Riforma previdenza complementare: destinazione T.F.R.


Destino del tfr maturando


è scattato il conto alla rovescia per i datori di lavoro e per i lavoratori coinvolti nell’importante e complessa operazione di adesione ai fondi pensione.Dal 1° gennaio, infatti, in anticipo rispetto al previsto, è entrato in vigore la riforma della previdenza complementare con il relativo conferimento del tfr maturando ad un fondo pensione o ad una forma previdenziale di tipo assicurativo.


Perché è nata la previdenza complementare


La previdenza complementare è nata (decreto legislativo n. 124 del 21 aprile 1993) dalla presa di coscienza che la copertura previdenziale pubblica negli anni non era più sufficiente a causa dello squilibrio crescente tra contributi e prestazioni. Scopo della previdenza complementare è dare al lavoratore la possibilità di costituirsi una seconda pensione, integrativa appunto, da aggiungere a quella obbligatoria erogata dagli enti di previdenza, per fronteggiare la progressiva perdita di capacità di conservare un tenore di vita analogo a quello assicurato dagli ultimi stipendi, ingenerata dal graduale abbandono del sistema retributivo a favore di quello contributivo.


I vari tipi di fondi


La previdenza complementare può essere gestita tramite:


a)      fondi pensione negoziali, o fondi “chiusi”, istituiti con contratti, accordi collettivi, anche aziendali, interaziendali, o, in mancanza, accordi fra lavoratori promossi da sindacati firmatari di contratti collettivi nazionali di lavoro, oppure con accordi fra lavoratori autonomi o fra liberi professionisti, promossi da loro sindacati o associazioni, o da accordi fra soci lavoratori di cooperative o, ancora, da Regioni che ne disciplinano il funzionamento con legge regionale;


b)      fondi aperti, istituiti invece non contrattualmente all’interno di una banca, sim, assicurazione o società di gestione, attraverso la delibera del consiglio di amministrazione della società che istituisce il fondo;


c)       forme pensionistiche individuali, realizzabili conl’adesione ai fondi aperti o con contratti di assicurazione stipulati con imprese autorizzate.


Sei mesi di tempo per decidere


L’art. 8 del D.Lgs n. 252/2005 (comma 1) dà la possibilità al lavoratore di finanziare la forma pensionistica, volontariamente e liberamente scelta, con contributi a suo carico, contributi a carico del datore di lavoro e con il conferimento del tfr maturando. Il comma 2 prevede la possibilità di destinare anche a forme pensionistiche individuali il tfr.


L’ultima legge finanziaria ha anticipato dal 2008 al 2007 l’obbligo per i lavoratori dipendenti di decidere che cosa fare del proprio tfr maturando. Non è in discussione il fondo già accantonato al 31 dicembre 2006, che continua a rimanere in azienda e che continuerà a essere rivalutato con l’applicazione dei coefficienti di rivalutazione.


I lavoratori hanno tempo sei mesi di tempo per valutare e scegliere. Sei mesi che decorrono dal 1° gennaio per i lavoratori in forza e dalla data di assunzione per i neo assunti dal 2007.


Ciascun dipendente dovrà scegliere di destinare il tfr maturando ad una delle forme di previdenza complementari esistenti (scelta non revocabile) oppure potrà decidere di mantenerlo presso il proprio datore di lavoro.


Questa seconda scelta deve essere effettuata esclusivamente in forma esplicita e scritta ed è revocabile. In ogni caso, se questa scelta è espressa dai lavoratori di aziende che hanno alle proprie dipendenze oltre 49 addetti, il tfr destinato all’azienda sarà trasferito dal datore di lavoro al “Fondo per l’erogazione del tfr ai dipendenti del settore privato”, gestito dall’Inps per conto della Tesoreria dello Stato.


Silenzio-assenso


Stare zitti non conviene a nessuno. Se entro il 30 giugno 2007 o entro i 6 mesi dall’assunzione il lavoratore non esprime alcuna indicazione sulla destinazione del tfr, sarà compito del datore di lavoro di trasferire “d’autorità” il tfr maturando del lavoratore al fondo previsto dagli accordi o dai contratti collettivi, a meno che non sia intervenuto un diverso accordo aziendale che preveda la destinazione ad un diverso fondo previdenziale.


