La Toscana aiuta le imprese alluvionate

al fine di consentire una rapida ripresa delle attività delle imprese danneggiate dalle alluvioni, la Regione Toscana concede delle agevolazioni sotto forma di contributo in conto capitale alle imprese colpite da tali eventi

Al fine di consentire una rapida ripresa delle attività delle imprese danneggiate dalle alluvioni la Regione Toscana concede delle agevolazioni sotto forma di contributo in conto capitale alle imprese colpite da tali eventi.

 

Soggetti beneficiari

Possono richiede ed ottenere il contributo le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  • Esercizio di attività extra agricole, ad eccezione di estrazione di antracite e litantrace (05.10), di lignite (05.20) e di torba (08.82),

  • Regolarmente iscritte al RI,

  • Aventi sede legale nei Comuni danneggiati o che vi esercitavano la propria attività al momento dell’evento

  • Attività non cessata al momento della presentazione della domanda.

 

Spese ammissibili

L’intervento è finalizzato al ripristino o alla ricostruzione dei beni danneggiati o distrutti, in particolare agli interventi realizzati a partire dal giorno successivo all’alluvione:

  • ripristino delle strutture, riparazione o riacquisto di macchinari, impianti, attrezzature;

  • riacquisto ripristino dei beni mobili strumentali registrati intestati all’impresa;

Il riacquisto è ammesso unicamente in presenza di un danno superiore al 70% del valore del bene.

 

Tipologia d’intervento

Contributo in conto capitale in percentuale rispetto al valore dei danni subiti, nei seguenti limiti massimi:

  • fino al 75% per impianti, strutture, macchinari e attrezzature danneggiati o distrutti sulla spesa effettivamente sostenuta per il riacquisto/ripristino fino a un contributo massimo di 200.000 euro;

  • fino al 75% del danno medesimo per i beni mobili strumentali registrati, distrutti o danneggiati, e nel limite massimo complessivo di contributo di 30.000 euro per beneficiario.

Complessivamente, l’aiuto non potrà superare i 200.000 euro.

 

Erogazione del contributo

Di solito il contributo viene erogato a saldo ma l’impresa può chiedere un anticipo, in questo:

  • il 50% a titolo di acconto nei 45 giorni successivi alla presentazione dell’istanza,

  • Il saldo dopo la conclusione della rendicontazione di spesa.

 

Termini e modalità di presentazione della domanda

Le domande, redatte sulla base del modulo consultabile sul sito , www.sviluppo.toscana.it, dovranno essere inviate tramite raccomandata con A/R a:

Sviluppo Toscana SpA

Via Cavour, 39

50129 Firenze

 

15 giugno 2013

Anna Maria Pia Chionna

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it