Contributi previdenziali

I contributi previdenziali si versano per maturare il diritto alla pensione e l’accesso alle altre forme previdenziali previste dall’ordinamento.

Spesso contributi previdenziali è sinonimo di contributi INPS, in quanto l’INPS è l’ente previdenziale per antonomasia (INPS è acronimo di Istituto Nazionale per la previdenza Sociale). Tuttavia non è il solo ente previdenziale, pensiamo a mero titolo di esempio alle casse previdenziali dei liberi professionisti….

In questa pagina raccogliamo tutti gli articoli dedicati ai contributi previdenziali

 


Ricerca in corso...

Consulenza del lavoro
L’INPS interviene in materia di minimali e massimali di contribuzione per gli iscritti alla Gestione Separata, chiarendo anche quali saranno le aliquote spettanti a ciascun soggetto in relazione alle specifiche condizioni della sua iscrizione alla predetta Gestione

Consulenza del lavoro News Fiscali - Commercialista Telematico Previdenza
Il D.L. n. 4/2019 ha introdotto la pensione cd. “Quota 100”, ossia un meccanismo in grado di favorire maggiormente l’esodo dal mondo del lavoro di particolari categorie di soggetti che ancora non hanno raggiunto i requisiti previsti per la pensione di vecchiaia. Assieme a tali norme, sistemi più agevolanti sono previsti per due specifiche categorie di lavoratori, ossia i lavoratori di sesso femminile e i lavoratori precoci

Circolare del lavoro Consulenza del lavoro
1) Pubblicate in G.U. le delibere del Comitato della gestione separata dell’INPGI e della Cassa dei Dottori Commercialisti
2) Ispettorato Nazionale del Lavoro: versione aggiornata del Testo Unico Salute e Sicurezza sul Lavoro
3) ANPAL: sospeso l’assegno di ricollocazione
4) INPS – Pubblicato il calendario 2019 per il pagamento delle pensioni
5) INPS: riapertura delle domande di riconoscimento delle condizioni per l’accesso all’APE sociale
6) INPS – Modalità di presentazione delle domande di pensione anticipata
7) D.L. n. 4/2019: riscatto agevolato del periodo di laurea entro i 45 anni
8) Agenzia delle Entrate - Somme rilevanti ai fini del reddito minimo per il rinnovo del permesso di soggiorno
9) INPS – Limite minimo di retribuzione giornaliera per l’anno 2019
10) Ispettorato Nazionale del Lavoro - Chiarimenti in merito alle maggiorazioni previste su alcune sanzioni in materia di lavoro
11) INPS – Importi massimi 2019 dei trattamenti di integrazione salariale, NASpI, DIS-COLL, ecc.
12) INPGI – Retribuzioni convenzionali per i giornalisti che operano all’estero
13) INAIL – Nuovo termine per la ripresa dei pagamenti per i Comuni colpiti dai sismi del 2016 e 2017
14) INPS – Indennità antitubercolari – importi per il 2019
15) Rinnovato in data 29 gennaio 2019 il CCNL ANFFAS
16) INPS – Istruzioni operative in materia di “quota 100” "Opzione donna" e pensione anticipata lavoratori precoci
17) Dirigenti aziende industriali: accordo sugli organismi bilaterali
18) Lavoratori domestici: importo contributi dovuti per l'anno 2019
19) Edilizia Artigianato: accordo sulle nuove forme di Welfare contrattuale
20) Applicazione alle cooperative sociali della disciplina in materia di impresa sociale

Consulenza del lavoro Previdenza
L’INPS, con due recenti circolari, fissa rispettivamente minimali e massimali di retribuzione per l’anno 2019 e gli importi per i trattamenti e le indennità (es. NASpI e DIS-COLL) stabiliti in misura massima per il nuovo anno 2019

Consulenza del lavoro
Per i datori di lavoro non solo l’introduzione di agevolazioni da parte della legge di bilancio 2019, la quale conferma e propone incentivi rivolti alle aziende più virtuose, ma anche, in maniera speculare e nella stessa ottica, inasprimento del quadro sanzionatorio in materia di lavoro nero. Il messaggio è chiaro: chi rispetta la legge risparmia, chi vìola la legge verrà punito un pò di più rispetto al passato

