Novità fiscali dell’1 febbraio 2013: una rassegna di tutti i chiarimenti offerti durante Telefisco

Pubblicato il 1 febbraio 2013

i chiarimenti delle Entrate a Telefisco 2013; le Entrate insieme a Tributaristi e Claai: firmati gli accordi per incentivare i servizi telematici; fondi di solidarietà: domanda assegno straordinario; riscossione dei dazi doganali e IVA all’importazione; sospensione cartelle dietro presentazione di istanza; quote di genere: pubblicato in G.U. regolamento per le società non quotate controllate da pubbliche amministrazioni; controlli: siglata l’intesa tra Agenzia Entrate e Federazione Italiana Pallacanestro; disponibile il Software Intr@Web per la gestione delle dichiarazioni INTRA - anno 2013

 

 

Indice:

1) Le Entrate insieme a Tributaristi e Claai: firmati gli accordi per incentivare i servizi telematici

2) I chiarimenti delle Entrate a Telefisco 2013

3) Fondi di solidarietà: domanda assegno straordinario

4) Dazi doganali e IVA all’importazione: nuove modalità di affidamento della riscossione

5) Sospensione cartelle dietro presentazione di istanza

6) Quote di genere: pubblicato in G.U. regolamento per le società non quotate controllate da pubbliche amministrazioni

7) Controlli: siglata l’intesa tra Agenzia entrate e Federazione Italiana Pallacanestro

8) Disponibile il Software Intr@Web per la gestione delle dichiarazioni INTRA - anno 2013

 

 

1) Le Entrate insieme a Tributaristi e Claai: firmati gli accordi per incentivare i servizi telematici

Siglate le intese tra l’Agenzia, le Associazioni dei tributaristi Ancit, Ancot, Int, Lapet. I protocolli firmati il 30 gennaio 2013 a Roma dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, e dai presidenti delle quattro associazioni aprono la strada all’utilizzo massimo dei servizi telematici dell’Amministrazione finanziaria. Un accordo nella stessa direzione è stato sottoscritto tra le Entrate e la Claai, la Confederazione delle Libere Associazioni Artigiane Italiane.

In particolare, gli accordi prevedono che l’Agenzia fornisca, entro un massimo di 10 giorni lavorativi, risposta alle richieste inviate all’indirizzo di Pec e a quelle di riesame in autotutela pervenute tramite Civis, in modo da ridurre l’afflusso degli intermediari presso gli uffici e razionalizzare i costi degli adempimenti fiscali.

La semplificazione degli adempimenti al centro delle intese con i tributaristi

Le associazioni si impegnano a promuovere l’utilizzo del canale telematico presso i loro iscritti, sensibilizzandoli ad adoperare i canali Civis e Pec, in modo tale da limitare le richieste presso gli uffici esclusivamente per le questioni non risolvibili per via telematica. L’Agenzia, d’altro canto, garantisce di esaminare tutte le richieste di assistenza e fornire risposta a quelle inviate tramite Civis e Pec, entro un massimo di 10 giorni lavorativi. Nel caso in cui non sia andata a buon fine la modalità telematica o si tratti di questioni non risolvibili tramite Civis o Pec o altri servizi telematici, gli intermediari avranno la possibilità di usufruire di un appuntamento prioritario presso gli uffici dell’Agenzia.

Assistenza sprint anche per gli artigiani

Ridurre l’afflusso presso gli uffici e razionalizzare i costi degli adempimenti fiscali sono i principali obiettivi anche dell’accordo firmato il 18 gennaio 2013 tra le Entrate e la Claai (Confederazione delle Libere Associazioni Artigiane Italiane). Anche in questo caso l’accordo prevede che l’amministrazione finanziaria fornisca, entro un massimo di 10 giorni lavorativi, risposta alle richieste di riesame in autotutela pervenute tramite Civis e di assistenza inviate all’indirizzo di Pec.

Lente di ingrandimento sulla attuazione degli accordi

Valore aggiunto degli accordi è l’istituzione di un “osservatorio” che consenta di monitorare l’andamento delle attività intraprese sul territorio e valutare i problemi nella erogazione e fruizione dei servizi fiscali. L’Agenzia delle Entrate e i tributaristi si impegnano inoltre a promuovere iniziative di formazione dedicate ai canali di comunicazione telematica e offrire reciproca assistenza a livello nazionale.

Appositi protocolli di intesa siglati tra le Direzioni regionali delle Entrate e le organizzazioni territoriali dei tributaristi attueranno a livello territoriale gli impegni previsti dall’accordo quadro.

(Agenzia delle entrate, comunicato stampa n. 8 del 30 gennaio 2013)

 

2) I chiarimenti delle Entrate a Telefisco 2013

Ecco di seguito la sintesi di alcuni chiarimenti fatti dall’Agenzia delle entrate a Telefisco 2013 e che a breve verranno fatti confluire in una circolare.

Società in perdita sistematica

Riguardo le società in perdita sistematica, il test utile a verificare se l’importo supera o meno il minimo delle società di comodo deve considerare il risultato comprensivo di eventuali perdite riportate da anni precedenti.

Chi intende verificare se un esercizio compreso nel cd. periodo di osservazione ha chiuso in perdita o meno, deve valutare il risultato analitico che si forma prima dell’adeguamento al minimo per le società di comodo.

Il reddito minimo va calcolato applicando le percentuali di legge a tutti i valori dell’attivo, comprese le partecipazioni in società non in perdita sistematica.

Nuovo redditometro senza valenza retroattiva

Il nuovo redditometro non si applica prima del 2009. La circolare applicativa del redditometro sarà emanata nel giro di un paio di mesi.

Il contribuente può dimostrare di avere ragione. Sono previsti due incontri: il primo in via non ufficiale (accertamento ancora non emesso), ciò a garanzia del contribuente; il secondo in sede di accertamento attraverso la fase del contradditorio.

Intanto la prova per il contribuente rischia di essere diabolica. Il decreto attuativo ha disposto la rilevanza degli incrementi del risparmio del contribuente per procedere all'accertamento.

Carta carburante semplificata

Anche durante l’anno è possibile passare dalla scheda carburante cartacea al sistema di pagamento elettronico.

Il decreto, accanto al sistema tradizionale delle schede, sempre valido, ha previsto la possibilità di esonero della scheda per i soggetti passivi Iva che acquistano carburante ‘esclusivamente’ mediante strumenti di pagamento elettr