Le massime di luglio - parte 3

continuiamo la pubblicazione delle più interessanti massime dei giudici romani del mese di Luglio: la risoluzione di tanti casi di contenzioso

CTR Roma, Sez. n. 29, Sent. n. 175/29/2011, dep. 11/05/2011, Presidente Gargani, Relatore Catarinella

Accertamento liquidazione controlli – IVA – Società organizzatrice di convegni – Servizi alberghieri e ristorazione compresi nel pacchetto per clienti – Detrazione – Criteri.

L’imposta relativa ai servizi alberghieri e di ristorazione acquistati da una società organizzatrice di convegni per essere inglobati nel pacchetto ceduto ai propri clienti può essere detratta solo se questi abbiano carattere abituale e rilevanti ai fini della determinazione del volume d’affari della società.

Riferimenti normativi: DPR n. 633/1972, art. 19-bis.

Prassi: RM n. 168/E.

 

CTR Roma, Sez. n. 29, Sent. n. 164/29/2011, dep. 11/05/2011, Presidente Gargani, Relatore Moroni

Processo tributario – Decadenza per causa non imputabile al contribuente – Rimessione in termini – Possibilità.

Se il contribuente dimostra di essere incorso in decadenza per causa ad esso non imputabile, con l’introduzione dell’art. 153 c.p.c., può ottenere la rimessione in termini a proprio favore.

Nel caso in questione il difensore era stato sospeso dall’Ordine dei ragionieri.

Riferimenti normativi: L. n. 69/2009; artt. 184-bis, 153 c.p.c. .

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 11218/2002.

Prassi: CM n. 17/E del 31/3/2010, punto 2.15.

 

CTR Roma, Sez. n. 38, Sent. n. 211/38/2011,dep. 09/05/2011, Presidente Favaro, Relatore Terrinoni

Processo tributario – Notifica per posta presso sede non più esistente – Inesistenza – Sanatoria per raggiungimento scopo – Esclusione.

La notifica per posta ricevuta dal portiere a un indirizzo ove la società non aveva più la sede è inesistente, per cui non è applicabile la sanatoria per raggiungimento dello scopo prevista dall’art.156, c. 3, c.p.c. .

Riferimenti normativi: artt. 139, 145 e 156, c. 3, c.p.c. .

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. nn. 4962/2011, 13852/2010, 4760/2009.

 

CTR Roma, Sez. n. 38, Sent. n. 210/38/2011, dep. 09/05/2011, Presidente Favaro, Relatore Terrinoni

Dogana – Competenza territoriale – Quella ove la società ha la sede.

Avviso rettifica – Proroga termine per proposizione azione penale – Legittimità.

– Non c’è incompetenza territoriale dell’ufficio dogane di Roma, anche quando i fatti sono accaduti altrove, perché la competenza è legittimamente determinata dal luogo ove ha sede la società accertata.

– Il termine triennale per gli avvisi di rettifica di bollette doganali è prorogato dalla proposizione dell’azione penale nei confronti della società accertata a nulla rilevando il risultato delle indagini penali.

Riferimenti normativi: D.Lgs. n. 374/1990, art. 11; Codice doganale, art. 78, DPR n. 43/1973, art. 84; Cod. Dogan. Comun. art.221, c. 3.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 12037/2008.

 

CTR Roma, Sez. n. 6, Sent. n. 100/6/2011, dep. 12/05/2011, Presidente Lauro, Relatore Taglienti

Tributi erariali indiretti – Registro – Accertamento a società in concordato preventivo – Notifica – Commissario liquidatore – Esclusione – Legali rappresentanti – Necessità.

La notifica dell’accertamento deve essere fatta ai legali rappresentanti della società che mantengono la rappresentanza della stessa durante il concordato preventivo e non al commissario liquidatore.

Riferimenti normativi: artt. 182, 163 n.3 e 285 legge fallimentare.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n.n. 4395/1987, 25350/2009, CTC n. 8686/12/1986.

 

CTR Roma, Sez. n. 3, Sent. n. 97/3/2011, dep. 24/05/2011, Presidente Patrizi, Relatore Leccisi

Processo tributario – Appello – Integrazione motivi con nuovi documenti da parte dell’ufficio – Esclusione.

La facoltà di integrare i motivi spesi in primo grado a seguito della produzione di nuovi documenti deve riconoscersi solo a favore del contribuente, essendo fondato ritenere che i motivi addotti a fondamento delle pretese tributarie contenute negli atti impugnabili devono essere indicati in tali atti, non essendo consentita alcuna successiva integrazione.