Consulenza del lavoro
L’INPS fornisce indicazioni per la corretta valorizzazione delle variabili retributive nei flussi UniEmens. Riprendendo quanto detto in precedenza con riferimento alla valorizzazione di ferie e Rol, specifica che, sebbene le variabili in questione siano disponibili per i 12 mesi successivi al periodo cui tali eventi si riferiscono, solo per l’anno 2019 tali variabili saranno utilizzabili entro i 18 mesi successivi rispetto alla denuncia all’interno della quale sono state assoggettate a contribuzione

Circolare del lavoro Consulenza del lavoro
1) Cosa prevede in materia di congedo obbligatorio, baby sitting, lavoro agile ed altre fattispecie la Legge di bilancio 2019
2) Legge di Bilancio 2019: le università private risultano essere escluse dalla disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato
3) Agenzie di stampa e giornali quotidiani: CCNL 19 dicembre 2018
4) Bonus asilo nido 2019: dal 28 gennaio è attivo il servizio per la presentazione delle domande
5) Deducibilità condizionata per i bonus erogati ai dipendenti alla luce dell’applicazione principio di derivazione rafforzata
6) INPS - Adeguamento speranza di vita: dal 2019 esclusi i lavoratori "gravosi" e gli addetti ad attività usuranti
7) INPS – Sistema Uniemens, dismissione di alcune applicazioni telematiche
8) Agenzia delle Entrate – Dal regime agevolato del welfare aziendale restano esclusi i benefit ad personam
9) INPS – Elaborazione imposizione contributiva per l’anno 2018 di artigiani e commercianti
10) Fondo pensione Arco - Chiarimenti in merito alla corretta gestione del versamento del contributo welfare
11) Disposizioni urgenti in materia di “Reddito di cittadinanza” e pensioni: pubblicato in Gazzetta Ufficiale
12) Fondo Pensione Complementare Naviganti del Trasporto Aereo - Piloti e Assistenti di Volo (Fondaereo) -
13) Facoltà di riscattare i periodi che non sono stati coperti da contribuzione
14) APE - nuovo codice tributo per recuperare il credito d’imposta

Consulenza del lavoro Contributi e finanziamenti News Fiscali - Commercialista Telematico
L’obiettivo dell’articolo di oggi è quello di procedere con un excursus ragionato delle principali agevolazioni applicabili nell’assunzione di giovani ovvero:
1. l’esonero contributivo introdotto dalla Legge di Bilancio 2018;
2. l’incentivo occupazione NEET;
3. l’esonero contributivo introdotto dal Decreto Dignità;
4. l’esonero contributivo “giovani eccellenze” introdotto dalla Legge di Bilancio 2019

Consulenza del lavoro IRPEF
Parlare di lavoro autonomo occasionale o di lavoro occasionale non è la stessa cosa, sebbene nel linguaggio comune le due tipologie possano essere confuse. Infatti, il lavoro occasionale è cosa diversa dal lavoro autonomo occasionale disciplinato dall’art. 2222 c.c.. Mentre nel corso del tempo il lavoro occasionale ha cambiato connotati più e più volte, mutando dal lavoro accessorio ai voucher, e poi alle Prestazioni Occasionali e al Libretto Famiglia, il lavoro autonomo occasionale non ha invece subito grandi modifiche ma rimane uno strumento molto utile al fine di inquadrare correttamente i collaboratori di un’azienda quando le loro prestazioni si svolgono con sostanziale autonomia

Consulenza del lavoro News Fiscali - Commercialista Telematico
Con la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dello scorso 28 gennaio 2019 è entrato in vigore il Decreto Legge con il quale è istituito il Reddito di Cittadinanza (con l’acronimo “RdC”). Esso, oltre a misure per abbattere la povertà, reca anche interventi volti a evitare che tale strumento diventi mero assistenzialismo: tra questi sicuramente molto importante è lo sgravio contributivo a favore dei datori di lavoro che decidono di assumere soggetti che percepiscono il RdC

Consulenza del lavoro
Il costo del lavoro che le aziende devono sostenere nel momento in cui decidono di inserire una risorsa stabilmente nel proprio organico spaventa non poco i datori di lavoro che, di fronte all’ipotesi di un contratto di lavoro a tempo indeterminato, hanno spesso timore di non riuscire a sopportarne gli oneri, in particolar modo quelli di natura previdenziale e fiscale. Il legislatore è intervenuto più volte nel corso degli anni per introdurre agevolazioni soprattutto di tipo contributivo a favore delle aziende più virtuose, individuando così un’occasione di risparmio che incentiva la scelta del datore di lavoro di stabilizzare il lavoratore. Nel corso della trattazione si farà riferimento a quelle agevolazioni rivolte ai giovani, cui il legislatore ha dato particolare rilievo negli ultimi anni, rimarcate ed ampliate dalla legge di bilancio 2019