Di seguito riportiamo, suddivise per i principali argomenti, le domande e risposte che il Minlav. ha diramato sul proprio sito Internet.


Adesione


è obbligatorio aderire ad una forma pensionistica complementare?


No. L’adesione alle forme pensionistiche complementari è, ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo n. 252/2005, libera e volontaria. Di conseguenza, i potenziali destinatari delle forme pensionistiche complementari possono liberamente decidere anche di non aderire ad alcuna forma. Il principio della libertà di adesione opera anche nel caso del conferimento tacito del tfr: in questo caso il silenzio del lavoratore dipendente si considera come una implicita manifestazione di volontà di adesione alla forma pensionistica complementare collettiva di riferimento.


Se un lavoratore dipendente è titolare di più rapporti di lavoro part time, a quale forma pensionistica collettiva può aderire?


Può aderire a ciascuna forma pensionistica complementare di natura negoziale e collettiva prevista dai contratti collettivi di lavoro applicabili a ciascun rapporto di lavoro di cui è titolare. Ovviamente, sarà opportuno che il soggetto in questione valuti attentamente non solo i benefici ma anche i costi che conseguono alla adesione contemporanea ad una pluralità di forme pensionistiche complementari.


è possibile dopo l’adesione ad una forma pensionistica complementare recedere rinunciando completamente alla realizzazione delle finalità previdenziali?


No. L’adesione ad una forma pensionistica complementare comporta tendenzialmente la permanenza all’interno del sistema fino al momento del pensionamento ovvero fino al verificarsi di un evento (inoccupazione, invalidità, mobilità, cassa integrazione guadagni) che consente (alle condizioni e nei limiti stabiliti dalla legge) il riscatto della posizione prima della quiescenza. Ciò significa in altre parole che successivamente all’adesione, se è possibile dopo almeno due anni di permanenza cambiare il mezzo (cioè la forma pensionistica complementare alla quale si aderisce) utilizzato per la realizzazione del fine (la costruzione della pensione complementare), non è possibile rinunciare al fine medesimo.


Le forme pensionistiche già operanti alla data del 31 dicembre 2006 possono raccogliere nuove adesioni a decorrere dal 1° gennaio 2007?


Sì, a condizione che abbiano comunicato alla commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip) di aver provveduto agli adeguamenti necessari per rendere la forma pensionistica in oggetto conforme alle nuove disposizioni introdotte con il decreto n. 252/2005. L’adesione, però, si perfeziona solo in seguito al provvedimento con cui la Covip approva gli adeguamenti. A tale riguardo, nel modulo di adesione deve essere specificato che le adesioni vengono acquisite nelle more del procedimento di approvazione delle modifiche da parte di Covip.


Da quando è possibile raccogliere i contributi con riferimento alle nuove adesioni avvenute successivamente al 31 dicembre 2006?


Il versamento dei contributi e del tfr in relazione alle nuove adesioni raccolte dopo il 31 dicembre 2006 è possibile solo dal 1° luglio 2007 anche con riferimento al periodo compreso tra la data di adesione e ed il 30 giugno 2007, sempre sotto la condizione che la forma pensionistica in oggetto abbia ricevuto la necessaria approvazione da parte della Covip. Di tale situazione devono dare evidenza anche i moduli di adesione


Da quando è possibile raccogliere i contributi per i lavoratori ed i liberi professionisti con riferimento alle nuove adesioni avvenute successivamente al 31 dicembre 2006?


Solo per i lavoratori autonomi ed i liberi professionisti, il versamento dei contributi in relazione alle nuove adesioni raccolte dopo il 31 dicembre 2006 è possibile a decorrere dal momento in cui la forma pensionistica in oggetto riceve la necessaria approvazione da parte della Covip.


Cosa succede in caso di adesione ad una forma pensionistica che non abbia ricevuto entro il 30 giugno 2007 l’approvazione della Covip?


