Elusione, ancora un punto a favore del fisco: il contribuente non può utilizzare le norme a suo discrezionale piacimento

di Roberta De Marchi

Pubblicato il 28 aprile 2009

inopponibilità all’amministrazione finanziaria degli atti, dei fatti e dei negozi, anche collegati tra loro, privi di valide ragioni economiche, diretti ad aggirare obblighi o divieti previsti dall’ordinamento tributario e ad ottenere riduzioni di imposte o rimborsi, altrimenti indebiti...
Scarica il documento