Diario fiscale del 27 febbraio 2014: le nuove modifiche alla legge fallimentare

 

 

Indice:

1) Cassazione: le condotte di bancarotta fraudolenta

2) Anagrafe che servirà per individuare i falsi poveri: via libera del garante privacy

3) Affitto di immobile con opzione all’acquisto: parere delle Entrate

4) Conversione del decreto “Destinazione Italia”: nuove modifiche alla legge fallimentare

5) Sospensione dell’efficacia esecutiva della sentenza tributaria

6) Lavoro accessorio: rivalutazione importi economici

7) Inversione contabile: obbligo sostanziale (e non, quindi, formale)

 

1) Cassazione: le condotte di bancarotta fraudolenta

La Corte di Cassazione (sentenze n. 9081, n. 9090 e n. 9104 del 25 febbraio 2014) si é soffermata sulle differenti condotte di bancarotta fraudolenta.

La prima sentenza (9081/2014) afferma che, in tema di bancarotta fraudolenta, costituiscono fenomeni di “dissipazione” o “distrazione” del patrimonio societario i finanziamenti a società collegate se non avvengono in cambio di adeguata contropartita o se non assistiti da valide garanzie.

La seconda (9090/2014) precisa poi che, qualora il socio creditore si identifichi con l’amministratore effettivo della società, la condotta di restituzione, in periodo di dissesto, di finanziamenti in precedenza concessi integra l’ipotesi di bancarotta fraudolenta per distrazione e non quella, meno grave, di bancarotta fraudolenta preferenziale.

Infine, la terza sentenza (9104/2014) riconosce la legittimità, in tema di bancarotta fraudolenta, del sequestro preventivo e chiarisce che anche in caso di patteggiamento per bancarotta fraudolenta occorre procedere all’applicazione delle pene accessorie per la durata di dieci anni.

 

2) Anagrafe che servirà per individuare i falsi poveri: via libera del garante privacy

Con il parere n. 26/2014 il garante della privacy ha dato il via libera al casellario Inps dell’assistenza sociale, ovvero l’anagrafe delle posizioni assistenziali, che servirà anche a stanare i falsi poveri.

Nel casellario, istituito con l’art. 13, comma 4, del D.L. 78/2010, saranno raccolti, conservati e gestiti i dati personali e familiari dei beneficiari, le informazioni sugli enti eroganti e sulle prestazioni assegnate. Inoltre, in apposite sezioni separate, dedicate alla non autosufficienza, ai minori in condizioni di disagio e alla povertà, saranno trattate le informazioni sulla presa in carico da parte dei servizi sociali, in forma del tutto anonima nei casi più delicati.

I dati direttamente identificativi saranno consultabili esclusivamente dagli enti locali, solo per le prestazioni da essi erogate, e dall’Inps, dalla Guardia di finanza e dall’Agenzia delle entrate per effettuare controlli sui beneficiari delle prestazioni sociali agevolate.

 

3) Affitto di immobile con opzione all’acquisto: parere delle Entrate

Secondo il parere n. 954-63/2013 dell’Agenzia delle entrate, se manca la clausola di trasferimento vincolante per entrambe le parti (proprietario e conduttore), l’affitto di un immobile con opzione all’acquisto da parte del conduttore deve essere trattato fiscalmente, e fino al trasferimento, come una mera locazione, con imputazione dei canoni in ogni periodo d’imposta.

Ciò per la circostanza che diverse imprese costruttrici, per venire incontro alle esigenze dei potenziali acquirenti, hanno introdotto alcune forme contrattuali innovative e, in particolare, quella con la quale il costruttore affitta l’immobile, recuperando una parte dei costi sostenuti per la costruzione, blocca il prezzo e dà facoltà al conduttore, entro un determinato lasso di tempo, di esprimere la facoltà (opzione) all’acquisto, con la possibilità di decurtare, dal prezzo fissato, gli acconti di volta in volta versati e i canoni di locazione pagati fino alla data di trasferimento dell’immobile.

Dunque, per le Entrate non si configura una locazione con clausola di trasferimento della proprietà “vincolante” per entrambe le parti, con la conseguenza che i canoni devono concorrere alla formazione del reddito…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it