Le presunzioni nel diritto tributario: definizione

di Cristian Casadei

Pubblicato il 15 settembre 2010

Enciclopedia di diritto tributario: cosa si intende per presunzioni nel diritto tributario.

Le presunzioni consistono in fatti o nozioni che, sebbene acquisiti o conosciuti, non forniscono alcuna diretta dimostrazione di situazioni o accadimenti, ma permettono comunque di risalire a queste attraverso un processo di logica consequenzialità.

In pratica, sono le conseguenze che la legge o il giudice trae da un fatto noto per risalire a un fatto ignorato.

 

Presunzioni legali, semplici e semplicissime

Si parla di presunzioni legali, se individuate direttamente dalla legge e presunzioni semplici, se ricavate ed apprezzate dal giudice; queste ultime possono essere ammesse solo se gravi, precise e concordanti.

Le presunzioni prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza vengono definite semplicissime.

 

Presunzioni legali assolute e relative

Le presunzioni legali, a loro volta, si distinguono, in assolute (iuris et de iure) o relative (iuris tantum); le prime, a differenza delle seconde, non ammettono la prova contraria.

Le presunzioni legali assolute hanno quindi un rilievo sostanziale, in quanto integrano direttamente la fattispecie che, secondo la previsione normativa, produce un certo effetto giuridico; quelle legali relative e quelle semplici, invece, rilevano esclusivamente sul piano probatorio.

 

Sull'argomento ti suggeriamo questi approfondimenti:

Le presunzioni nel diritto tributario

Sul valore delle presunzioni nel contenzioso tributario

La contabilità in nero aiuta le presunzioni del Fisco

L’utilizzo contro le persone fisiche delle presunzioni legali

 

Riferimenti normativi:

• Art. 2729 C.C.

Scarica il documento