Riferimenti giurisprudenziali :Cass. nn. 11669/2002, 260/2000.

 

CTR Roma, Sez. n. 4, Sent. n. 258/4/2011, dep. 15/06/2011, Presidente Falascina, Relatore Colaiuda

Accertamento liquidazione controlli – Deposito in regime sospensivo di tabacchi lavorati – Perdita o furto – Accise – Sono dovute.

Solo nel caso di perdita o distruzione di tabacchi lavorati, se dovuta a causa fortuita o forza maggiore, non nasce in capo al depositario autorizzato l’obbligazione tributaria derivante dall’esigibilità dell’accisa, non essendosi verificata l’immissione in consumo, mentre la fattispecie di svincolo irregolare del regime sospensivo costituisce fonte di obbligazione tributaria prevista espressamente dalla legge, essendosi verificata l’immissione al consumo.

Riferimenti normativi: DL n. 331/1993, artt. 2 e 5; Dir. N. 92/12 CEE, art.14, n.1.

 

CTR Roma, Sez. n. 28, Sent. n. 91/28/2011, dep. 18/05/2011, Presidente Silvestri, Relatore Petrucci

Tassa automobilistica – Limitazione per insufficienza polmonare della madre a carico – Esenzione – Legittimità.

Ha diritto all’esenzione della tassa automobilistica la figlia che ha a carico la madre con limitazioni di carattere motorio derivanti dall’accertata disfunzione d’insufficienza polmonare.

Riferimenti normativi: L. n. 388/1980, art. 30; L. n. 104/1992, art. 3, c. 3.

Riferimenti giurisprudenziali: CTP di Mantova n. 52/3/1999.

 

CTR Roma, Sez. n. 28, Sent. n. 87/28/2011, dep. 18/05/2011, Presidente Silvestri, Relatore Petrucci

Riscossione – Cartella di pagamento – Errata indicazione termini e/o autorità giudiziaria per ricorrere – Errore scusabile – Rimessione in termini – Criteri.

L’erronea indicazione dei termini per ricorrere nonché dell’autorità giudiziaria ai fini dell’impugnazione dell’atto amministrativo può determinare un errore scusabile, idoneo a rimettere in termini il contribuente, eccettuato il caso di evidente violazione dell’onere di autodiligenza.

Riferimenti giurisdizionali: Cass. nn. 679/2010, 26116/2007.

 

CTR Roma, Sez. n. 14, Sent. n. 356/14/2011, dep. 17/05/2011, Presidente Cellitti, Relatore Tozzi

Tributi erariali indiretti – Registro – Vendita quota prima casa a coniuge separato – Decadenza benefici fiscali – Sussiste.

La vendita della quota di proprietà pari al 50% dell’immobile al marito senza poi reinvestire la somma ottenuta nell’acquisto di altro immobile da adire ad abitazione principale ha, come conseguenza, la decadenza dei benefici prima casa.

 

CTR Roma, Sez. n. 14, Sent. n. 355/14/2011, dep. 17/05/2011, Presidente Cellitti, Relatore Tozzi

Tributi erariali indiretti – Registro – Locazione – Disdetta da parte del conduttore – Rispetto degli adempimenti – Necessità.

Al ricevimento della disdetta da parte del conduttore il contribuente deve effettuare il versamento prescritto per la risoluzione prima dell’annualità successiva, inviando entro venti giorni dal pagamento l’attestato all’ufficio presso cui era stato registrato il contratto.

Riferimenti normativi: DPR n. 131/1986, art. 17.

 

CTR Roma, Sez. n. 37, Sent. n. 44/37/2011, dep. 15/03/2011, Presidente -Relatore Caliento

Tributi erariali indiretti – Registro – Coobbligato – Sentenza favorevole – Applicabilità art. 1306, c. 2 c.c. – Condizioni.

L’art. 1306 c. 2 c.c. è applicabile anche nell’ipotesi di un giudicato favorevole intervenuto successivamente alla proposizione del ricorso avverso l’avviso di accertamento da parte del coobbligato e nella pendenza del relativo giudizio, prima della formazione del giudicato in quest’ultimo, per cui si può dichiarare cessata la materia del contendere.

Riferimenti normativi: art. 1306, c. 2, c.c. .

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. SS.UU. n. 7053/1991.

 

31 agosto 2011

Commercialista telematico

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it