I nuovi contribuenti minimi

una prima panoramica del regime agevolato per i nuovi contribuenti “minimi”

L’art. 27 della legge 111-2011 ha introdotto a far data dal 01 01 2012 un nuovo regime contabile denominato “NUOVO REGIME DEI MINIMI” che interessa le persone fisiche.

Esaminiamo pertanto i punti salienti previsti dalla normativa:

 

SOGGETTI CHE POSSONO ADOTTARE IL NUOVO REGIME

I soggetti sono:

  1. coloro che iniziano una nuova attività d’impresa o professione;

  2. coloro che hanno intrapreso un’attività successivamente al 31.12.2007 (ovvero dall’01.01.2008).

Dal tenore letterale di quanto sopraindicato si può sostenere che i soggetti già in attività nel 2007 o in anni precedenti saranno esclusi dal nuovo regime.

 

CONDIZIONI PER L’ACCESSO AL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Di seguito si elencano le condizioni di accesso :

  1. Requisiti già previsti per l’accesso al regime delle “nuove iniziative produttive”, cioè non aver esercitato alcuna attività professionale o d’impresa nei 3 anni precedenti sia in forma individuale che in forma associata;

  2. nuova attività: non deve trattarsi di prosecuzione di attività già esistente svolta come lavoratore dipendente (il tirocinio necessario come pratica obbligatoria per alcune professioni non costituisce causa ostativa);

  3. occorre essere in possesso dei requisiti previsti per il vecchio regime dei minimi:

    – ricavi o compensi non superiori ad € 30.000;

    – non aver effettuato esportazioni o servizi internazionali;

    – non aver erogato somme a titolo di associazione in partecipazione con contratto di solo apporto di lavoro;

    – nei 3 anni precedenti non aver fatto acquisti per beni ammortizzabili di importo superiore a euro 15.000.

 

LA CASISTICA DELLA PROSECUZIONE DI ATTIVITA’ GIA’ GESTITA DA TERZI

In questo caso occorre:

– verificare che i ricavi/compensi dell’anno precedente non siano stati superiori ad € 30.000;

– l’Agenzia delle Entrate ha comunque chiarito che ai fini della prosecuzione dell’attività bisogna tenere in considerazione anche:

– i beni utilizzati nell’attività precedente;

– il luogo di svolgimento dell’attività;

– i clienti dell’attività stessa.

 

Per queste motivazioni si rende possibile l’accesso al nuovo regime dei minimi da parte di un soggetto “dipendente” da 2 anni che acquista un’attività d’impresa dal titolare se, per esempio ,il luogo di svolgimento dell’attività lavorativa si trova in altro Comune e quindi con una clientela completamente diversa.

 

UTILIZZO DA PARTE DEL CONTRIBUENTE DI REGIMI AGEVOLATI PRIMA DELL’INGRESSO NEL NUOVO REGIME DEI MINIMI

In attesa dei decreti attuativi la problematica citata potrebbe costituire causa ostativa all’ingresso nel nuovo regime dei minimi (l’Agenzia aveva già espresso parere in tal senso con i regime previgenti).

 

LA TASSAZIONE PREVISTA PER IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

La tassazione prevede il 5 % in luogo del 20 % come previsto dal vecchio regime dei minimi.

La tassazione sostitutiva copre L’IRPEF,le varie addizionali e L’IRAP. Coloro che adottano il nuovo regime non sono soggetti agli studi di settore.

 

DURATA DEL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Il periodo previsto in linea generale dura 5 anni (anno di inizio attività e gli ulteriori 4 anni).

Tuttavia i contribuenti giovani possono continuare fino al compimento del 35 anno d’età anagrafica.

 

TABELLA ESPLICATIVA

 

ATTIVITA’ INIZIATA NEL 2008

DURATA REGIME FINO AL 2012

TASSAZIONE FINO 31122011

20% ; PER IL SOLO 2012 AL 5%

ATTIVITA’ INIZIATA NEL 2010

DURATA REGIME FINO AL 2014

TASSAZIONE FINO 31122011

20% ; DAL 01012012 AL 2014 AL 5%

ATTIVITA’ INIZIATA NEL 2012

DURATA REGIME FINO AL 2016; SE IL SOGGETTO HA MENO DI 35 ANNI POTREBBE USUFRUIRE DEL REGIME FINO AL COMPIMENTO DEI 35 anni

 

 

TASSAZIONE AL 5%

 

GLI OBBLIGHI CONTABILI DEL NUOVO REGIME DEI MINIMI

I contribuenti che adottano il nuovo regime dei minimi devono adottare il seguente sistema:

  1. esonero liquidazione IVA periodica e versamento dell’IVA;

  2. esonero dalla Dichiarazione IVA e dalla Comunicazione dati IVA;

  3. esonero applicazione DELL’IVA sulle fatture emesse e conseguente indetraibilità dell’IVA pagata sugli acquisti;

4) esonero tenuta scritture contabili IVA e redditi;

  1. esonero IRAP e studi settore.

 

I SOGGETTI CHE SARANNO COSTRETTI AD USCIRE DAL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Coloro che saranno esclusi dal nuovo regime potranno:

– godere dell’esonero delle scritture contabili ;

– esonero DALL’IRAP;

– dovranno applicare L’IVA sulle fatture emesse;

– potranno detrarre L’IVA pagata sugli acquisti;

– dovranno versare L’IVA annualmente;

– saranno soggetti alla tassazione fiscale ordinaria IRPEF ;

– saranno soggetti agli studi di settore (anche se avendo comunque un volume d’affari inferiore ai 30.000 € potranno applicare la regola dei contribuenti marginali e quindi sfuggire al controllo degli studi).

 

Dovranno essere comunque in possesso dei seguenti requisiti:

– ricavi o compensi non superiori ad € 30.000;

– non aver compiuto cessioni all’esportazione;

– non aver sostenuto spese per lavoro dipendente o assimilato;

– non aver erogato somme a titolo di utili per associazione in partecipazione;

– non aver acquistato nei 3 anni precedenti acquisti di beni strumentali (anche in leasing) d’importo superiore a euro 15.000;

 

SONO COMUNQUE ESCLUSI DAL REGIME i soggetti non residenti;i soggetti che si avvalgono di regimi speciali IVA; i soggetti che in via esclusiva o prevalente hanno effettuato cessioni di fabbricati e terreni;i soggetti esercenti attività d’impresa o professionale e che nel contempo siano soci di snc o associazioni professionale; i soci di SRL trasparenti ai sensi dell’art.116 del TUIR.

 

OPZIONE PER IL REGIME ORDINARIO

Ovviamente i soggetti sopra indicati potranno optare per il regime ordinario e in questo caso dovranno:

– esprimere l’opzione per il regime ordinario con la Dichiarazione IVA annuale (validità opzione per un triennio);

– in seguito, decorso il triennio, potranno optare per il regime ordinario annualmente secondo il criterio del “comportamento concludente”.

 

1 settembre 2011

Celeste Vivenzi

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it