Consulenza del lavoro
L’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito numerosi chiarimenti con riferimento al verbale unico di contestazione nei confronti del datore di lavoro, specificando nel dettaglio le azioni esperibili a seguito della notifica

Consulenza del lavoro News Fiscali - Commercialista Telematico
La Commissione nazionale per l’aggiornamento retributivo del lavoro domestico si è riunita presso il Ministero del Lavoro allo scopo di esaminare le retribuzioni minime dei lavoratori domestici per l’anno 2019 in relazione alla variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati. Si prevede così un aumento di tali valori per l’anno 2019

Consulenza del lavoro
Il reddito di cittadinanza dopo mesi di anticipazioni, indiscrezioni e modifiche sarà finalmente e in modo definitivo operativo a seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni” approvato dal Consiglio dei Ministri del 17 gennaio 2019. Il quadro operativo è sufficientemente delineato ma mancano ancora piccoli tasselli che si andranno via via completando. In attesa vengano messi a punto gli ultimi dettagli operativi di questa misura, non possiamo esimerci dal far notare che anche le aziende sono attivamente coinvolte nel processo di funzionamento del RDC: sono infatti previste importanti agevolazioni contributive per le aziende che assumeranno i soggetti beneficiari del reddito di cittadinanza

Consulenza del lavoro
Sono state stanziate risorse, per gli anni 2019-2020, a favore dei lavoratori privati che assumeranno giovani con un curriculum accademico universitario di notevole pregio. Tale incentivo comporta l’esonero dai contributi previdenziali per 12 mesi e nel limite massimo di 8mila euro, ma i soggetti assunti dovranno rispettare ben precisi requisiti di “eccellenza”. Vediamoli nel dettaglio

Consulenza del lavoro
È in scadenza il prossimo 28 febbraio la domanda per l’accesso al regime di contribuzione agevolata per i soggetti iscritti alla Gestione artigiani e commercianti aderenti al regime forfettario. A seguito delle modifiche apportate da ultimo con la Legge di Bilancio 2019 al regime forfettario, nulla è però cambiato con riferimento all’accesso a tale regime contributivo agevolato: purché permangano i requisiti per l’accesso al regime forfettario, è possibile infatti accedere a tale regime contributivo facoltativo e volontario, per il quale è necessario effettuare un’apposita domanda all’INPS. È in scadenza inoltre anche il termine per la rinuncia al regime contributivo agevolato, non solo per i soggetti che perdono i requisiti entro il 31 dicembre dell’anno precedente, ma anche per quei soggetti che volontariamente decidono di ritornare al regime contributivo ordinario dal 1° gennaio 2019: per tali soggetti, essendo difficile stimare entro il 31 dicembre se si è verificata la perdita dei requisiti, l’INPS consente ora di inviare la rinuncia entro il 28 febbraio dell’anno successivo

IRPEF IVA
Una delle novità più interessanti della Legge di Bilancio 2019 è l'estensione del regime forfettario a tutti i contribuenti che fatturano meno di 65mila euro. In questo articolo riassumiamo le novità apportate al regime forfettario: tali novità rendono il regime appetibile a moltissimi contribuenti. I punti chiave sono: le nuove soglie relative a ricavi e compensi, i limiti per l'accesso, i casi di esclusione, la possibile riduzione dei contributi INPS...

Consulenza del lavoro News Fiscali - Commercialista Telematico
Il bonus strutturale a favore dell’occupazione giovanile introdotto dalla Legge di Bilancio 2018 prevede uno sgravio contributivo del 50% (elevabile al 100% in particolari casistiche) a favore dei datori di lavoro che assumono giovani che non abbiano mai avuto un contratto a tempo indeterminato. Essendo tale sgravio strutturale, esso è valido anche per l’anno 2019, ma con una particolarità che riguarda l’età anagrafica: non sarà più possibile infatti assumere soggetti con età pari o superiore a 30 anni, al contrario di ciò che è avvenuto nel corso dell’anno 2018