Se la forma pensionistica complementare non riceve entro il 30 giugno 2007 la necessaria approvazione della commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip), i soggetti iscritti al 31 dicembre 2006 possono trasferire l’intera posizione individuale presso altra forma approvata anche se non è trascorso il periodo minimo di iscrizione di due anni, mentre i soggetti che si siano iscritti successivamente al 31 dicembre 2006 possono aderire, con pari decorrenza, ad altra forma pensionistica complementare che abbia già ricevuto l’approvazione della Covip.


Il tfr per le aziende con più di 49 dipendenti


La Finanziaria, nei commi da 755 a 762, ha disciplinato l’istituzione del “fondo per l’erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto di lavoro”, un fondo statale affidato alla gestione dell’Inps. Il tfr interessato è quello “inoptato”, cioè quello che sarebbe dovuto rimanere in azienda in quanto, su libera decisione del dipendente, non destinato alla formazione di una pensione integrativa.


Il tfr maturando andrà versato dai datori di lavoro, secondo modalità che il Minlav. fisserà con apposito decreto entro la fine di gennaio e riguarda le aziende con più di 49 dipendenti.


La liquidazione del trattamento di fine rapporto e le relative anticipazioni saranno effettuate dal datore di lavoro (per il tfr maturato in azienda fino al 31 dicembre 2006) e dall’Inps (per il tfr maturato dopo il 1° gennaio 2007 e versato dall’azienda all’Inps).


Misure compensative per le aziende che versano il tfr ai fondi pensione


La Finanziaria ha previsto:


a)      la deduzione dal reddito d’impresa della quota di tfr destinata ai fondi pensione e all’Inps. Le aziende possono dedurre dal reddito d’impresa un importo pari al 4% dell’ammontare del tfr annualmente destinato a forme pensionistiche complementari e al fondo per il tfr. Le imprese con alle dipendenze meno di 50 lavoratori possono elevare la deduzione sino al 6%. Questa misura decorre dal 1° gennaio 2007;


b)      l’esonero dal versamento al fondo di garanzia per la quota trasferita ai fondi pensione e all’Inps previsto dall’art. 2 della L. n. 297/1982 nella stessa percentuale di tfr maturando conferito alle forme pensionistiche complementari e al fondo per il tfr (art. 10, comma 2, D.Lgs n. 252/2005). In particolare, è ora possibile dedurre l’intero 0,20 di contribuzione (0,40 per i dirigenti) comprendendo quindi anche il contributo dello 0,05 previsto dall’art. 4, D.Lgs n. 80/1992. Questa misura decorre dal 1° gennaio 2007;


c)       l’abbattimento degli oneri impropri a carico del datore di lavoro. A decorrere dal 1° gennaio 2008, il datore di lavoro sarà esonerato dal versamento dei contributi sociali (art. 24, L. n. 88/1989), in funzione della percentuale di tfr maturando conferito al fondo di previdenza complementare ovvero al fondo per il tfr. L’esonero si applica riducendo, nell’ordine, contributi dovuti per assegni familiari, per maternità e per disoccupazione e avverrà secondo aliquote crescenti, da 0,19 nel 2008 sino 0,28 dal 2014.


 Contribuzione


Quali   sono   le  modalità   di   finanziamento  della previdenza complementare?


Per i lavoratori dipendenti, il finanziamento può essere attuato con il versamento di contributi a carico del lavoratore, del datore di lavoro e mediante il conferimento (versamento) del tfr maturando (cioè di quello che matura dopo la data di adesione alla forma pensionistica complementare).


Per i lavoratori autonomi ed i liberi professionisti, il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico dei medesimi.


Per le persone fiscalmente a carico di altri soggetti, il finanziamento è attuato mediante contributo a carico di questi ultimi.


Come è determinato il contributo alle forme pensionistiche complementari per i lavoratori dipendenti?


Per i lavoratori dipendenti, il contributo alle forme pensionistiche complementari è stabilito in cifra fissa oppure in percentuale della retribuzione utile ai fini del calcolo del tfr oppure con riferimento ad elementi particolari della retribuzione.


Relativamente ai lavoratori dipendenti che aderiscono ai fondi pensione negoziali oppure ai fondi pensione aperti su base collettiva, le modalità e la misura minima dei contributi a carico dei datori di lavoro e dei lavoratori possono essere fissate da contratti o accordi collettivi anche aziendali.


