Novità fiscali del 2 novembre 2012: finalmente il modello per la dichiarazione IMU

Pubblicato il 2 novembre 2012

IMU: modelli dichiarativi per il 2012 e relative istruzioni in versione definitiva; spese di notifica ripetibili: in Gazzetta il D.M.; revisori legali: disponibile la nuova modulistica; Fisco: rinviato il censimento sui conti correnti; pubblicata in consultazione la bozza del principio contabile nazionale “Passaggio ai principi contabili nazionali”; S.p.A.: aumenti di capitale meno complessi; INPS: incentivo straordinario per la stabilizzazione di rapporti di lavoro; Agenzia Territorio: nuova versione software Unimod; il CNDCEC diminuisce ulteriormente il contributo dovuto dai Commercialisti; relazione di Befera su nuovo redditometro ed altre azioni per il contrasto all’evasione/elusione fiscale; imprenditori danneggiati dal sisma di maggio 2012: più tempo per richiedere il finanziamento garantito dallo Stato

 

 

Indice:

1) IMU: modelli dichiarativi per il 2012 e relative istruzioni in versione definitiva

2) Spese di notifica ripetibili: in Gazzetta il D.M.

3) Revisori legali: disponibile la nuova modulistica

4) Fisco: rinviato il censimento sui conti correnti

5) Pubblicata in consultazione la bozza del principio contabile nazionale “Passaggio ai principi contabili nazionali”

6) S.p.A.: aumenti di capitale meno complessi

7) INPS: incentivo straordinario per la stabilizzazione di rapporti di lavoro

8) Agenzia Territorio: nuova versione software Unimod

9) Il CNDCEC diminuisce ulteriormente il contributo dovuto dai Commercialisti

10) Relazione di Befera su nuovo redditometro ed altre azioni per il contrasto all’evasione/elusione fiscale

11) Imprenditori danneggiati dal sisma di maggio 2012: Più tempo per richiedere il finanziamento garantito dallo Stato

 

 

1) IMU: Modelli dichiarativi per il 2012 e relative istruzioni in versione definitiva

Sono stati pubblicati, sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Decreto 30 ottobre 2012 di approvazione della dichiarazione IMU, il modello e le istruzioni in versione definitiva.

Per gli immobili per i quali l’obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012, la scadenza dei termini di presentazione è confermata al 30 novembre 2012, come previsto dall’art. 9, comma 3, lett. b), D.L. n. 174/2012).

Le citate istruzioni precisano che per garantire, in ogni caso, al contribuente il rispetto del termine di 90 giorni previsto per la presentazione della dichiarazione, se l’obbligo dichiarativo è sorto, ad es., il 31 ottobre, il contribuente dovrà presentare la dichiarazione IMU entro il 29 gennaio 2013”.

Si ritiene che per l’anno 2012, l’ente non commerciale deve comunque compilare tale modello se si ritiene che l’immobile posseduto sia esente da IMU, dovendosi barrare il campo “15” nella casella esenzione.

Poi per il 2013 (esenzione parziale) occorre attendere un successivo decreto, con una ulteriore dichiarazione da presentare per l’anno 2013.

La scadenza di presentazione (raccomandata indirizzata al Comune, utilizzando una normale busta inserendo la dicitura riportata nelle istruzioni) é prevista entro il 30 novembre 2012.

Delibere comunali su aliquote IMU 2012

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con il comunicato stampa n. 154 del 31 ottobre 2012, ha informato che appunto il 31 ottobre 2012, è scaduto il termine entro il quale i Comuni potevano approvare o modificare il regolamento e la deliberazione relativa alle aliquote IMU.

Poi il MEF ha ricordato che, nel caso in cui i Comuni non dovessero deliberare sulle aliquote, si applicheranno quelle previste dall’articolo 13 del D.L. n. 201/2011 e cioè: 0,40% per l’abitazione principale e per le relative pertinenze, 0,20% per i fabbricati rurali ad uso strumentale, 0,76% per gli altri immobili.

Scadenze IMU 2012

Inoltre, il MEF con il comunicato stampa n. 153 del 31 ottobre 2012 ha ricordato le scadenze IMU 2012.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze richiama le prossime scadenze riguardanti l'imposta municipale propria (IMU).

Il 31 ottobre 2012, scade il termine entro il quale i Comuni possono approvare o modificare il regolamento e la deliberazione relativa alle aliquote IMU, mentre resta fissato al 30 novembre 2012 il termine per la presentazione della dichiarazione IMU, per quanto riguarda gli immobili per i quali l'obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012.

Il termine per il versamento a saldo dell’IMU è stabilito al prossimo 17 dicembre 2012.

Modello IMU e le relative istruzioni

Infine, il comunicato stampa n. 152 del 31 ottobre 2012, ha reso noto che il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha firmato il decreto che approva il modello di dichiarazione agli effetti dell’imposta municipale propria (IMU) con le relative istruzioni.

Nelle more della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, il modello dichiarativo e le istruzioni sono disponibili sul sito www.finanze.gov.it.

Il modello deve essere utilizzato, a decorrere dall’anno di imposta 2012, nei casi previsti dall’art. 13, comma 12-ter, del decreto legge 6 dicembre 11, n. 201, ed espressamente indicati nelle istruzioni stesse.

Per quanto riguarda gli immobili per i quali l’obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012, resta fissato al 30 novembre 2012 il termine per la presentazione della dichiarazione.

 

2) Spese di notifica ripetibili: in Gazzetta il D.M.

E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 254 del 30 ottobre 2012, il Decreto del Ministero dell’Economia 12 settembre 2012, contenente disposizioni in materia di ripetibilità delle spese di notifica e determinazione delle somme oggetto di recupero nei confronti del destinatario dell’atto notificato.

Si dispone che sono ripetibili le spese per i compensi di notifica degli atti impositivi e degli atti di contestazione e d’irrogazione delle sanzioni.

L’ammontare delle spese, ripetibile nei confronti del destinatario dell’atto notificato, viene poi fissate nella misura unitaria di 5,18 euro per le notifiche effettuate mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento e nella misura di 8,75 euro per le notifiche effettuate ai sensi degli artt. 60 del DPR 600/73 e 14 della Legge n. 890/82.

Inoltre, le spese, escluse quelle relative dalla traduzione degli atti, ripetibili nei confronti dei destinatari degli atti stessi, è fissato in 8,35 euro per le notifiche eseguite all’estero, salvo quanto diversamente disposto dalla convenzioni internazionali.

Non sono invece ripetibili le spese per la notifica di atti istruttori e di atti amministrativi alla cui emanazione l’amministrazione è tenuta su richiesta. Ripetizione esclusa anche per l’invio di qualsiasi atto mediante comunicazione.

 

3) Revisori legali: disponibile la nuova modulistica

La nuova modulistica é disponibile sul sito della Ragioneria Generale dello Stato, sia per l’iscrizione, sia per la comunicazione di dati o informazioni al MEF.

A quasi un mese e mezzo dall’entrata in vigore, avvenuta il 13 settembre 2012, dei decreti ministeriali che hanno definito, in attuazione del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39, i requisiti e le modalità per l’iscrizione nel “nuovo” Registro dei revisori legali e nel Registro del tirocinio, è sta