Circolare del lavoro Consulenza del lavoro
1) Congedo di paternità 2019: sale a 5 giorni
2) Accordo integrativo del CCNL area comunicazione
3) Casse Edili: avvio al censimento per l’anagrafe di cantiere
4) Sistema Confapi - Avvio della contribuzione al Fondo Sanitario ENFEA SALUTE
5) INPS: entro fine anno la dichiarazione sostitutiva unica per non perdere gli arretrati del “bonus bebé”
6) Pubblicato il nuovo elenco dei soggetti abilitati alle verifiche periodiche delle attrezzature
7) In Gazzetta Ufficiale i comunicati del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sulla previdenza degli Enti professionali
8) Garante per la protezione dei dati personali: l’adesione alla nuova organizzazione sindacale deve rispettare la privacy
9) Premi di produttività per l’anno 2019: detassazione e decontribuzione - regole e importi
10) INPS: innalzamento del requisito anagrafico necessario per fruire dell’assegno sociale
11) Agenzia delle Entrate: chiarimenti in materia di deducibilità dei contributi INPS e dei premi INAIL
12) Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: riduzione premi INAIL per l’anno 2019
13) INPS: nuova convenzione INPS per la cessione del quinto
14) Chimica Industria: da gennaio decorre il nuovo contratto
15) F24: soppressione delle causali contributo “MATA”, “CADD” e “SADD”
16) Cigs: novità dall’Inpgi sul contributo addizionale
17) Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: appalto, contrattazione collettiva e responsabilità solidale
18) Considerazioni di Confindustria sul Decreto Legge 12 luglio 2018, n. 87 convertito in Legge 9 agosto 2018, n. 96 - Indicazioni operative
19) Commissione Tributaria di Treviso: non è tassabile il risarcimento per il danno da invalidità permanente
20) Suprema Corte di Cassazione: è licenziabile il dipendente che minaccia il proprio superiore
21) Suprema Corte di Cassazione: legittimità nell'utilizzo dei permessi per assistenza ad un familiare disabile

Consulenza del lavoro
Lunedì 17 dicembre 2018 (termine prorogato in quanto il 16 è domenica) i datori di lavoro sono tenuti a corrispondere all’Erario l’acconto 2018 dell’imposta sostitutiva sul TFR per pagare l'anticipo di imposte dovute dai lavoratori sul rendimento derivante dal trattamento di fine rapporto. L’imposta è pari al 17% e può essere determinata in base a due metodi di calcolo: il metodo storico o il metodo previsionale. Con il presente contributo si illustra come avviene annualmente la rivalutazione del TFR e quali sono i soggetti obbligati a versare l’imposta sostitutiva. Particolare attenzione verrà dedicata ai due criteri di calcolo menzionati. Un ripasso per ottemperare alla scadenza correttamente

Consulenza del lavoro
Con Decreto Interministeriale (Lavoro-Economia) del 4 ottobre 2018 è stata confermata, anche per l’anno 2018, la riduzione contributiva dell’11,50% prevista in favore degli operai a tempo pieno del settore edile. La riduzione ha effetto sull’ammontare delle contribuzioni dovute all’INPS e all’INAIL diverse da quelle di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti (Fpld). Ai fini dell’accesso occorre compilare il modulo “Rid-Edil”, le cui modalità d’invio saranno a breve specificate da un’apposita Circolare dell’INPS. L’obiettivo del presente contributo mira ad illustrare le caratteristiche, il campo di applicazione, nonché le condizioni per accedere alla riduzione contributiva, in attesa che l’Istituto previdenziale fornisca le istruzioni operative per l’invio dell’istanza e le modalità di compilazione del flusso UniEmens

Consulenza del lavoro
1) CCNL EDILI INDUSTRIA: novità sul Fondo Sanitario
2) Lavoro domestico - CAS.SA.COLF – Recupero dei versamenti
3) Libretto famiglia e prestazione occasionale, le nuove modalità di utilizzo
4) Reddito e pensione di cittadinanza, le novità della Legge di bilancio
5) Codici fiscali errati: la nuova funzione dell'INPS
6) Ministero del lavoro e delle politiche sociali: limiti al lavoro in somministrazione
7) INAIL: aumenta la misura delle prestazioni economiche per infortunio e malattia professionale
8) Mistero del Lavoro e delle Politiche Sociali: Contratto di lavoro intermittente e orario di lavoro
9) Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: proroga CIGS per causali di riorganizzazione aziendale, crisi aziendale e contratto di solidarietà
10) Corte Europea di Giustizia: fondazioni musicali – illegittima la mancata conversione a tempo indeterminato in caso di abuso dei contratti a termine
11) INPS: cumulo della pensione con redditi da lavoro autonomo
12) INAIL - Medico competente: comunicazioni dati allegato 3B
13) Contributo di licenziamento – Verifica delle condizioni di esonero per “completamento delle attività”
14) Suprema Corte di Cassazione – Prescrizione quinquennale dei contributi INPS anche se contestati

