partecipazioni in società non quotate posseduti, al di fuori del regime d’impresa, alla data dell’1.1.2014. Più precisamente, la disposizione in argomento consente a persone fisiche, società semplici, enti non commerciali e soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia, di rivalutare il costo o valore di acquisto delle partecipazioni non quotate e dei terreni posseduti affrancando, in tutto o in parte, le plusvalenze conseguite, ex art. 67 comma 1, lett. da a) a c-bis), del TUIR, allorquando i medesimi beni saranno ceduti a titolo oneroso.

 

La rideterminazione dei valori in argomento potrà dirsi perfezionata a condizione che, entro il prossimo 30.06.2014, un professionista abilitato (es. dottore commercialista, geometra, ingegnere, ecc.) rediga e asseveri la perizia di stima delle partecipazioni o del terreno edil contribuente interessato versi l’imposta sostitutiva pari al 2% (Part