Come è determinato il contributo alle forme pensionistiche complementari per i lavoratori autonomi ed i liberi professionisti?


Per i lavoratori autonomi ed i liberi professionisti, il contributo alle forme pensionistiche complementari è stabilito in cifra fissa oppure in percentuale del reddito di impresa o di lavoro autonomo dichiarato ai fini Irpef relativamente al periodo di imposta precedente.


Come è determinato il contributo alle forme pensionistiche complementari per i lavoratori soci di società cooperative?


Per i lavoratori soci di società cooperative, il contributo alle forme pensionistiche complementari è stabilito in cifra fissa oppure, a seconda della tipologia del rapporto di lavoro che si applica al socio, in percentuale della retribuzione utile ai fini del calcolo del tfr ovvero in percentuale dell’imponibile considerato ai fini della contribuzione previdenziale obbligatoria ovvero in percentuale del reddito di lavoro autonomo dichiarato ai fini Irpef in relazione al precedente periodo di imposta.


Quali sono le agevolazioni fiscali per i contributi versati alle forme pensionistiche complementari?


I versamenti alle forme pensionistiche complementari sono deducibili dal reddito complessivo del soggetto che li effettua entro il limite massimo di 5.164,57 euro. Ciò significa che il soggetto in questione ha diritto ad uno sgravio fiscale che si calcola moltiplicando l’aliquota di imposizione fiscale più elevata applicabile al suo reddito complessivo per il contributo versato alla forma pensionistica complementare.


Qual è il regime fiscale dei contributi versati dal datore di lavoro per i propri dipendenti?


I contributi versati dal datore di lavoro (sia volontariamente che in adempimento di contratti o accordi collettivi anche aziendali) a forme pensionistiche complementari di cui siano destinatari i propri dipendenti sono integralmente deducibili dal reddito di impresa.


Dal punto di vista del lavoratore, i contributi versati dal datore di lavoro (sia volontariamente che in adempimento di contratti o accordi collettivi anche aziendali) sono deducibili dal reddito complessivo del lavoratore medesimo. In altre parole, i contributi del datore di lavoro, unitamente ai contributi versati dal lavoratore, sono deducibili dal reddito complessivo del lavoratore medesimo entro il limite massimo di 5.164,57 euro.


Qual è il regime fiscale dei contributi versati a favore dei familiari fiscalmente a carico?


Il soggetto che effettua un versamento per il finanziamento di forme pensionistiche complementari di cui siano destinatari i propri familiari a carico può dedurre il versamento in oggetto dal proprio reddito complessivo entro il limite massimo di 5.164,57 euro. In altre parole, il soggetto in questione, avendo a disposizione un tetto massimo di deducibilità fiscale pari a 5.164,57 euro, può decidere di utilizzarlo per finanziare o la propria previdenza complementare o la previdenza complementare dei propri familiari a carico o entrambe.


è possibile continuare a versare contributi ad una forma pensionistica complementare anche dopo il raggiungimento dell’età pensionabile?


La contribuzione alle forme pensionistiche complementari può proseguire volontariamente anche dopo il raggiungimento dell’età pensionabile prevista dal regime obbligatorio di appartenenza, a condizione che, al momento del pensionamento, il soggetto abbia effettuato versamenti ad una forma pensionistica complementare da almeno un anno. In questo caso il soggetto può liberamente scegliere il momento in cui fruire delle prestazioni pensionistiche.


Qualora la forma pensionistica complementare offra più possibilità di investimento (fondi multicomparto), è possibile suddividere la contribuzione tra più comparti di investimento?


In linea generale la normativa ammette questa possibilità rimettendo, tuttavia, alle forme pensionistiche complementari la valutazione circa l’opportunità di consentire o meno ai propri aderenti l’esercizio in concreto di tale opzione. è dunque agli statuti ed ai regolamenti delle forme pensionistiche complementari che bisogna far riferimento per stabilire se in concreto la forma in oggetto consente o meno di suddividere i flussi contributivi anche su diverse linee di investimento.


Dott. Gabriele Turelli – Rag. David Lotti


Staff La Previdenza.it


Aprile 2007


Partecipa alla discussione sul forum.