Consulenza del lavoro
L’INPS fornisce le specifiche istruzioni per datori di lavoro e intermediari con riferimento alla gestione dei premi di produttività disciplinati dalla Legge di Bilancio 2016

Consulenza del lavoro
L’INPS ha fornito alcune precisazioni in merito agli obblighi contributivi per le attività di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) svolte da soggetti non residenti, alla luce dei recenti interventi legislativi in materia di iscrizione alla Gestione separata INPS. In particolare, vengono fornite indicazioni in merito alla corretta applicazione delle norme in materia di legislazione applicabile ai soggetti iscritti alla Gestione separata INPS. Vediamo quindi nel dettaglio quando il lavoratore deve essere assoggettato alla legislazione italiana e quando invece a quella estera

Consulenza del lavoro
L’11 ottobre scorso il Parlamento ha approvato a maggioranza assoluta la nota di aggiornamento al DEF (NADEF), contenente tutte quelle misure che il Governo intende introdurre con la prossima Manovra Finanziaria. Il documento, in linea con il contratto di Governo, contiene numerose misure in tema di lavoro e previdenza, con l’introduzione della “quota 100” e della c.d. “opzione donna”, ma anche in tema di welfare con l’avvio del reddito di cittadinanza e della pensione di cittadinanza. Ulteriori misure complementari riguardano il rafforzamento dei Centri per l’impiego per sostenere il ricambio generazionale che si creerà grazie all’anticipo pensionistico e la tutela dell’occupazione migliorando la convenienza del contratto di lavoro a tempo indeterminato con l’incentivazione e la tutela del lavoro femminile

Consulenza del lavoro
Il MLPS, con una notizia pubblicata sul proprio portale telematico, ha ricordato che dal prossimo 30 novembre e fino al 10 dicembre 2018 sarà possibile inviare le domande di presentazione delle istanze di decontribuzione a valere sul fondo 2018 per contratti di solidarietà stipulati al 30 novembre 2018 – ovvero in corso nel secondo semestre 2017. Le domande possono essere presentate esclusivamente a mezzo PEC. Per i datori di lavoro iscritti all'INPGI, l'istanza va inoltrata anche all'indirizzo contributi@inpgi.legalmail.it. Alla luce dell’imminente scadenza, con il presente contributo si riepiloga dettagliatamente la disciplina di riferimento, nonché le modalità di presentazione dell’istanza

Consulenza del lavoro
L’INPS è intervenuto per chiarire le modalità di recupero dell’esonero contributivo, per l’anno 2017, delle imprese che al 30 novembre 2017 abbiano stipulato un contratto di solidarietà difensivo. Le aziende ammesse allo sgravio contributivo, pari al 35%, dovranno inserire nel flusso Uniemens, nell’elemento , il codice di nuova istituzione “L942”. Le operazioni di conguaglio devono essere effettuate entro il 16 dicembre 2018. Con il presente contributo, nel riepilogare la disciplina generale dei contratti di solidarietà difensivi, si individuano le istruzioni operative per fruire dell’esonero contributivo per il 2017

Modello Redditi - Unico
Il quadro RR del Modello Redditi 2018 deve essere compilato dai soggetti iscritti alle Gestioni previdenziali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali, nonché i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata, inoltre, deve essere compilato dai soggetti iscritti alla cassa italiana di assistenza e di previdenza dei geometri liberi professionisti (CIPAG) per la determinazione dei relativi contributi

Consulenza del lavoro Previdenza
L’INPS ha fornito le istruzioni in ordine alle modalità di compilazione del Quadro RR del modello “REDDITI 2018” cui devono attenersi i soggetti iscritti alle Gestioni previdenziali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali, nonché i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata. Le istruzioni forniscono un utile strumento per la corretta compilazione del Quadro RR, con l’indicazione specifica di ciascuna casistica.

Consulenza del lavoro Previdenza
Le tutele nei confronti dei lavoratori autonomi sono state notevolmente ampliate dalla L. n. 81/2017, la quale ha previsto la possibilità in capo a tali soggetti di sospendere il versamento contributivo in caso di malattia e infortunio grave. L'INPS ha fornito chiarimenti riguardo al funzionamento dell’istituto della sospensione, sia con riferimento ai lavoratori autonomi non imprenditori sia con rifermento alle collaborazioni coordinate e continuative

1 2 3 9
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it